In & Out

Torino Roma 3-1 - In & Out

a cura di Giovanni Acone
Redazione de Il Legionario
inserita 2 mesi fa
189
4:00
944
Una partita che rispecchia una stagione: la Roma che gioca bene inizialmente, poi (Pedro in primis) butta al vento occasioni su occasioni e non chiude il match, il Torino tira fuori la partita della vita e ribalta il risultato. Il match inizia bene col gol di Borja Mayoral, i giallorossi sembrano avere il giusto piglio e arrivano una, due, tre volte almeno davanti a Milinkovic Savic, ma non capitalizzano mai. In difesa Ibanez e Cristante devono sopperire all’ennesima partita in cui il terzo centrale (Fazio) decide di giocare così tanto perché si trova da quelle parti. Abisso toccato nel momento dell’espulsione di Diawara, con un primo giallo dubbio, che segna ormai il finale. Passare da prenderne due in due match con l’Ajax a tre in novanta minuti con un Torino che balla in zona retrocessione, è assurdo. La differenza è la presenza di Mancini, non credo sia un caso. C’era l’opportunità di accorciare sul quarto posto, visto il risultato di Bergamo, ma come al solito, viene buttata al vento. Uno spettacolo deplorevole.


IN

Borja Mayoral

Unica sufficienza oggi. Non c’è molto d’aggiungere, se non fosse che tra i suoi piedi, oltre quello con cui si apre il match, potrebbero passare anche i gol del due a zero e un assist per il terzo, ma i compagni di reparto non supportano l’iniziativa. Sul filo dell’offside supera la difesa del Torino e segna dopo soli due minuti, poi dopo un primo tempo di sprechi, finisce per oscurarsi anche lui e viene sostituito da Dzeko. Seconda rete di fila in campionato e prestazione buona in una marea di orrori dei suoi.


OUT

Pedro

Quando vedo queste partite non mi capacito che sia lo stesso giocatore che ha vinto tutto con Barcellona e Chelsea. Spreca prima affrettando una conclusione sulla quale Mandragora trova i riflettori, deviandola. Poco dopo potrebbe darla a Mayoral in un contropiede quattro contro due, ma vuole ancora testardamente cercare la gloria personale e il Torino ringrazia. Buono il tocco che fa da assist, poi? Il buio oltre l’avvio per Pedro. Carles Pérez non fa meglio di lui a completare una coppia di ali che creano pochi pericoli.

Federico Fazio
Prima perde Sanabria, poi regala a Belotti il pallone per il 3-1. Sembra partire meglio rispetto alle altre volte, ma poi si abbandona al solito mezzo servizio facendosi aprire in due dal 9 del Toro. Il problema è che non puoi ambire a più del settimo posto se questi sono i giocatori che hai a disposizione.

Antonio Mirante
Nella prima frazione sembra che sia ancora lui l’ancora a cui aggrapparsi per la porta inviolata. Il break però ci restituisce un altro giocatore, insicuro e impreciso. A farfalle nell’uscita sul gol di Sanabria, respinge male anche nell’occasione del gol di Zaza. Nel primo tempo è Pau Lopez visto ad Amsterdam, nel secondo quello del ritorno a Roma. Ennesimo segnale che alla Roma serve un portiere che alzi la voce, uno sicuro e che dia più certezze in giornate come oggi.


Giovanni Acone



Acquista il libro "Io, il cancro e la Maggica" di Elena Sorrentino su Amazon e sostieni il progetto!

Seguici su Instagram, presto tante novita' e premi per i nostri follower

Copyright 2016 © By Il Legionario di Elena Sorrentino - Tutti i diritti sono riservati - Vietata la riproduzione non autorizzata