Triplice fischio

Roma Lecce 4-0: finalmente una bella vittoria all'Olimpico

La Roma nel momento più critico si scrolla di dosso le paure e le insicurezze che l’avevano fatta sbandare in malo modo in questi primi due mesi del 2020.
Redazione de Il Legionario
inserita 9 mesi fa
454
0:00
211414
La squadra di Fonseca scende in campo contro un Lecce che aveva vinto le ultime tre partite, mentre i capitolini venivano da tre sconfitte consecutive in campionato, non era facile quindi affrontare con lo spirtito giusto questo match. I giallorossi, però, hanno mostrato fin da subito una grande determinazione e voglia. Il primo gol arriva, infatti, grazie al pressing alto portato dalla Roma: siamo al minuto 13, Mkhitaryan recupera palla nella trequarti del Lecce, ottimo il movimento di Dzeko che apre un corridorio per l’inserimento di Under, l’armeno lo serve con un grande assist e il turco davanti al portiere non sbaglia e insacca per il vantaggio giallorosso. Under non segnava all’Olimpico dalla prima di campionato contro il Genoa.
La Roma costruisce tanto e potrebbe raddoppiare in più occasioni, ma manca ancora un pizzico di cattiveria sotto porta, clamoroso l’errore di Pellegrini che calcia a lato un rigore in movimento. Il Lecce allora comincia a crederci e ci prova, ma i centrali giallorossi, soprattutto Smalling, sono impenetrabili e sempre attenti.
Il raddoppio della Roma arriva al 37° su una bella ripartenza della squadra di Fonseca, Dzeko lancia Mkhitaryan, l’armeno arriva puntuale all’appuntamento col pallone e con un bel tiro in diagonale fa passare la sfera sotto le gambe di Vigorito e sigla la rete del 2-0.
Un paio di minuti più tardi succede un episodio che potrebbe riaprire il match: Mancini va in chiusura in sforbiciata e rimane a terra, la palla arriva a Bruno Peres che non sa se mettere la palla fuori o continuare il gioco, fatto sta che il brasiliano temporeggia un pò troppo e si fa scippare il pallone dai giocatori del Lecce; sul tiro di Majer a botta sicura arriva però Smalling che si immola e salva la porta.
Mancini si riprende e la prima frazione di gioco termina con il risultato di 2-0.

Nella ripresa Kluivert entra subito al posto di Pellegrini, per il centrocampista nulla di grave, solo un leggero affaticamento muscolare. La Roma si abbassa un pò troppo, ma il Lecce non punge. Al 60° altro cambio per Fonseca che sostituisce uno stanco Under con l’eroe di giovedì, Carles Perez. Dopo 10 minuti Dzeko trova il gol che chiude la partita, prima annullato dall’arbitro e poi confermato dal VAR. Il bosniaco segna il gol numero 102 in maglia giallorossa eguagliando le reti di Vincenzo Montella e ora punta al podio.
Al 77° lampo di Lapadula che colpisce il palo con un bel tiro al volo ad incrociare, ma tre minuti più tardi arriva il quarto gol della Roma, sempre su una bella ripartenza Carles Perez serve Kolarov che con un sinistro potente batte ancora Vigorito. Fonseca con i tre punti ormai in tasca regala una decina di minuti a Kalinic che prende il posto di un applauditissimo Dzeko. La partita però non regala altre emozioni e si conclude con il risultato di 4-0.

Finalmente una buona prestazione della Roma: clean sheet (mai arrivato in questo 2020), quattro gol e tanto bel gioco. Avanti così.




Acquista il libro "Io, il cancro e la Maggica" di Elena Sorrentino su Amazon e sostieni il progetto!

Seguici su Instagram, presto tante novita' e premi per i nostri follower

Copyright 2016 © By Il Legionario di Elena Sorrentino - Tutti i diritti sono riservati - Vietata la riproduzione non autorizzata