Pagelle

Roma VS Borussia Monchengladbach - Le pagelle (con video)

a cura di Emanuele Grilli
Redazione de Il Legionario
inserita un mese fa
250
0:00
633
PAU LOPEZ 6: Gli unici due tiri pericolosi che riceve finiscono sulla traversa il primo e in fondo alla porta il secondo, e se non fosse stato per una scelta scellerata dell’arbitro avrebbe meritatamente mantenuto la porta inviolata. Peccato.

SPINAZZOLA 6: Sulla sua fascia non ha nessun tipo di problema a fermare ogni diretto avversario, soffrendo solo nei minuti finali ma mai in maniera particolarmente evidente. Nel primo tempo prova a ripetersi dopo il gol con il Wolfsberger ma la sua conclusione potente viene intercettata da un difensore.

SMALLING 7: Dopo Olsen diventa il secondo giocatore giallorosso a causare un rigore per fallo di faccia. Gioca una partita ottima fatta di tanti anticipi e una buona gestione palla, che lo rendono uno dei migliori acquisti di questa prima parte di stagione giallorossa.

FAZIO 7: Torna titolare dopo diverse settimane e nonostante il campo pesante dimostra un'ottima concentrazione su ogni tipo di azione offensiva degli avversari tedeschi. Preciso, attento e sicuro, se riuscissimo a recuperare appieno anche lui potremmo dire senza dubbio di avere un reparto difensivo di ottimo livello.

KOLAROV 5.5: La mancanza di reali alternative sulla sua fascia lo costringe ancora una volta a stringere i denti, e il campo pesante non sembra essere la cosa migliore per favorire le sue caratteristiche. Inizia con discese dirompenti e tanti passaggi al centro del campo, ma finisce in grande difficoltà dimostrando se non altro uno spirito combattivo da vero guerriero.






MANCINI 7: Gioca la sua prima partita come centrocampista davanti la difesa e riesce nel complesso a non demeritare affatto. Anzi, si rende protagonista di tanti passaggi precisi e un'attenzione sia al reparto difensivo sia a quello offensivo, qualità che confermano come nelle ultime partite sia in assoluto crescendo sotto ogni punto di vista.

VERETOUT 6: Cambiare compagno di reparto ogni giornata sarebbe difficile per chiunque, ma nonostante ciò il francese mette muscoli e polmoni a tutto campo, con qualche fallo di troppo ma senza mai rifiatare nei momenti più complicati della partita. Prova qualche lancio illuminante servendo ottimamente i compagni di squadra, giocatore di un'importanza stratosferica.

KLUIVERT 5.5: Inizia come aveva finito la scorsa giornata, con un fallo inutile su un avversario a palla lontana e un giallo a dir poco evitabile. Per il resto si intestardisce con i suoi soliti dribbling ubriacanti che mettono in difficoltà più se stesso che il diretto avversario, anche per colpa di un terreno pesante che ha palesemente limitato le sue qualità tecniche.

PASTORE 6.5: Rispetto all’olandese il Flaco dimostra fin da subito di trovarsi a suo agio sul terreno pesante dell’Olimpico, con un'ottima gestione palla e tanti fraseggi precisi con i compagni di squadra. Prova una giocata simile ad un suo famoso gol in Champions ma il portiere devia in calcio d’angolo. Dimostra che ha ancora qualche cartuccia da sparare in questa stagione.

ZANIOLO 6.5: Trova il suo secondo gol in Europa League con un perentorio stacco di testa, e un'esultanza a dir poco polemica diretta principalmente a un ex allenatore di nostra conoscenza (Fabio Capello ndr). Per il resto prova come al solito ad illuminare l’azione di gioco della squadra, finendo però per sbattere spesso sugli avversari che lo hanno fermato con non poche difficoltà.

DZEKO 6.5: Nella situazione in cui si ritrova era facile aspettarsi un timore particolare sui palloni alti, allora decide come al solito di gestire palla rendendosi protagonista di alcuni lanci da campione vero. Uno di questi permette a Florenzi di trovarsi solo davanti il portiere, con il capitano che sbaglia il più facile dei gol.

PEROTTI 5.5 (Dal 62’ per Pastore): Entra per ritrovare minuti nelle gambe ma fin da subito si nota una condizione fisica a dir poco imbarazzante, con delle inquadrature improponibili che lo ritraggono spompato dopo pochi minuti dall’ingresso in campo. Dispiace tanto dirlo, ma se fisicamente non ce la fa più è giusto si faccia da parte.

ANTONUCCI 5.5 (Dal 77’ per Zaniolo): Entra principalmente per far rifiatare Zaniolo in vista del Milan, ma si mette in mostra prevalentemente con dei falli inutili in mezzo al campo.

FLORENZI 5 (Dal 84’ per Kluivert): Il gol sbagliato nel finale è da matita rossa, soprattutto perché avviene prima dell’errore imbarazzante dell’arbitro che porterà poi al pareggio finale. Se non concretizzi certe occasioni si può dire che te la vai anche a cercare…

FONSECA 6.5: Giudicare le sue scelte sui cambi è veramente difficile, visto che ormai da diverse settimane sono praticamente obbligati. E’ da premiare invece la scelta di aver messo Mancini centrocampista e di aver dato un'impostazione più accorta a tutta la squadra, che se non altro ci ha messo tanta grinta in tutte le zone del campo. Nonostante siamo ormai al quinto pareggio consecutivo, sono convinto che presto riusciremo ad uscire dalle sabbie mobili.

VOTO DI SQUADRA 6.5: Una prestazione tutto sommato positiva considerando le tante defezioni e la pioggia che per gran parte della gara ha colpito lo stadio Olimpico. Se da un lato si segna ancora troppo poco, dall’altro non si può non notare che nelle ultime 5 partite siano arrivati solamente 3 gol, di cui 2 su calcio di rigore. Motivo per cui penso che con il rientro dei titolari sia davanti che a centrocampo, la situazione potrà senza dubbio migliorare.


Emanuele Grilli





Acquista il libro "Io, il cancro e la Maggica" di Elena Sorrentino su Amazon e sostieni il progetto!

Seguici su Instagram, presto tante novita' e premi per i nostri follower

Copyright 2016 © By Il Legionario di Elena Sorrentino - Tutti i diritti sono riservati - Vietata la riproduzione non autorizzata