In & Out

Roma Napoli 0-2 - In & Out

a cura di Giovanni Acone
Redazione de Il Legionario
inserita 22 giorni fa
106
4:00
855
Punto di rottura. La Roma perde l’ennesimo scontro diretto, l’ennesima opportunità di rilanciarsi tra le migliori della classe e cade ancora contro un Napoli da compito a casa. Fonseca parla di mancanza di coraggio, il match dice di una squadra sempre uguale contro le big: poca lucidità, gioco sterile e zero carattere. In un mese dalla zona Champions a quella Conference League, decisamente impensabile ed inaccettabile per quanto mostrato a metà campionato. L’obiettivo, a dieci giornate dalla fine, sembra essere ora il puntare tutto sull’Europa League e cercare di non perdere troppi punti rispetto alle squadre davanti.


OUT

Tutti

Nessuno escluso, da Fonseca a Pau Lopez, si salva da questo ennesimo scontro perso. I giallorossi sono disastrosi dietro e sterili avanti. Inconcepibile, inaccettabile. Un copione troppo spesso ripetuto nelle partite che contavano davvero, uno spettacolo raccapricciante che ci sembra di rivedere ogni volta con la Roma che, a parte rarissimi sprazzi, brancola nel buio. L’apparente battibecco a distanza, nelle dichiarazioni post partita, con Fonseca che accusa mancanza di coraggio e Pellegrini che invece sottolinea come l’atteggiamento fosse giusto, sono l’apice di un periodo nero per i giallorossi. Tornando alla partita: Pau Lopez si fa sorprendere sul suo palo da una punizione di Mertens e la difesa sbaglia la lettura sul lancio lungo che porta al raddoppio, ma è possibile che la situazione cambi così drasticamente rispetto alle partite di Europa League? La competizione europea sembra infatti far uscire fuori il meglio dall’undici capitolino, ma anche in questo torneo, le cose ora si fanno più serie, in vista della sfida con l’Ajax.
In attacco Pedro non è più lo stesso di inizio stagione e fa parlare più per le “polemiche” per le sue sostituzioni; Dzeko lamenta altri fastidi muscolari e diventa, ancora, l’ombra di sé stesso; El Shaarawy è in difficoltà con l’approccio alle gare e alle difese, molto diverse rispetto a quelle del campionato cinese a cui ultimamente era abituato; tutto questo porta, ancora una volta, a zero gol e zero assist. Fonseca è il responsabile o sono i giocatori a non affrontare i match con la giusta testa? Al resto della stagione l’ardua sentenza.


Giovanni Acone





Acquista il libro "Io, il cancro e la Maggica" di Elena Sorrentino su Amazon e sostieni il progetto!

Seguici su Instagram, presto tante novita' e premi per i nostri follower

Copyright 2016 © By Il Legionario di Elena Sorrentino - Tutti i diritti sono riservati - Vietata la riproduzione non autorizzata