In & Out

Feyenoord Roma 1-0 - In & Out

La Roma torna nella capitale con il dovere di ribaltare tutto giovedì prossimo. A cura di Giovanni Acone
Redazione de Il Legionario
inserita 10 mesi fa
229
2:00
353333
Va in scena a Rotterdam l’andata dei quarti di Europa League, la Roma cerca di fare il colpo e mettere al sicuro la qualificazione, ma i padroni di casa resistono e beffano i giallorossi. Partita segnata anche dagli infortuni di Dybala e Abraham, entrambi costretti ad uscire, e dal rigore fallito dal capitano Lorenzo Pellegrini. Nella ripresa nonostante i cambi la porta rimane stregata, mentre gli olandesi centrano l’angolino con un tiro da fuori di Wieffer. I cambi non riescono ad incidere e le occasioni non vengono concretizzate, a questo si aggiunge la sfortuna e la Roma torna nella capitale con il dovere di ribaltare tutto giovedì prossimo. Torneranno entrambi gli infortunati e lo stadio sarà pieno al 100% di nostri tifosi, uno scenario unico che dovrà accompagnare l’ennesima impresa per arrivare in fondo a questa competizione.

IN

Roger Ibanez

Gioca una partita coraggiosa, spingendosi in avanti e forzando gli avversari a perdere palla anche nella loro metà campo. Rischia di soffocare le urla dei tifosi di casa con un colpo di testa al 63’ che viene però fermato da un difensore quando mancavano altri 10 cm perché il pallone entrasse completamente. Deciso e concentrato, sul gol non può fare molto.


OUT

Nicola Zalewski

Schierato sulla destra soffre sempre tanto in fase difensiva, non è un caso che parte dei gol arrivati nelle ultime partite vengano proprio da quel lato del campo. Se in attacco prova a spingere, quando c’è da serrare le fila si fa saltare troppo facilmente. Con l’ingresso di Celik viene riportato sulla sua fascia sinistra, ma è tardi. Tanti errori e troppe defezioni in un turno decisivo, al contrario di quanto aveva mostrato nell’andata con il Leicester lo scorso anno.

Tammy Abraham – Andrea Belotti
In stagione sette gol per il primo, quattro per il secondo. Troppo poco per una squadra che punta ad essere tra le migliori nell’Europa League e al terzo posto in Serie A. L’inglese sembrava essersi ritrovato, ma ha ricominciato a faticare da metà marzo, il gallo invece spesso e volentieri lavora molto di corsa e fisico, mancando anche di questo nell’andata dei quarti. Abbiamo aspettato tanto e continuato a dare fiducia, ma la mancanza di un attaccante in doppia cifra, escluso Dybala, inizia a diventare inaccettabile.


Giovanni Acone





Copyright 2016 © By Il Legionario di Elena Sorrentino - Tutti i diritti sono riservati - Vietata la riproduzione non autorizzata