Triplice fischio

Roma Atalanta 1-1 Un punto d'orgoglio

La Roma riesce a resistere al ciclone Atalanta e ad agguantare un pareggio che più che alla classifica fa bene al morare dei giallorossi.
Redazione de Il Legionario
inserita 3 mesi fa
145
4:00
1055
Fonseca mette in campo la formazione migliore, una sorta di provino per l’importantisima partita di giovedì prossimo contro il Manchester United. La Roma riesce ad arginare l’Atalanta grazie ad un pressing a tutto campo, ma dopo una ventina di minuti la squadra di Gasperini viene fuori e comincia a collezionare una miriade di palle gol. Dopo una paio di tentativi falliti da parte di Ilicic e Zapata, al 26 i giallorossi cedono all’azione in velocità dei bergamaschi che si conclude con Malinovskyi che anticipa Ibanez e batte Pau Lopez. La Roma avverte il contraccolpo e dopo pochi minuti rischia di subire il gol del ko a causa di un errore di Villar, ma Pau Lopez è bravo a neutralizzare il tiro di Freuler.

Nella ripresa Fonseca inserisce Bruno Peres per Calafiori che aveva avvertito un fastidio al flessore destro. Al 15’ Mkhitaryan accende una scintilla con una bella conclusione di poco alta, ma dopo 3 minuti è l’Atalanta a sprecare una ghiottissima palla gol con Muriel che a porta vuota spedisce incredibilmente fuori. La partita sembra diventata un tiro al bersaglio, ma i giallorossi resistono e al 24’ arriva la svolta: Gosens prende il secondo cartellino giallo dopo un brutto fallo su Veretout e viene espulso. La partita cambia con la Roma che ritrova fiducia e alla mezz’ora anche il gol con un gran tiro di Cristante dai trenta metri. Fonseca capisce che l’inerzia del match è ora dalla parte dei giallorossi e inserisce Carles Perez e poi Borja Mayoral per Villar e Mkhitaryan. Sul finale due clamorose occasioni per Dzeko e Perez avrebbero potuto ribaltare completamente il match, ma Gollini è bravo a blindare il pareggio. In pieno recupero si ripristina anche la parità numerica con l’espulsione di Ibanez.

La Roma è stata brava a resistere nel momento più duro del match e a colpire appena ne ha avuto l’occasione. Il risultato è giusto, ma nel finale la squadra di Fonseca, fosse stata più cattiva, avrebbe potuto conquistare il bottino pieno. Un punto che non serve molto alla classifica, ma potrebbe essere di morale per arrivare in quel di Manchester con la determinazione giusta.


ES






Acquista il libro "Io, il cancro e la Maggica" di Elena Sorrentino su Amazon e sostieni il progetto!

Seguici su Instagram, presto tante novita' e premi per i nostri follower

Copyright 2016 © By Il Legionario di Elena Sorrentino - Tutti i diritti sono riservati - Vietata la riproduzione non autorizzata