Analisi tattica dei gol

Roma Napoli 2-1 L'analisi dei gol

a cura di Matteo Bianchetti
Redazione de Il Legionario
inserita 9 giorni fa
298
0:00
611
• 1 – 0 gol di Zaniolo



La Roma batte il Napoli e a segnare il gol del vantaggio giallorosso ci pensa sempre lui: Nicolò Zaniolo.
Il tutto parte da un recupero a centrocampo di Mancini, che con un lancio millimetrico in profondità trova la corsa di Spinazzola alla guida del contropiede. Il terzino giallorosso porta palla fino all’area di rigore del Napoli, dà un’occhiata in mezzo dove ci sono Dzeko e Kluivert, ma decide di darla all’indietro, al limite dell’area, dove arriva Zaniolo a tutta velocità.
Il numero 22 giallorosso controlla la palla, entra in area aspettando il momento giusto per sferrare un sinistro potente, fra Manolas e Koulibaly, che va ad insaccarsi sotto il sette alle spalle di Meret.
Un’azione velocissima lanciata da un imperioso Mancini, ormai vero leader della mediana; ottimo lo scatto e l’intuizione di Spinazzola il quale dimostra cosa vuol dire fare il terzino.
Si riconferma Zaniolo con il 4 gol consecutivo in 4 partite. E che gol!


• 2 – 0 gol di Veretout





La Roma raddoppia su calcio di rigore, grazie a Veretout.
L’azione del rigore parte dai piedi di Pastore che si porta a spasso per l’area due difensori del Napoli, tenta il cross di sinistro ma ad intercettare il pallone c’è il braccio largo di uno scoordinatissimo Mario Rui. Rigore netto.
Dopo l’errore dal dischetto nel primo tempo, invece di Kolarov, ad incaricarsi della battuta è Veretout che con un potente destro ad incrociare batte Meret e sigla il suo primo gol con la maglia giallorossa.
Sempre più in forma Pastore. Freddissimo Veretout sotto la Curva Sud.


• 2 – 1 gol di Milik



Il Napoli trova il gol che accorcia le distanze con Milik, al 72° minuto.
Fabian Ruiz serve Lozano sulla corsa sulla fascia destra, al limite dell’area, Kolarov è in colpevole ritardo e non può chiudere il cross dell’attaccante partenopeo. Il passaggio è rasoterra, forte e tagliato verso il centro dell’area, Cetin prova un intervento in scivolata ma liscia clamorosamente il pallone, sul secondo palo arriva Milik che con il sinistro, da due passi, non sbaglia.
Male Kolarov in chiusura su Lozano, il serbo è apparso stanco, senza un minuto di riposo. Male anche Cetin in scivolata ma per la prima partita da titolare, contro il forte attacco del Napoli, si può accettare.



Matteo Bianchetti






Acquista il libro "Io, il cancro e la Maggica" di Elena Sorrentino su Amazon e sostieni il progetto!

Copyright 2016 © By Il Legionario di Elena Sorrentino - Tutti i diritti sono riservati - Vietata la riproduzione non autorizzata