In & Out

Roma Lecce 4-0 In & Out

a cura di Giovanni Acone
Redazione de Il Legionario
inserita un mese fa
286
0:00
622
Rilanciarsi, più volte avevamo sottolineato come questa fosse la parola d'ordine per una Roma che negli ultimi tempi non riusciva più ad esprimere del bel gioco e a vincere di carattere.
L'occasione si è presentata contro un Lecce che difficilmente ha lasciato che le sue avversarie portassero a casa punti facili, tanto da mettere in difficoltà le prime della classe.
I giallorossi superano però il test salentino mostrando un ritrovato bel gioco, ma soprattutto la voglia di non fermarsi al primo gol. Un attacco rinvigorito e che non riusciva a segnare quattro gol dalla partita di dicembre con la Fiorentina, rilancia ora la sfida all'Atalanta.


IN

Edin Dzeko

La maniera in cui si mette al servizio ai compagni, l'abilità nel far salire palla, gestirla e mandare in porta i suoi non possono passare in sordina. Se a tutto ciò ci si aggiunge che vola alto come un certo 'Aeroplanino', eguagliando il suo record di 102 segnature, allora non si può che constatare come il gigante bosniaco sia uno dei più grandi numeri 9 della Roma. Edin è fondamentale, oltre che per mancanza di ricambi all'altezza, anche per il contributo. Raro vedere sue partite insufficienti, ma ancor di più raro è vedere come inanelli prestazioni negative di seguito.
Dzeko contro il Lecce si mette ancora di più in mostra e si prepara a lottare in Belgio, per strappare un risultato importante e il pass per gli ottavi di Europa League.


Henrikh Mkhitaryan

L'armeno al contrario della punta di Sarajevo aveva tutto da dimostrare, ma soprattutto affermarsi come titolare nei piani di Fonseca e sembra riuscirci bene. Ad un paio di partite da comparsa, Mkhitaryan risponde attirando a sé le luci dell'Olimpico: prima strappando il pallone a Petriccione e servendo un assist a Under, poi sfruttando proprio l'occasione servitagli da Dzeko per scalare la classifica marcatori di serie A.
L'ex Arsenal mantiene la lucidità che tante volte quest'anno sembrava sfuggire ai nostri esterni e fa della concretezza la sua parola d'ordine, ottima la prestazione anche quando nella ripresa si sposta a giocare alle spalle di Edin.


Aleksandar Kolarov
Finalmente Kolarov! Da troppo tempo si ritrovava tra gli 'Out' e soprattutto contro la maggior parte dei tifosi (me compreso), ma l'ultima prestazione sembra voler essere la pietra su cui ricostruire un rapporto con la curva Sud. Non svolge solo il suo compito difensivo, ma con incursioni condotte ottimamente sulla fascia sinistra prima trova l'assist per il suo '9', poi piega i guantoni di Vigorito.
Ennesimo segnale positivo in un momento delicato per la Roma, che sia la volta buona per riprendersi?



OUT

Lorenzo Pellegrini

No, Lorenzo ancora non c'è, unico del suo undici che rischia un voto negativo in pagella, sbaglia anche quando le occasioni dategli sembrano tra le più facili per un giocatore del suo calibro. Viene sostituito quando si dovrebbe rientrare dagli spogliatoi, ma ad un recupero fisico ce n'è bisogno certamente anche di uno psicologico.
Dov è Lore?


Giovanni Acone



Acquista il libro "Io, il cancro e la Maggica" di Elena Sorrentino su Amazon e sostieni il progetto!

Copyright 2016 © By Il Legionario di Elena Sorrentino - Tutti i diritti sono riservati - Vietata la riproduzione non autorizzata