Pagelle

Verona Roma 1-3 Le pagelle (con video)

a cura di Emanuele Grilli
Redazione de Il Legionario
inserita 4 giorni fa
219
0:00
400
PAU LOPEZ 6.5: Rispetto alle precedenti partite è costretto a molti più interventi complicati, soprattutto nel primo tempo quando il Verona ha deciso di attaccare con maggiore veemenza. Sul gol preso può fare davvero ben poco, per il resto riesce a dare gran sicurezza soprattutto sui calci d’angolo.

SANTON 5: A livello offensivo si fa notare spesso e volentieri con alcune discese abbastanza pericolose, ma a livello difensivo non riesce mai a dare la giusta sicurezza. Per gran parte della partita la sua fascia è a libera disposizione di chiunque, e viene salvato sul gol annullato del 2-1 da una posizione millimetrica di fuorigioco. Giornata difficile.

SMALLING 6: Il pressing forsennato dei padroni di casa lo mette stranamente in difficoltà, con alcuni anticipi di testa non sempre precisi per i compagni di squadra. Nonostante ciò rimane sempre attento e concentrato, fatta eccezione per il fallo di mano nella ripresa per fortuna annullato da un precedente fuorigioco.

MANCINI 5.5: La grande propensione offensiva del Verona lo mette fin da subito in difficoltà, e lo costringe il più delle volte a ricorrere al fallo tattico per evitare guai peggiori. Nel finale si riprende, ma deve ancora migliorare molto nella gestione palla in situazioni di forte pressing.

KOLAROV 5: Sul gol dell’1-1 si addormenta completamente lasciando libero Faraoni e facendolo colpire di testa liberamente. Non contento concede il bis e per fortuna viene salvato dal palo esterno. L’impressione sotto gli occhi di tutti è che dovrebbe riposare almeno una partita, anche se un campo come Milano in teoria richiederebbe la sua esperienza.



DIAWARA 6.5: Sicuro, attento e concentrato, nonostante alcune critiche di sporadici tifosi resto convinto che stia migliorando partita dopo partita. A dispetto del forte pressing riesce a gestire palla con una buona tranquillità, spazzando quando serve per far rifiatare i compagni di squadra. Forza Amadou!

VERETOUT 6: Nonostante il suo solito contributo a tutto campo dimostra di soffrire molto il pressing alto del Verona, con alcuni errori in fase di impostazione decisamente non da lui. Nel complesso la partita è comunque sufficiente, visto che non ha mai smesso di farsi vedere in mezzo al campo, ma non è riuscito ad esprimere tutto il suo potenziale.

KLUIVERT 6.5: Il modo con il quale è costretto a uscire dal campo è a dir poco assurdo, visto che spinge con una forza inusuale un giocatore che semplicemente stava andando verso la bandierina del calcio d’angolo. E’ da premiare però senza dubbio la grande discesa con annesso il gol che sblocca la gara, il secondo consecutivo ancora su assist di uno strepitoso Pellegrini.

PELLEGRINI 7: L’assist per il gol di Kluivert ha ricordato nella mente di tutti un famoso numero 10 che fino a qualche anno fa ha vestito la nostra maglia, anche se ovviamente bisogna andare piano coi paragoni. Per il resto si sacrifica a tutto campo con una grinta a dir poco invidiabile, chiudendo la partita come falso nueve senza riuscire ovviamente a dare lo stesso contributo che aveva dato fino a quel momento Edin Dzeko.

C.UNDER 5: Stanco, spossato e totalmente avulso dal gioco. Il turco torna dove aveva trovato la prima gioia in giallorosso ma sembra totalmente un altro giocatore, soprattutto per colpa di un pressing alto che gli ha sempre impedito di provare la sua solita giocata. Non era la partita per rivedere il vero Under, speriamo che Milano possa portargli maggiore fortuna.

DZEKO 6.5: A livello offensivo è praticamente nullo, ma è da premiare l’eccezionale spirito di sacrificio che lo ha portato a stare anche in zone del centrocampo a dare una mano ai compagni di squadra. E in più ha il merito di conquistarsi abilmente il rigore poi segnato dal Monito Perotti. Bene così Edin!

PEROTTI 7 (Dal 35’ per Kluivert): Finalmente si è rivisto il vero Monito!! Pronti via e segna con freddezza il rigore del 2-1, poi passa il secondo tempo a cercare spunti interessanti e al 92’ sforna un assist al bacio per il 3-1 definitivo di Mkhitaryan. A volte ritornano!

MKHITARYAN 7 (Dal 67’ per Under): Torna in campo anche in serie A dopo più di due mesi dall’ultimo infortunio, ed ha il merito fondamentale di farsi trovare pronto sull'assist di Perotti e chiudere una partita a dir poco complicata. Bene così!

FAZIO sv (Dall’ 86’ per Dzeko): Entra nel finale per dare copertura difensiva, e nonostante un pò di sofferenza contro i veloci attaccanti gialloblù, se la cava discretamente bene.

FONSECA 7.5: Dimostra di non sottovalutare nessuna partita mettendo in campo i soliti 11 e la squadra, seppur con fatica, risponde con una discreta solidità e compattezza. Merita un voto alto perché oltre a questo inserisce dalla panchina due dei 3 marcatori di questa partita, dimostrando di saper leggere bene anche i momenti complicati di ogni gara. Bene così Mister!

VOTO DI SQUADRA 7: Un voto positivo per una vittoria importantissima su un campo davvero molto complicato. La squadra ha dimostrato di soffrire molto la gran manovra di gioco dei gialloblù, ma ciò nonostante non si è mai disunita. Anzi, ha saputo soffrire nella ripresa per poi bucare il Verona con un azione da manuale del calcio. Ora sotto con l’Inter, con l’obbligo di fargli sudare il primato in classifica appena conquistato!


Emanuele Grilli





Acquista il libro "Io, il cancro e la Maggica" di Elena Sorrentino su Amazon e sostieni il progetto!

Seguici su Instagram, presto tante novita' e premi per i nostri follower

Copyright 2016 © By Il Legionario di Elena Sorrentino - Tutti i diritti sono riservati - Vietata la riproduzione non autorizzata