Analisi tattica dei gol

Zorya Roma 0-3 - L'analisi dei gol

a cura di Matteo Bianchetti
Redazione de Il Legionario
inserita 22 giorni fa
133
3:00
855
• 0 – 1 gol di El Shaarawy

 
 


La Roma vola in Ucraina e torna con 3 punti importanti per i gironi di Conference League.
La squadra di Mou va in vantaggio dopo soli 7 minuti con un guizzo del solito El Shaarawy.
L’azione è impostata dai piedi di Cristante, nel cerchio di centrocampo. Il numero 4 giallorosso verticalizza per Darboe che si muove bene fra le linee. Il giovane centrocampista controlla, alza lo sguardo e con un passaggio filtrante lancia El Shaarawy indisturbato verso la porta avversaria. Il Faraone dribbla il portiere in uscita e di sinistro manda il pallone in rete.
Ottimo lavoro tutto in verticale dei due mediani, Cristante e Darboe. Bravissimo quest’ultimo nella visione di gioco e nella precisione del passaggio. Splendida forma di El Shaarawy che con Mou sembra aver ritrovato nuova linfa vitale.


• 0 – 2 gol di Smalling

 
 


Nella seconda frazione di gioco la Roma raddoppia su calcio d’angolo con un colpo di testa di Chris Smalling.
Tiro dalla bandierina di sinistra, Pellegrini alla battuta, cross teso sul primo palo dove c’è Cristante che usa i suoi centimetri per prolungare di testa il pallone al centro dell’area piccola. Smalling è al posto giusto e al momento giusto così deve solo appoggiare il pallone in rete con la fronte.
È da evidenziare il lavoro fatto sui calci piazzati dove la Roma è sempre più pericolosa grazie a giocatori forti di testa e difensori che sanno segnare. Questo particolare è molto importante perché in tante occasioni può sbloccare partite difficili.


• 0 – 3 gol di Abraham

 
 


Passano due minuti e al 67’ Abraham chiude la partita con un rotondo 0 a 3.
Numerose triangolazioni fra i giallorossi, Darboe per El Shaarawy, El Shaarawy per Pellegrini, Pellegrini per Zaniolo al limite dell’area. L’esterno numero 22 prova a sfondare la difesa ucraina e un rimpallo libera Abraham alle spalle dei difensori. La punta inglese con il piattone destro manda il pallone alle spalle del portiere.
Azione ben impostata, con personalità e voglia di andare a chiuedere i conti. Bravi tutti gli interpreti, importante il lavoro dei trequartisti con El Shaarawy e Zaniolo in posizione centrale, a ridosso della punta, e Pellegrini pronto a mandare i compagni in porta con passaggi illuminanti. Sicuramente questa strategia serve per fare densità davanti alla difesa avversaria e trovare i gol per vie centrali, esattamente come nel primo gol di El Shaarawy.


Matteo Bianchetti





Acquista il libro "Io, il cancro e la Maggica" di Elena Sorrentino su Amazon e sostieni il progetto!

Seguici su Instagram, presto tante novita' e premi per i nostri follower

Copyright 2016 © By Il Legionario di Elena Sorrentino - Tutti i diritti sono riservati - Vietata la riproduzione non autorizzata