In & Out

Roma Sampdoria 1-1 In & Out

a cura di Giovanni Acone
Redazione de Il Legionario
inserita un mese fa
149
3:00
744
Così è la Roma. All’Olimpico con la Samp è una squadra totalmente diversa rispetto a quella vista a Bergamo. Come sottolineato anche da Mourinho nel post-partita, la Roma doveva affrontare in maniera diversa i blucerchiati, calando sensibilmente rispetto al precedente impegno di campionato. L’undici condizionato anche dall’anticipata uscita di Abraham sembra non avere quel riferimento fisico, la torre intorno la quale ruotare e sblocca il match a poco meno di venti dalla fine con Shomurodov. El Shaarawy fallisce l’occasione del raddoppio e i giocatori di D’Aversa prendono l’iniziativa trovando in maniera fortunosa la via del pareggio. La Sampdoria si richiude e la Roma non ha la chiave adatta per la serratura di Falcone. Tempo al tempo e dopo lo stop si ritornerà con la sfida al Milan e alla Juventus, tre giorni di fuoco per tracciare la via del girone di ritorno.


IN

Henryk Mkhitaryan

Beneficia ancora del ruolo più centrale in campo e sembra più ispirato nel trovare i compagni. Detta i tempi di gioco con passaggi precisi sia su azione che da fermo, ma i compagni non sembrano sintonizzarsi sulle giuste frequenze del gol. Dopo tanto sacrificio cerca di diventare eroe di giornata al ’90, ma il suo tiro a giro è di poco alto e si spegne sul fondo. Complessivamente un ottimo finale della prima parte di campionato.

Eldor Shomurodov
Merito di aver aperto le danze con caparbietà, ma non trova molti altri spazi. Oltre al gol la prestazione è buona, ma pesa l’errore in copertura su Quagliarella in occasione del calcio d’angolo del pareggio doriano.


OUT

Stephan El Shaarawy

Uno scampo di partita decisamente insufficiente: l’errore sulla rimpallo dall’intervento di Falcone su Zaniolo, con la palla mandata alta a porta sguarnita pesa come un macigno sul computo finale. Quanto la Samp prova ad alzare la voce lui trema ed è da un suo errore che poi arriverà il corner decisivo.

Felix Afena – Gyan
Prima o poi sarebbe capitata la partita storta. Nonostante l’espulsione contro lo Spezia, la sua gara era stata positiva, oggi invece sembra più spento. È apparso frenato dall’errore sulla grande occasione che gli era capitata, facendo venir meno l’entusiasmo e l’esplosività che di solito lo contraddistinguono. Capita.


Giovanni Acone





Acquista il libro "Io, il cancro e la Maggica" di Elena Sorrentino su Amazon e sostieni il progetto!

Seguici su Instagram, presto tante novita' e premi per i nostri follower

Copyright 2016 © By Il Legionario di Elena Sorrentino - Tutti i diritti sono riservati - Vietata la riproduzione non autorizzata