In & Out

Roma Venezia 1-1 - In & Out

La Roma non va oltre il pari all’ultima, contro un Venezia già retrocesso che chiude il campionato senza mai perdere contro di noi. A cura di Giovanni Acone
Redazione de Il Legionario
inserita un mese fa
127
3:00
644
La squadra veneta passa subito in vantaggio in maniera fortunosa e grazie ad un’incomprensione tra Rui e la sua difesa, poi si chiude e attende l’avversario. Orrendo il fallo di Kiyine che rifila un calcio a Pellegrini dove fa più male, in maniera volontaria e inutile, giustamente espulso. La Roma nonostante il vantaggio numerico rimane attaccata al palo, anzi alla traversa, che per quattro volte strozza in gola la gioia dei giallorossi. A questo si aggiunge anche Mäenpää che arriva su quasi tutte le conclusioni, e soprattutto la lentezza e svogliatezza di Veretout e Maitland-Niles, ancora una volta bocciati.
Scalda il cuore, invece, il ritorno da titolare di Spinazzola, che mostra qualche lampo dei suoi, ma viene sostituito in maniera precauzionale a fine primo tempo.
Domani l’ultima con il Torino e poi si vola a Tirana, con l’imperativo di arrivare in Europa League in un modo o nell’altro.


IN

Eldor Shomurodov

Entra per fare da ariete nella difesa dei lagunari, ma a quindici dalla fine si trova la porta aperta e percorre la strada per Eldorado. Un gol rivelatosi pesantissimo anche grazie alla sconfitta della Fiorentina e dell’Atalanta, permettendo alla Roma di avere un punto in più rispetto alle dirette concorrenti. Sul finale rischia di far venire giù lo stadio, ma la doppietta sfugge per un soffio.

Stephan El Shaarawy
Entro e ti cambio la partita. Così si presenta il Faraone: con la rapidità di gambe, con le incursioni sulla fascia sinistra e con tanti pericoli creati per la difesa del Venezia. Relegato solo alla parte avanzata del campo, ha la possibilità di mostrare le sue doti migliori.

Lorenzo Pellegrini

“Io mi oppongo” sembra essere la frase pronunciata al 95’ quando dopo un’ora e mezza di lotta fa 80 metri di corsa per evitare la disfatta. Un Capitano dal cuore grande e con una sfortuna non indifferente, nel primo tempo prende traversa su punizione, nel secondo pure. I difensori del Venezia provano a stroncarlo con falli da dietro, calci bassi e spintoni, lui lotta e sguaina il gladio. Dai suoi piedi parte anche la ribattuta da cui poi nasce il pareggio.


OUT

Jordan Veretout

Irritante è dir poco. Gioca con una lentezza, con una sufficienza che fa venir voglia di non vederlo più. Le sirene di Marsiglia sembrano averlo già attratto, lui gioca svogliatamente e male. La Roma soffre ancora, che sia stata l’ultima all’Olimpico? Probabile.

Ainsley Maitland-Niles
Spesso mentre la Roma corre e cerca l’arrembaggio, lui passeggia sul lato destro. Il massimo che fa è cercare un possibile rigore, che Sozza non ravvede, e poi poco più. Sostituito per un Karsdorp, non brillante, ma che ci mette poco a far meglio.


Giovanni Acone





Acquista il libro "Io, il cancro e la Maggica" di Elena Sorrentino su Amazon e sostieni il progetto!

Seguici su Instagram, presto tante novita' e premi per i nostri follower

Copyright 2016 © By Il Legionario di Elena Sorrentino - Tutti i diritti sono riservati - Vietata la riproduzione non autorizzata