In & Out

Roma HJK 3-0 - In & Out

Lo straripante ritorno in campo nel secondo tempo basta alla Roma per addomesticare i finlandesi. A cura di Giovanni Acone
Redazione de Il Legionario
inserita un anno fa
293
2:00
605656
I giallorossi avevano giocato il primo tempo non al massimo delle loro possibilità, ottenendo l’espulsione del capitano Tenho dopo 18’, ma non incidendo abbastanza per passare in vantaggio. Qualche occasione per Zaniolo e Belotti, ma è l’ingresso di Dybala che sblocca gli ingranaggi e avvia la macchina: l’argentino dopo due minuti dal rientro in campo insacca l’uno a zero, seguito poi a ruota da Pellegrini e Belotti. Ottima la prima al ritorno di Zaniolo e molto bene anche Matic. Serviva vincere, serviva riprendersi ed è stato fatto. Il mister sottolinea la troppa passività dei primi ’45 minuti, ma elogia la qualità vista nei secondi con l’ingresso della Joya, incitando anche i suoi ad essere più cattivi davanti. Lo Special One rivolge lo sguardo al doppio scontro diretto con il Betis, che intanto supera 3-2 il Ludogorets e sale a punteggio pieno in testa al girone.


IN

Andrea Belotti

Il primo canto del Gallo arriva nella prima notte europea all’Olimpico. 60 mila abbracci meritati per l’ex Torino che gioca un’ottima partita. Costringe all’espulsione Tenho e tante volte prova a inserirsi alle spalle della difesa. Fa tanto lavoro appoggiando palloni per i suoi compagni, servendo filtranti precisi per Zaniolo e andando già vicino al gol nel primo tempo di testa. Una prestazione da gran giocatore.

Paulo Dybala
Abbonato alla sezione IN, anche questa settimana non perde l’appuntamento ed entra spaccando in due la partita. Il mancino preciso con cui insacca la rete dell’uno a zero è un piccolo diamante, mentre la sua presenza sulla trequarti permette a Zaniolo maggior libertà, fattore chiave per il raddoppio. Ogni volta che lo si guarda si pensa sempre che sia di un altro livello. Mostruoso.

Nicolò Zaniolo
Tanta classe e un po’ di imprecisione. Nicolò avrebbe potuto metterne tre al suo rientro dall’infortunio, ne fa “mezzo” dando un pallone da insaccare facilmente a Pellegrini. È tornato ad essere il giocatore che ti distrugge attaccando negli spazi, senza rinunciare alla tecnica e ai colpi di fino. Ha mostrato un ottimo feeling con Belotti, punto di partenza per quello che può essere un duo molto interessante.


Giovanni Acone





Copyright 2016 © By Il Legionario di Elena Sorrentino - Tutti i diritti sono riservati - Vietata la riproduzione non autorizzata