In & Out

Frosinone Roma 0-3 - In & Out

Dimenticata la sconfitta con l’Inter e il pareggio a Rotterdam, la Roma ritorna in Serie A con una formazione rivoluzionata e alla ricerca di tre punti pesantissimi. Di Giovanni Acone
Redazione de Il Legionario
inserita 2 mesi fa
119
3:00
755
Davanti un Frosinone in cerca ancora di punti e che spera in un piazzamento nella parte sinistra della classifica. I padroni di casa sembrano meglio organizzati e più combattivi, mettendo spesso e volentieri in difficoltà la retroguardia giallorossa, guidata da un superbo Svilar che riesce a mantenere la porta inviolata (non scontato). Davanti a lui Huijsen e Mancini, mentre in attacco fa il suo esordio da titolare Sardar Azmoun. Il primo tempo è tanta sofferenza e difesa ad oltranza, la sblocca però il centrale olandese con un gol da cineteca: serpentina di trenta metri e tiro da fuori area. Al rientro ancora i ciociari provano a sfondare il muro, ma Azmoun e Paredes su rigore chiudono definitivamente il match. La testa è ora tutta al ritorno con il Feyenoord per completare il lavoro ed andare agli ottavi, mentre in campionato torneremo a giocare solamente lunedì pomeriggio col Torino.


IN

Mile Svilar

Eredita e tiene strette le chiavi della porta. La sua prestazione risulta fondamentale ai fini del risultato, interviene a più riprese su Kaio Jorge, Soulé e gli altri gialloblù. Sette parate e serranda chiusa per gli avversari. Anche De Rossi ora gli riconosce il grande momento di forma ed ha l’occasione per tenersi stretto il posto anche in futuro.

Leandro Paredes
Corona un’altra buona prestazione con il gol su calcio di rigore. Per un Cristante che nelle ultime uscite viene meno, c’è un Paredes che alza la voce e tiene le redini del centrocampo, facendo intravedere perché sia stato titolare nell’Argentina campione del mondo. Preciso anche quando si tratta di servire i compagni, gioca l’intera partita applicando buona pressione e intensità.


OUT

Romelu Lukaku

Dopo il ritorno al gol in Europa speravo in una riconferma anche allo Stirpe. Big Rom invece delude e gioca ancora una volta pochi palloni, certo condizionato dalla prestazione difficile anche del resto della squadra, ma non può bastare una sola occasione a partita. Da ritrovare la condizione.

Bryan Cristante
Durante la partita copre gran parte del campo, tenendo soprattutto la zona destra, ma non riuscendo in maniera efficace a fare da diga. Nessun contrasto vinto per lui in questo match e troppo spazio concesso a Gelli e Mazzitelli. Un paradosso che da quando ci sia De Rossi che tanto lo apprezza, lui sia calato nelle prestazioni.

Giovanni Acone





Copyright 2016 © By Il Legionario di Elena Sorrentino - Tutti i diritti sono riservati - Vietata la riproduzione non autorizzata