Pagelle

Roma Torino 3-2 - Il Pagellaio Matto

La dura legge dei “sessanta”. di Emiliano Petrone
Redazione de Il Legionario
inserita un mese fa
201
4:00
755
Ma cosa significa e cos’è questa legge? Ve lo spiego subito. Da grande appassionato di statistica, mi piace osservare durante le partite non solo lo svolgimento tattico ma anche ciò che accade a livello fisico nelle varie fasi di gioco. Ebbene ho una mia teoria secondo la quale, squadre di medio basso livello, quando approcciano alle partite con quella pressione estrema a tutto campo che non ti lascia respiro, incappano quasi sempre in due momenti di “calo” evidente, uno per tempo. Il primo solitamente avviene intorno ai venticinque minuti e dura una media di cinque/dieci minuti, l’altro quasi sempre al sessantesimo e può durare dai dieci minuti fino addirittura al fischio finale se proprio arriva il crollo totale. Ieri il Torino ha seguito abbastanza questa regola non calando però nel primo tempo ma crollando dal 59° fino alla fine se non fosse per quell’autogol che ha messo un po' di verve a una partita ormai chiusa.
Per il resto abbiamo visto una Roma in grande difficoltà nella prima frazione proprio per l’atteggiamento estremo del Torino ma molto meglio nella ripresa quando ha saputo aspettare il momento giusto per colpire e lo ha fatto con una perla del suo giocatore più forte. Il terzo gol sembrava aver messo fine alla serata ma a noi si sa, ci piace soffrire fino all’ultimo.

Mile SVILAR 6+ – Forse poteva fare qualcosina in più sul gol del pareggio, però si fa perdonare con due interventi (uno proprio provvidenziale che sarebbe valso l’1-2) e con delle uscite sempre “salva pericolo”.
Rasmus mannaggia KRISTENSEN 5 – A porta vuota non se po' prende palo. Bastava anche incrociare morbido dall’altra parte per vedere Milinkovic tuffarsi a vuoto sul lato sbagliato. Anche il resto della partita non è illuminante e tranne qualche chiusura, dalla sua parte trovano spesso lo spazio per la giocata.
Gianluca MANCINI 6 – Un po’ dormiente sullo stacco (comunque perentorio) di Zapata. Non commette altri errori ed è sempre abbastanza lucido negli interventi difensivi.
Evan NDICKA 6 – Torna titolare dopo la parentesi africana. Prestazione con pochissime sbavature e i soliti compiti d’impostazione. È sempre preciso ed efficace.
Chris SMALLING 7 – Pensavamo di averlo perso per sempre e invece lui torna e ci ricorda che se sta bene, l’attaccante per toccare una palla deve provvedere o autonomamente cercando nei propri pantaloncini, oppure comprandola al primo cinese aperto H24. (dal 78' Dean HUIJSEN 5.5 – Giusto il tempo di farsi l’autorete che rianima gli ultimi minuti di partita… Rianima sì… rianima delimor… prima o poi ce fate scoppià qualche vena.
ANGELINO 5 – Dalla sua parte Bellanova lo salta con troppa facilità. Giocatore che sta dimostrando tutti i suoi limiti e che, immagino, difficilmente rivedremo il prossimo anno (dal 64' Leonardo SPINAZZOLA 6 – Il suo ingresso serve più che altro a contrastare la fisicità di Bellanova ormai padrone di quella fascia).
Bryan CRISTANTE 5,5 - Serata nera per il nostro Bryan. In ritardo sullo stacco di testa di Zapata (anche se le colpe sono a metà con Mancini), sbaglia troppi passaggi, alcuni dei quali semplici e che diventano pericolose ripartenze avversarie. Meno male che almeno in fase di chiusura si fa trovare spesso nel posto giusto salvando il salvabile
Leandro PAREDES 6 – Partita più opaca rispetto alle ultime. Forse un po’ di stanchezza, forse il fatto che ha ricevuto incarichi più difensivi del solito per controllare Vlasic nella sua zona di campo; sta di fatto che alla fine ne esce una prestazione sufficiente. (dal 64' Edoardo BOVE 6 – Entra poco dopo il nuovo vantaggio per dare sostanza e copertura al centrocampo.)
Lorenzo PELLEGRINI 6 – Sin dall’inizio viene utilizzato più come mediano di supporto che come trequartista. L’idea di De Rossi è prendere il centrocampo ma nel primo tempo soprattutto il Torino va troppo più forte della Roma e ne consegue che non si riesca a produrre nulla oltre la trequarti avversaria, eccezion fatta per la ripartenza sprecata da Kristensen e per il rigore ovvio. (dall'86' Renato SANCHES s.v. In una serata dove Smalling riparte da titolare e Dybala mette dentro una tripletta, non poteva mancare il rientro anche di Renatino… Miracolo nella 34th strada)
Paulo DYBALA 8,5 – Come direbbe The Mask: “Spumeggiante”. È in serata di grazia e ciò che non gli riesce in fase di costruzione (per via della marcatura asfissiante degli avversari), gli riesce in fase conclusiva. Il secondo gol è da vedere e rivedere da ogni angolazione, anche dai bagni dell’Olimpico se possibile, fino alla nausea (ammesso che arrivi).
Sardar AZMOUN 6,5 – Altruista nei minuti iniziali con quell’assist mal sfruttato da Rasmus. Bravo a proteggere il pallone in qualche occasione, soprattutto quelle da cui nasce il rigore. (dal 64' Romelu LUKAKU 6.5 – Entra giusto in tempo per confezionare l’assist del 3-1.)
All. Daniele DE ROSSI 7 – C’è poco da dire. Sei partite di campionato, quindici punti raccolti con l’unico rammarico di aver perso (immeritatamente) contro la prima della classe. Aggiungiamoci anche il passaggio del turno in Europa e ciò che vediamo all’orizzonte non può che sembrarci positivo. Fisicamente la Roma è in crescita, tatticamente ci sono ancora alcune cose da rivedere soprattutto sulle palle inattive e a difesa schierata ma credo sia abbastanza intelligente da rendersene conto da solo. Il rientro di Smalling (al netto di ricadute o altri problemi) potrà risultare fondamentale negli equilibri difensivi perché a mio avviso c’è una Roma con l’inglese e una Roma senza l’inglese e stessa cosa vale per Dybala e Lukaku (a dire il vero inizio a pensarlo anche di Svilar). Il tempo ci dirà. Per ora prendiamo tutto ciò che arriva di buono e preserviamolo per i momenti di difficoltà.

Sabato si va a Monza. Altra partita complicata, altro sudore da versare per portare via punti. Saremo lì come sempre a sostenerla fino all’ultimo respiro.

Ad maiora


Emiliano Petrone





Copyright 2016 © By Il Legionario di Elena Sorrentino - Tutti i diritti sono riservati - Vietata la riproduzione non autorizzata