Pagelle

Lecce Roma 1-1 | Le pagelle (con video)

Di Emanuele Grilli
Redazione de Il Legionario
inserita un anno fa
214
4:00
342929
RUI PATRICIO 5.5: Come successo ormai troppe volte prende gol in una delle poche occasioni vere create dai nostri avversari, senza reali colpe sulla marcatura ma con un errore in precedenza quando allunga in angolo un tiro pericoloso ma comunque bloccabile. Insicuro.

MANCINI 6: In una partita fisica dal primo all'ultimo minuto decide subito di usare le maniere forti, senza rischiare uscite anticipate dal campo ma presidiando la sua zona con sicurezza e autorità. Qualche errore qui e là non compromette una partita comunque pienamente sufficiente.

SMALLING 5.5: Sbaglia qualcosa di troppo in fase di possesso palla e si fa anticipare con troppa facilità da Baschirotto in occasione del gol dell'1-0. Per il resto gioca una partita abbastanza tranquilla e sicura, ma quell'errore non può che compromettere il mio voto finale.

IBANEZ 5: La prestazione di ieri è la risposta a chi continua a chiedersi perché Ibanez sia un giocatore così sottovalutato. Passa da una prestazione perfetta contro l'Empoli a una timida e impacciata contro il Lecce, subendo il forte pressing dei salentini e sbagliando molto sia in fase di possesso che di marcatura. Poche colpe invece sull'autogol, un episodio a dir poco sfortunato.

ZALEWSKI 5.5: Col passare delle giornate viene da chiedersi se l'exploit della scorsa stagione sia stato un episodio isolato o se stia semplicemente attraversando un brutto momento di forma. In fase offensiva non riesce quasi mai a rendersi pericoloso, mentre in quella difensiva lascia troppi spazi agli avversari che per fortuna non ne riescono ad approfittare.

CRISTANTE 5.5: Qualche lancio positivo in avanti non salva una prestazione molto sottotono, con gli avversari che quasi lo scherniscono in velocità e lo costringono a interventi in ritardo e poco precisi. Non ci sono stati errori particolarmente gravi, ma di sicuro non si è visto il suo solito contributo a tutto campo.

MATIC 6: Prende la sufficienza per i capelli con una ripresa in netto miglioramento, che bilancia un primo tempo mediocre fatto di tanti errori a cui lui non ci ha abituati. La speranza è che col rientro graduale di Wijnaldum riesca a formare un reparto più solido e soprattutto complementare.



EL SHAARAWY 6.5: Si vede fin da subito che è uno dei più ispirati dei suoi con tante discese dirompenti e un'occasione clamorosa parata da un Falcone in stato di grazia. Nella ripresa continua a proporsi in avanti venendo però poco considerato dai compagni di squadra. Peccato.

PELLEGRINI 6: Il voto è una media tra un primo tempo tra i migliori in campo e una ripresa ben poco entusiasmante, culminata da un errore al limite dell'area dove sceglie di tirare invece di servire El Shaarawy spedendo il pallone lontanissimo dallo specchio. Dispiace perché ha servito su un piatto d'argento le critiche a quei tifosi che non possono vederlo neanche quando gioca bene.

DYBALA 6.5: Non è la partita migliore per un giocatore tecnico come lui e si vede fin da subito, con tanti contrasti duri che avrebbero potuto compromettere il resto della gara. Nonostante ciò riesce a creare lampi di genio con tanti buoni duetti in avanti e il rigore imparabile che riequilibra una partita a dir poco complicata.

ABRAHAM 6.5: Probabilmente una delle migliori prestazioni stagionali in cui non è riuscito a trovare la via del gol. Si sente subito ispirato con tante belle giocate con Dybala e Pellegrini, andando vicino alla marcatura in almeno due occasioni e aiutando volentieri anche in fase difensiva. Meritava di più.

BELOTTI sv (Dall'83' per Abraham): Entra ancora una volta a pochi minuti dal novantesimo toccando pochissimi palloni e non riuscendo neanche a pensare di poter fare qualcosa di positivo. Sono con te gallo.

WIJNALDUM 6 (Dall'83' per Matic): Chiaramente è un voto sulla fiducia per un rientro tanto importante quanto fondamentale, per dare brio alla manovra e aiutare la squadra a raggiungere gli obiettivi prefissati a inizio stagione. Daje Gini.

SOLBAKKEN sv (Dall'88' per Pellegrini): Gioca poco più di 5 minuti toccando pochi palloni e sbagliando un appoggio in maniera quasi grossolana. Qualità tecniche mediocri o poca lucidità data dal misero minutaggio ad ogni partita?

MOURINHO 5.5:
Decide di riproporre lo stesso undici visto con l'Empoli dimostrando di voler puntare a questa partita ancor prima di pensare all'impegno europeo. Tutto giustissimo, se non fosse che nella ripresa si dimentica che si possono fare i cambi togliendo uno stanco Pellegrini all'88' e soprattutto un Abraham che nel finale avrebbe potuto fare comodo. Dubbioso.

VOTO DI SQUADRA 6: La prestazione complessivamente è stata anche sufficiente, se consideriamo le tante parate del portiere e le scelte quantomeno dubbie del direttore di gara. Serviva però maggiore precisione sia sotto porta che in fase difensiva, errori che hanno contribuito ai due punti persi in terra salentina.


Emanuele Grilli





Copyright 2016 © By Il Legionario di Elena Sorrentino - Tutti i diritti sono riservati - Vietata la riproduzione non autorizzata