Pagelle

Udinese Roma 0-1 - Le pagelle (con video)

a cura di Emanuele Grilli
Redazione de Il Legionario
inserita 25 giorni fa
197
0:00
733
MIRANTE 7: Rispetto alla partita con la Juve è costretto a molti più interventi salva risultato, aiutato sia dalla scarsa precisione dei bianconeri sia dai suoi riflessi mai calati nel tempo. Resto convinto che scegliendo lui come titolare negli ultimi due anni avremmo ottenuto almeno una quindicina di punti (e milioni) in più.

MANCINI 6: Come al solito si lascia andare ogni tanto ai suoi classici falli da dietro al primo controllo palla, un difetto che speriamo riesca a correggere col passare del tempo. Per il resto comunque se la cava più che dignitosamente, anticipando tutti con un buon tempismo e rimanendo concentrato fino all’ultimo minuto di gioco.

IBANEZ 7: Forse per la prima volta siamo davanti ad un giocatore che dopo essere partito dall’Atalanta migliora le sue qualità e non viceversa. Nel primo tempo salva un gol fatto anticipando Lasagna all’ultimo secondo, per il resto si diverte a correre su ogni zona del campo dimostrando grinta, temperamento e spirito di sacrificio. Continua così!

KUMBULLA 6.5: Gioca la sua seconda partita da titolare dimostrando tutte le belle cose che hanno convinto la Roma a puntare su di lui. Ottimo senso dell’anticipo, dialogo costante con i compagni e buona precisione nella gestione palla, qualità importantissime se si vuole diventare un punto cardine nella difesa a 3 di mister Fonseca.

SANTON 6: Ogni tanto si fa superare fin troppo facilmente dall’attaccante bianconero di turno, ma non si può non considerare l’eccezionale spirito di sacrificio e i numerosi recuperi difensivi nella fase più concitata della partita. Non è certo un fenomeno e lo sappiamo, ma si danna l’anima e questo mi basta.



VERETOUT 6: Rispetto alle solite prestazioni si fa notare molto di meno in mezzo al campo, con qualche tiro dalla distanza che purtroppo non ha sortito gli effetti sperati. Comunque merita ampiamente la sufficienza piena, vista la sua importante propensione ad arretrare in fase difensiva che ha permesso ai difensori di giocare palla con tranquillità.

PELLEGRINI 5.5: Sto cominciando a pensare che non esista effettivamente un problema Pellegrini, e che forse abbiamo un po’ sopravvalutato le sue qualità. Prova qualche passaggio interessante e cross pericoloso non riuscendo mai nel suo intento, spostandosi su diverse zone del campo senza mai però dare il contributo che ci si aspettava. Peccato.

SPINAZZOLA 6.5: Nel primo tempo sembra letteralmente indemoniato, con discese roboanti sulla fascia e una moltitudine di palloni pericolosi purtroppo non sfruttati dagli attaccanti giallorossi. Nella ripresa cala leggermente rimanendo comunque su altissimi livelli, confermando il suo status di giocatore imprescindibile per la fascia sinistra. Bravo Leo!

MKHITARYAN 5.5: Prova fin da subito a duettare coi compagni di squadra non riuscendo però quasi mai nel suo intento. Qualche errore nei passaggi e visibile stanchezza nella ripresa mi costringono a dargli una piccola insufficienza, anche se sono convinto che una volta ritrovata la forma tornerà il giocatore imprescindibile della scorsa stagione. Forza e coraggio!

PEDRO 7: Segna un gol semplicemente sublime, sfruttando un errore di Becao e scaraventando il pallone in porta con potenza e precisione. Già in queste prime partite si vede che è un giocatore di un'altra categoria, sicuramente non al massimo della sua carriera ma fondamentale per la manovra di gioco giallorossa. Pedro Pedro, ue!

DZEKO 4.5: Dire che la sua prestazione di ieri sia stata irritante è dire poco. Dopo pochi minuti sbaglia un gol praticamente già fatto, e da lì in poi non riesce a fare più nulla di buono per la causa giallorossa. Sponde, passaggi, anticipi di testa, sbaglia praticamente tutto quello che tenta di fare, e la speranza a questo punto è che si tratti di una giornata no e non di un pensiero velato ad un'altra squadra bianconera.

CARLES PEREZ 5.5: Entra nel finale per dare linfa vitale a un reparto offensivo stanco e affannato, non riuscendo però a fare nulla anche per colpa del momento non proprio altisonante di tutta la squadra. Comunque poteva fare di più.

KLUIVERT 5.5: Anche lui entra nei minuti finali per provare a sfruttare il modulo offensivo dei bianconeri e colpirli in contropiede per chiudere la partita. Obiettivo fallito.

CRISTANTE sv: Si prende di nuovo la fascia di capitano sistemandosi al centro del campo per provare a recuperare qualche pallone, senza toccarne però praticamente nessuno. Non che la cosa mi dispiaccia.

VILLAR sv: L’ingresso al 93’ per guadagnare qualche secondo l’ho trovato oltremodo offensivo per il giocatore stesso, tra i migliori della preparazione estiva e costretto finora a giocare solo 5 minuti nel finale di gara. Sarebbe tanto assurdo provarlo al posto dell’attuale Pellegrini?

FONSECA 6: Ottiene finalmente i primi 3 punti della stagione scacciando almeno temporaneamente le voci di un possibile esonero, anche se c’è ancora tanta strada da fare. La formazione titolare è giusta e questo non si discute, ma i cambi nel finale restano ancora un mistero. Perché tenere un Dzeko sfiduciato fino al 94esimo? Perché mettere il povero Villar giusto per fargli sentire il fischio finale? Speriamo che riesca presto a trovare anche lui il bandolo della matassa.

VOTO DI SQUADRA 6: Era importante vincere per movimentare la classifica in vista della sosta per le nazionali, anche se la prestazione c’è stata solo a sprazzi. Rispetto alla partita con la Juve abbiamo sofferto molto di più l’offensiva degli avversari, mostrando qualche lampo di gioco ma senza mai convincere al cento per cento. Ora vediamo quali saranno le mosse finali e come ci riorganizzeremo per il proseguo del campionato.


Emanuele Grilli




Acquista il libro "Io, il cancro e la Maggica" di Elena Sorrentino su Amazon e sostieni il progetto!

Seguici su Instagram, presto tante novita' e premi per i nostri follower

Copyright 2016 © By Il Legionario di Elena Sorrentino - Tutti i diritti sono riservati - Vietata la riproduzione non autorizzata