Pagelle

Cagliari Roma 1-4 - Il Pagellaio Matto

Dybala e motori, gioie e dolori… di Emiliano Petrone
Redazione de Il Legionario
inserita 4 mesi fa
240
4:00
161414
Avevano già preparato tutto per il funerale. I fiori, il prete, gli addobbi e una gran bella omelia di addio per il mister. Tutti i meccanismi erano stati avviati con un paio di giorni d’anticipo, pronti al gran finale. Ma la Roma, quella vera, quella che scende in campo, non era d’accordo e così accende il motore, da una bella sgasata e dimostra che non solo è viva ma che ha intrapreso anche la strada del miglioramento.
Ieri sera, nonostante l’avversario e un arbitraggio che ha consentito al Cagliari di terminare la partita in undici quando anche in nove sarebbe stato un lusso; i giallorossi mettono in campo una prestazione di livello non solo concedendo poco o nulla ma dimostrando un netto miglioramento dal punto di vista del fraseggio e del dinamismo.
Anche questa volta lasciamo in campo un pezzo e che “pezzo”. L’entrata (a mio avviso) mirata di Prati su Dybala, costringe l’argentino all’uscita anticipata e per giunta in lacrime.

Rui PATRICIO 6,5 – Reattivo sul colpo di testa di Petagna nei primi minuti e pronto su un paio d’uscite come non vedevamo da qualche tempo. Qualcuno credo glielo abbia fatto notare…
MANCINI 6 – Non deve fare straordinari dalla sua parte e si guadagna la sufficienza senza troppa fatica.
CRISTANTE 6 – Petagna non è un fuoriclasse, questo lo sappiamo tutti, però può diventare un brutto cliente se quello del centrale non è il tuo ruolo. Qualche sbavatura e forse serviva più attenzione sul fallo di mano che regala il rigore al Cagliari ma se la Roma subisce poco è anche merito suo che tiene la difesa compatta e corta vicino al centrocampo.
NDICKA 6.5 – Oggi molto meglio sia in fase di costruzione sia in interdizione. Anche lui sembra si stia “sciogliendo” e s’intravedono segnali positivi di crescita. Da uno bell’anticipo di petto nasce il contropiede del raddoppio.
KARSDORP 6.5 – Quando con un cross fai segnare l’attaccante di petto quasi sulla riga di porta vuol dire che hai dato una palla perfetta. Non abbiamo visto solo quello ovviamente. Una buona prestazione anche se qualche volta si è fatto superare in velocità da Oristanio concedendogli il cross. (Dal 69' KRISTENSEN SV – Difficile dare una valutazione per quel poco che si è visto nonostante i venti minuti giocati)
BOVE 6.5 – Di cani malati come lui ce ne vorrebbero un paio in campo e un altro paio in panchina. Cercano di azzopparlo in più di un’occasione ma lui si rialza e macina chilometri su chilometri. Gira voce che a fine partita lo abbiano visto correre pure su Lungotevere Maresciallo Diaz.
PAREDES 7 – Uno dei migliori. Oltre i due assist riesce a far girare la squadra, dettare i tempi di gioco, pulire il pallone quando scotta sui piedi dei compagni. Oggi davvero una grande partita. L’unica pecca è quell’entrata senza motivo a gioco fermo che gli costa un giallo inutile. (Dal 79' CELIK SV)
AOUAR 6.5 – Molto bene in fase di fraseggio. Bello lo scambio con Spina e il movimento che ne segue utile a liberarsi per il gol del vantaggio. Lui e Bove fanno filtro e danno dinamismo alla manovra e questo aiuta anche Paredes a gestire il gioco. (Dal 69' PAGANO 6 – Quando entra fa sempre il suo. Non doveva risolvere la partita ma soltanto aiutare la squadra a restare compatta. Ci riesce.
SPINAZZOLA 6.5 – Assist e buone giocate. Attento in difesa e ottimo nelle ripartenze. Speriamo non sia solo una fumata illusoria.
DYBALA 6 – Ero tentato dal senza voto. Non perché non meritasse di essere giudicato ma semplicemente per il fatto che uno come lui è in grado di passare dal 5.5 al 7.5 con una giocata illuminante. Viene commissionato a Hitman Prati l’ordine di farlo fuori senza lasciare testimoni. Lo fa uscire in lacrime davanti 60 mila spettatori ma sembra nulla di grave per fortuna. Missione fallita. (Dal 40' BELOTTI 7,5 – A Roma abbiamo la fortuna di poter racchiudere una serie di concetti, di punti di vista, anche di ragionamenti complessi a rischio di diventare stucchevoli semplicemente con una parola sola. In questo caso la parola è “mecojoni”)
LUKAKU 7.5 – Giocatore SPA_VEN_TOSO… Lui è quello che “sposta gli equilibri” come l’anno a spostarli era quasi sempre Dybala. Segna addirittura di panza (no, non era petto dai, era panza, ne ha così tanta che gli arriva fin sotto il mento). Tiene in apprensione un’intera difesa con i suoi movimenti e la sua possenza devastante. Prova anche ad essere altruista quando cerca in tutti i modi di far segnare Dybala bruciando un contropiede killer.
All. MOURINHO 6.5 – Se fosse vero che dopo la partita con il Genoa la società abbia deciso di cacciarlo, non dovrebbero essere queste tre vittorie a cambiare il pensiero dirigenziale. Aspettiamoci quindi questo esonero paventato dal buon Zazzaroni… Azzardo un’ipotesi: la notizia l’ha messa in giro José per aizzare la squadra a sua protezione. Messaggio arrivato a destinazione e pronta risposta dei calciatori. Fine della storia.

Ad maiora.

Emiliano Petrone





Copyright 2016 © By Il Legionario di Elena Sorrentino - Tutti i diritti sono riservati - Vietata la riproduzione non autorizzata