In & Out

Siviglia Roma 2-0 - In & Out

a cura di Giovanni Acone
Redazione de Il Legionario
inserita 3 mesi fa
284
0:00
1088
Finisce in maniera deludente il cammino della Roma nelle coppe europee. Volendo evitare un inutile polemico discorso sulla condotta dei giocatori e dell’allenatore spagnolo, non posso far altro che sottolineare una grave assenza dei giallorossi in tutte le fasi di gioco. La Roma non difende, non attacca, non crea, non costruisce. Seppur con un arbitraggio troppo permissivo da entrambe le parti (assurdi certi falli non fischiati: mi viene in mente quello subito da Zaniolo nel primo tempo), i nostri non sfruttano in maniera positiva la tensione, fattore su cui invece giocano bene gli spagnoli che dominano.
Gravi mancanze, come già avevo più volte sottolineato nel corso dell’anno, a centrocampo, tallone d’Achille di una squadra priva di Veretout e di carattere.
Fonseca sembra arreso nel finale, in un momento dove forse si ha bisogno di una spinta in più.


IN

Gonzalo Villar

Gioca poco, da subentrato ma è quello più vicino ad una sufficienza. Gli esigui palloni che gli capitano li gestisce per bene, cercando di ravvivare una squadra in totale confusione. Piccolo segnale positivo da parte del giovane spagnolo.



OUT

Pau Lopez

Se c’era una cosa che mi piaceva di Alisson erano le urla. Il brasiliano comandava la sua difesa, dava sicurezza ai suoi, un generale in campo che richiamava i compagni in continuazione. Pau è l’opposto, un timido soldato, timido sia con i suoi alleati che con i “nemici”. Ennesima prestazione orrenda da parte dello spagnolo che in entrambe le occasioni dei gol fa ben poco per opporsi. La Roma ha bisogno seriamente di un portiere che tenga la porta al sicuro e che si faccia sentire, un portiere di carattere. Pau non corrisponde all’identikit. Se il futuro nuovo DS decidesse di mandarlo via, certo capirei la sua scelta.

Diawara – Cristante – Pellegrini
Di questi tre oggi, a parte gli scatti di nervosismo dell’ultimo, non ricordo nulla di buono. Pochissima roba, pochissime azioni create, pochissima presenza. Il centrocampo andaluso si diverte per 90 minuti ed anzi, spinge i giallorossi solo ad essere ancora più confusi e nervosi (vedi Mancini espulso nel finale). Cristante gioca tutta la partita, ma praticamente non si sente mai, Diawara esce ma prima della sostituzione non esalta e Pellegrini entra, ma si accende solo verbalmente contro il direttore di gara e Lopetegui.
Questa partita avrà chiarito i dubbi sull’importanza di Veretout in campo, perlomeno.


Giovanni Acone




Acquista il libro "Io, il cancro e la Maggica" di Elena Sorrentino su Amazon e sostieni il progetto!

Seguici su Instagram, presto tante novita' e premi per i nostri follower

Copyright 2016 © By Il Legionario di Elena Sorrentino - Tutti i diritti sono riservati - Vietata la riproduzione non autorizzata