Pagelle

Roma Napoli 2-0 - Il Pagellaio Matto

A Natale puoi… fargli 2 pippi quando vuoi… (va letta cantando mi raccomando).
Redazione de Il Legionario
inserita 2 mesi fa
207
3:00
866
Nell’attesa di trovare sotto l’albero qualche gradito ritorno e magari anche qualche volto nuovo, ci prendiamo questi tre punti d’oro in uno scontro diretto e ci rimettiamo in carreggiata. Certo, ci aspetta una strada in salita nelle prossime gare, ma almeno la iniziamo con la marcia giusta ingranata.
Una Roma arcigna, cattiva, concentrata che lascia al Napoli le briciole, concedendo, in 90 minuti, davvero poco. Ovvio che di fronte non avevamo neanche la brutta copia del Napoli dello scorso anno ma quello è un problema loro, non nostro. Oggi, visto che sono le ultime pagelle prima di Natale, ho deciso di essere più buono, soprattutto con chi la sufficienza l’ha proprio strappata per un evento a favore…

RUI PATRICIO 6 – Passa tutta la partita a fare il presepe dietro la porta.
Gianluca MANCINI 7 – Gioca con un bel fastidio, oltre che il fardello della diffida sulle spalle. Pulito e cattivo come sempre. Gran partita.
Diego LLORENTE 7,5 – Annulla Osimhen per l’intera durata della gara e forse lo segue anche dopo sul pullman. Mastino napoletano.
Evan NDICKA 7 – Serata perfetta. Pochissime sbavature, concentrato e poi quella galoppata finale per l’assist verso Lukaku.
Rasmus KRISTENSEN 6 – Ha il dovere di arginare Kvara che però è distante anni luce da quello dello scorso anno. Comunque lui fa il suo e lo fa discretamente. (Dal 75' CELIK 7 – Il suo ingresso è molto importante perché da nuova linfa a una fascia che era diventata statica negli ultimi minuti. Costringe quindi il Napoli a non giocare più da quella parte perché lui sta in palla, recupera e riparte a duemila all’ora.
Bryan CRISTANTE 6,5 – Ammonito ingiustamente per un mezzo fallo, rischia l’espulsione pochi secondi dopo (e sarebbe stato un vero schifo). Una partita di grande sostanza e sacrificio. Qualche errore di troppo in fase di costruzione.
Leandro PAREDES 7 – Una delle migliori prestazioni, nonostante qualche sbavatura in fase di appoggio. Fa girare la squadra bene ed effettua alcune chiusure fondamentali. (Dal 71' PELLEGRINI 7,5 – Entra vestito da Babbo Natale e al primo vero pallone giocato, dona attimi di goduria a un intero popolo. I denti stavolta li fa stringere a castoro Mazzarri.
Edoardo BOVE 7 – Sì, è vero, sbaglia un gol clamoroso quasi dentro porta sparandola addosso al portiere che però è bravo a coprire lo specchio. Comunque, Edo corre per tutta la partita annullando molte delle ripartenze offensive del Napoli. Sontuoso
Nicola ZALEWSKI 6 – La cosa migliore della partita è stata subire quel bel calcetto da quel romanista “fracico” di Politano. Non azzecca un cross nonostante riesca sempre a saltare l’uomo. Da lui mi aspetto di più. (Dal 71' EL SHAARAWY 6 – Cilecca (per fortuna) il pallone che poi finisce sui piedi di Pellegrini. Sbaglia un contropiede e sbaglia anche alcuni appoggi, nonché quel dribbling folle all’indietro che fa ripartire il Napoli. In teoria erra anche sul contropiede del 2-0. Ha tutto il campo a disposizione e siamo 4vs1, avesse portato avanti la palla, anziché appoggiarla subito sulla fascia, il difensore del Napoli si troverebbe da lì a poco in enorme difficoltà avendo ben 2-3 calciatori avversari da contenere. Passando la palla subito, frena l’azione e permette un primo recupero dei difendenti. Lukaku è costretto poi a cambiare gioco per puntare la porta essendo lui il potenziale terminale offensivo. La sufficienza è proprio perché è Natale.
Andrea BELOTTI 6,5 – Grande sacrificio e poi quella giocata su Rrahmani in velocità, sul quale Bove non mette in rete da due passi. (Dal 71' AZMOUN 6 - Partecipa al gol del vantaggio, così come il faraone, sbagliando… Dal suo tiro rimpallato nasce infatti la conclusione obbrobriosa di Stephan che termina sui piedi di Lorenzo.
Romelu LUKAKU 7 – Diciamo che poteva fare molto meglio. Juan Jesus ha la meglio troppe volte e lui a un tratto sembra intristito dall’assenza di Paolino. Alla fine, al secondo pallone buono (il primo poteva sicuramente gestirlo meglio con quello “scavetto” parato da Meret) la sparacchia dentro chiudendo la serata di goduria.
ALL. José MOURINHO 7 – Prepara bene la partita nonostante le molte assenze. Una Roma tosta, concentrata e aggressiva non permette al Napoli di giocare e soprattutto di rendersi quasi mai pericoloso. Se solo avessimo più continuità…

Adesso ci aspetta un trittico pesantissimo e difficilissimo, con in mezzo la partita di Coppa Italia contro la Cremonese.
Inutile dire che uscire con altri sei, sette punti sarebbe la perfezione. Nei prossimi venti giorni ci giocheremo buona parte del campionato perché ciò che perderai, sarà difficile da recuperare. Un posto in Champions, manco a dirlo, sarebbe fondamentale per permetterci una ventata d’aria fresca sul prossimo mercato perché, parliamoci chiaro, andare avanti con i parametri zero e i prestiti non è proprio il massimo anche se a volte portano il nome di Lukaku e Dybala.

A questo punto… Buon Natale a tutti gli amici Giallorossi!
Ad maiora

Emiliano Petrone





Copyright 2016 © By Il Legionario di Elena Sorrentino - Tutti i diritti sono riservati - Vietata la riproduzione non autorizzata