Pagelle

Roma Juventus 1-2 Le pagelle (con video)

a cura di Emanuele Grilli
Redazione de Il Legionario
inserita 9 giorni fa
241
0:00
733
PAU LOPEZ 6: Nonostante l’assedio bianconero dei primi minuti non riceve tanti tiri verso lo specchio, a parte i due gol subiti e un tiro centrale di Ronaldo ben parato dallo spagnolo. Nella ripresa si limita a gestire palla con i compagni difensivi, subendo il gol del 3-1 annullato per fuorigioco millimetrico.

FLORENZI 5.5: A livello di spirito di sacrificio non gli si può rimproverare veramente nulla, visto che corre dal primo all’ultimo con la giusta grinta e caparbietà. Peccato però che non riesca quasi mai a fare la scelta giusta nel finire l’azione, sia che si tratti di un cross o di un semplice tiro verso la porta. Serve maggiore precisione.

SMALLING 6: Passano due minuti e fornisce uno sfortunato assist per il gol di Demiral, unica nota negativa di una partita tutto sommato positiva. Tanti anticipi in mezzo al campo e la solita gestione palla, accompagnati da una concentrazione che ha impedito ai bianconeri di affondare il colpo nel secondo tempo.

MANCINI 6: Nei primi 10 minuti soffre terribilmente la velocità dei vari Dybala e Ronaldo, prendendosi il solito giallo e compiendo più falli del previsto. Col passare dei minuti però cresce notevolmente sotto tutti i punti di vista, anticipando tutti con sicurezza e prendendosi qualche rischio con delle azioni personali nel complesso efficaci.

KOLAROV 4.5: Nel primo tempo è in assoluto il peggiore in campo di tutta la squadra, visto che oltre all’errata marcatura sul gol di Demiral sbaglia praticamente qualsiasi pallone toccato. Nella ripresa, forse per una punta di orgoglio, aumenta la sua spinta offensiva, senza riuscire però a creare veri pericoli verso la porta di Szczesny.



DIAWARA 6.5: In assoluto il migliore in campo di tutta la squadra. Dal primo all’ultimo minuto si impegna al massimo per recuperare ogni pallone possibile e far ripartire l’azione di gioco giallorossa, purtroppo mal supportata dai propri compagni di squadra. Per quello che gli si chiedeva a inizio stagione, sta andando anche al di sopra delle mie più rosee aspettative.

VERETOUT 4.5: L’errore sul gol del 2-0 è a dir poco allucinante, sia perché inaspettato viste le sue qualità tecniche e sia perché è stato poi decisivo ai fini del risultato finale. Un errore che ha compromesso una partita tutto sommato discreta, fatta di alcune buone giocate ma anche tanti, troppi errori in mezzo al campo.

PEROTTI 6: Segna con freddezza e precisione il gol dell’illusorio 1-2, riscattando parzialmente una partita fatta di poche luci e tante ombre. Prova come al solito i classici dribbling fini a se stessi, facendosi però mangiare dalla freschezza fisica degli ospiti bianconeri. La speranza è che Kluivert possa tornare presto, per farlo rifiatare dopo tante partite consecutive.

PELLEGRINI 4.5: Una partita a dir poco disastrosa, sotto tutti i punti di vista. Non riesce mai a dare brio alla manovra finendo per sbagliare qualsiasi scelta, dalla più semplice alla più complicata. Dopo Torino incappa in un'altra prestazione deludente, che ha smorzato l’entusiasmo di una piazza che già lo aveva incoronato come giusto capitano giallorosso.

ZANIOLO 6.5: L’unico del reparto offensivo a provare qualcosa di concreto e pericoloso, e questo rende ancora più tremendo l’infortunio che ha dovuto subire. Una perdita enorme, che si proverà a smorzare con l’arrivo di un esterno che avrà il compito a dir poco complicato di non far sentire la sua mancanza. Sei tutti noi Nicolò, Roma non abbandona i suoi figli.

DZEKO 6: Inizia con numerose sponde interessanti per i compagni di squadra, venendo però chiuso agevolmente ogni volta che veniva messo un cross all’interno dell’area di rigore. Nella ripresa riesce a crearsi maggiori spazi, venendo anticipato all’ultimo da Szczesny e prendendo un palo con un bel tiro di destro all’angolo. Prestazione nel complesso sufficiente.

UNDER 6 (Dal 36’ per Zaniolo): Entra per un disperato Zaniolo e nonostante la solita frettolosità riesce a duettare discretamente con i compagni di squadra, provando tanti cross in mezzo purtroppo non sempre con la giusta precisione.

CRISTANTE 6 (Dal 66’ per Veretout): Torna in campo dopo 3 mesi di assenza con la grinta di chi vuole subito dimostrare il proprio valore. Gestisce tanti palloni con la giusta sicurezza e concentrazione, non velocizzando mai troppo l’azione ma facendo esattamente quello che il mister si aspettava da lui. Bentornato!

KALINIC sv (Dal 82’ per Perotti): Si fa notare giusto per un paio di passaggi e un'ammonizione presa solamente 1 minuto dopo dal suo ingresso in campo. Difficile chiedergli di meglio.

FONSECA 5: La ricerca costante della gestione palla davanti la porta ha portato all’errore di Veretout dopo 10 minuti, uno sbaglio ammesso con onestà proprio dal tecnico portoghese. Per il resto preferisce non fare esperimenti mettendo in campo la stessa formazione vista col Torino, con lo stesso risultato sul campo ma con un piglio decisamente più battagliero. Ora però serve una scossa, il 2020 è iniziato malissimo e deve proseguire in maniera totalmente differente.

VOTO DI SQUADRA 5.5: Un voto negativo per una sconfitta evitabile, regalata in 10 minuti di black-out assoluto contro una squadra al quale non puoi concederne neanche uno. Dopo il 2-0 la squadra ha reagito con grinta e caparbietà, peccando però di precisione quando bisognava fare la scelta finale. Un risultato pessimo, che unito alla rottura di Zaniolo rende la serata a dir poco drammatica.


Emanuele Grilli



Acquista il libro "Io, il cancro e la Maggica" di Elena Sorrentino su Amazon e sostieni il progetto!

Seguici su Instagram, presto tante novita' e premi per i nostri follower

Copyright 2016 © By Il Legionario di Elena Sorrentino - Tutti i diritti sono riservati - Vietata la riproduzione non autorizzata