L'argomento
NEWS

Un Capitano. Il libro di Totti sarà presentato il 27 settembre al Colosseo.

Per la presentazione della sua autobiografia il Capitano invita tutti tranne Spalletti e Bianchi. Di Roberta Lanzolla
Redazione de Il Legionario
inserita 3 mesi fa
3213
5:00
142828
Dobbiamo rassegnarci, sarà molto più probabile vedere la Roma vincere lo scudetto che far riabbracciare Francesco Totti e Luciano Spalletti! Scherzi a parte, la telenovela tra l’ormai dirigente ed ex capitano della Roma e l’allenatore dell’Inter si arricchisce di un’ennesima appassionante puntata.
Totti presenterà la sua autobiografia, scritta a quattro mani con il giornalista Paolo Condò, il 27 settembre al Colosseo e ha pensato bene di invitare tutti, ma proprio tutti i tecnici che hanno guidato il suo processo di crescita dentro e fuori dal campo. Il suo non invito a Carlos Bianchi e Luciano Spalletti nasconde, però, un rancore che nei confronti del primo tutti ci saremmo aspettati, un pò meno per il tecnico toscano. Mi chiedo: Totti avrebbe potuto mettere da parte tutti i dissapori e concedere l’invito anche ad uno degli allenatore più vincenti della Roma. L’allenatore del record di gol, della scarpa d’oro, l’inventore del 4-2-3-1 con il Capitano falso nueve e che ha conquistato l’Italia e l’Europa intera?
Totti però ha un’idea molto precisa del tecnico toscano: secondo Francesco sarebbe stato proprio Spalletti a convincere Pallotta a farlo smettere di giocare, il tecnico, però, ha sempre smentito. Dal canto suo Spalletti pare averla presa con filosofia: "Se non sono tra i 'convocati' gli farò una sorpresa. Sicuramente leggerò il libro. Mi dispiace non esserci ma le scelte degli invitati le deve fare lui.
Lapidario, invece, Totti, che dopo aver qualche mese fa dichiarato di non voler mai più parlare con il suo ex allenatore, glissando: “Io non dimentico…”.

Roberta Lanzolla

Copyright 2016 © By Il Legionario di Elena Sorrentino - Tutti i diritti sono riservati - Vietata la riproduzione non autorizzata