Pagelle

Spezia Roma 0-2 | Le pagelle (con video)

di Emanuele Grilli
Redazione de Il Legionario
inserita 14 giorni fa
111
4:00
644
RUI PATRICIO 6: La prestazione senza sbavature di tutto il pacchetto difensivo gli permette di passare un pomeriggio tranquillo e rilassato, con soltanto qualche uscita tempestiva che ha impedito ai padroni di casa di creare anche il minimo problema. Relax.

MANCINI 6.5: Sta crescendo partita dopo partita e si vede, con tanti anticipi puliti in mezzo al campo e un'attenzione costante al portatore di palla dei padroni di casa. Una conferma del suo momento di forma? L'assenza di cartellini gialli che gli permetterà di essere a disposizione nella delicata trasferta di Napoli. Sicuro.

SMALLING 6.5: Ormai non fa più notizia la prestazione da leader assoluto dell'inglese, capace di chiudere ogni varco in area di rigore senza permettere ai propri avversari anche solo di pensare qualcosa. Qualche errore in fase di possesso non compromette una partita pienamente sufficiente di un giocatore che deve restare nella capitale.

IBANEZ 7: Giganteggia fin dai primi minuti su ogni zona del campo, gestendo palla con autorità e rendendosi protagonista di una cavalcata offensiva che sorprende tutti, Abraham compreso. Quando è in forma è semplicemente invalicabile, il che lo rende uno dei giocatori più sottovalutati di tutto il campionato.

CELIK 6: Rispetto alle solite prestazioni si nota molto di più in zona offensiva, con tanti passaggi precisi e cross pericolosi purtroppo non sempre sfruttati a dovere. Nel finale macchia una prestazione più che positiva con un giallo evitabile, che fa scattare la squalifica per la prossima sfida di campionato contro il Napoli.

CRISTANTE 6: Si occupa principalmente di fare lavoro sporco in mezzo al campo, recuperando palloni e gestendo il possesso palla senza rallentare troppo la manovra offensiva. Complessivamente riesce appieno nel suo scopo, anche se con qualche fallo di troppo che gli avrebbe potuto costare caro. Graziato.

MATIC 7: Uno dei pochi giocatori capaci di darmi una totale tranquillità ogni volta che tiene il pallone tra i piedi. Sicurezza, fisicità, precisione nei passaggi e una volontà ferrea nel mandare la palla in avanti ed evitare continui passaggi tra difesa e centrocampo. L'esperienza che fa la differenza.

ZALEWSKI 6.5: Fin dai primi minuti si sente particolarmente ispirato in zona offensiva, con diverse conclusioni dal limite che però non inquadrano lo specchio della porta. Questo però non gli impedisce di fare una prestazione positiva anche a livello difensivo, il che conferma il suo ottimo stato di forma sotto tutti i punti di vista.



DYBALA 7.5: Rispetto alle recenti prestazioni inizia un po' con il freno a mano tirato, salvo poi crescere alla distanza e risultare ancora decisivo con 2 assist sui 2 gol della Roma. Riesce a trovare spazi dove nessuno riuscirebbe a farlo, confermando oltre alle capacità tecniche un'intelligenza tattica che in Italia pochi possono permettersi.

EL SHAARAWY 7: Si prende subito la scena fin dai primi minuti con due tiri pericolosi che mettono in seria difficoltà la retroguardia bianconera. Alla fine del primo tempo è abile a dare il via al contropiede e chiuderlo di fatto pochi secondi dopo con il gol che sblocca il risultato. Merita più spazio.

ABRAHAM 7: Due gol, due assist e un gol salvato sulla linea. Questo il bottino di Abraham in campionato dall'inizio del nuovo anno, che conferma l'ottimo stato di forma dell'inglese e il suo ritorno, a piccoli passi, al centro del progetto giallorosso. La serenità in campo è il primo passo per essere decisivi e speriamo che Tammy l'abbia pienamente ritrovata.

BOVE 6 (Dal 71' per El Shaarawy): Entra al posto di El Shaarawy rinforzando il centrocampo e chiudendo ogni possibile falla in mezzo al campo. Riesce nel suo compito seppur con pochi palloni effettivamente gestiti.

BELOTTI sv (Dall'85' per Dybala): Entra nel finale solamente per far rifiatare uno stanco Dybala, non riuscendo ad avere il tempo materiale per creare qualcosa in zona offensiva.

SOLBAKKEN sv (Dal 93' per Abraham): Mi ha fatto una grande tenerezza vederlo riscaldarsi a bordo campo conscio del fatto che avrebbe giocato una manciata di secondi, un atteggiamento professionale per un giocatore che meriterebbe qualche minuto in più.

CAMARA sv (Dal 93' per Cristante): Torna in campo nel 2023 solamente per qualche secondo prima del fischio finale dell'arbitro. Così è veramente difficile.

MOURINHO 6.5: Nonostante la spinosa questione Zaniolo riesce a compattare il gruppo e a tenerlo concentrato solo sulla partita, schierando in campo tutti i diffidati e confermando in questo modo la volontà di pensare al presente e non al futuro. Mezzo voto in meno per i cambi un po' tardivi tra cui quello di Celik che poteva tranquillamente andare in panchina.

VOTO DI SQUADRA 7: Il risultato di 0-2 non rende giustizia a una Roma che complessivamente ha convinto appieno sia in fase difensiva che offensiva. Dopo il gol del raddoppio la squadra ha preferito contenere le offensive dello Spezia, che si è limitato a qualche tiro insidioso dalla distanza senza creare effettivi pericoli verso la porta di Rui Patricio. Solidità.


Emanuele Grilli



Copyright 2016 © By Il Legionario di Elena Sorrentino - Tutti i diritti sono riservati - Vietata la riproduzione non autorizzata