Pre Match

Roma VS Astra Giurgiu - Pre match

In tutto questo caos, abbastanza tipico ormai dalle parti di Trigoria, domani c’è una partita di Europa League da non sottovalutare (di Francesco Giovannetti)
Redazione de Il Legionario
inserita 10 mesi fa
676
9:00
232222

L’evento passato alla storia come Totti Day, cioè il giorno in cui il Capitano giallorosso (a cui rinnoviamo i migliori auguri) ha festeggiato i suoi 40 anni, ha distolto almeno in parte l’attenzione da un ambiente che si stava nuovamente surriscaldando dopo la brutta sconfitta contro il Torino e le parole al veleno di Ilary nei confronti di Spalletti. Ancora una volta ci ha pensato il numero 10 a risolvere la situazione (come fa solitamente in campo) attraverso un comunicato in cui ha ribadito i comuni interessi con Spalletti e Pallotta, nonostante poi il tecnico di Certaldo in serata ha lanciato una frecciata piuttosto evidente alla Blasi nel videomessaggio di auguri per Francesco.

In tutto questo caos, abbastanza tipico ormai dalle parti di Trigoria, giovedì c’è una partita di Europa League da non sottovalutare, sia per il pessimo score della Roma americana nelle competizioni continentali (3 vittorie in 23 partite, dato abbastanza eloquente) sia per l’importanza del ranking di squadra in vista di eventuali prossimi sorteggi. Di fronte c’è una squadra fondata nel 1934 e rifondata nel 2005: nella scorsa stagione hanno vinto il campionato rumeno, venendo poi eliminati dal Copenaghen nel primo turno preliminare per la Champions ed eliminando a loro il West Ham nell’ultimo turno, quello valevole appunto per i gironi di Europa League.

Il tecnico, Marius Sumudica, è un ex attaccante che ha militato prevalentemente in patria con una parentesi in Portogallo, senza trovare mai però eccessiva gloria. Predilige comunque un atteggiamento offensivo, e vedremo se riuscirà a mantenerlo anche contro la Roma.

Nel 4-2-3-1, che dovrebbe essere il modulo scelto, tra i pali ci sarà Lung: davanti a lui, Gaman e Gerardo Alves (fratello di Bruno, ora in forza al Cagliari e fresco vincitore di Euro 2016), con Queiros e Morais sulle fasce. Quest’ultimo, capitano della formazioni di Giurgiu, ha dichiarato che la squadra ama il calcio offensivo e lotterà per cercare quantomeno il secondo posto.

A centrocampo la coppia scelta per schermare la difesa dovrebbe essere composta da Takayuki e Boldrin: il primo, oltre ad essersi allenato anni fa in Brasile per migliorare tecnicamente, ha anche giocato a futsal in gioventù.

Davanti a loro tridente composto da Boudjemaa, Teixeira e De Amorim: l’unica punta sarà invece Denis Alibec, che fra il 2009 e il 2014 ha collezionato 2 presenze con la maglia dell’Inter ed ha partecipato in estate agli Europei con la maglia della Romania.

I precedenti

I due club sono alla loro prima sfida, ma la Roma ha già avuto a che fare con squadre rumene nella sua storia: il bilancio totale recita 3 vittorie, 2 pareggi ed 1 sconfitta raccolti in 4 sfide con il Cluj e 2 con lo Steaua Bucarest. Per l’Astra Giurgiu prima assoluta invece contro un’italiana.

Il direttore di gara sarà l’azero Aliyar Aghazev, assistito dai connazionali Zeynalov e Mammadov. Si tratta di una prima assoluta con entrambi i club per il classe 1987 nativo di Baku.

Francesco Giovannetti

Copyright 2016 © By Il Legionario di Elena Sorrentino - Tutti i diritti sono riservati - Vietata la riproduzione non autorizzata