L'argomento
APPROFONDIMENTI

Roma americana e Champions: storia di un rapporto difficile

di Giacomo Cangi
Redazione de Il Legionario
inserita 13 giorni fa
258
7:00
411
La Roma americana fino ad ora non ha brillato in Champions League. Delle sue 16 partite disputate nella massima competizione europea per club, la Roma a stelle e strisce ne ha vinte solamente due, ne ha pareggiate sei e perse otto. Ha segnato 20 reti e ne ha subite 38. L'esordio fu eccezionale: il 17 settembre 2014 la Roma di Rudi Garcia strapazzò in casa il Cska Mosca battendolo 5-1 grazie alle reti di Iturbe e Maicon, alla doppietta di Gervinho e all'autorete di Sergey Ignashevich. Anche la seconda partita andò bene. Il 30 settembre 2014 i giallorossi riuscirono a pareggiare 1-1 all'Etihad Stadium di Manchester contro il City allenato da Manuel Pellegrini grazie ad una rete di Francesco Totti. Quasi un mese dopo, il 21 ottobre, la squadra capitolina perse in casa 1-7 contro il Bayern Monaco di Pep Guardiola. Da lì in poi la Roma in Champions ha avuto pochissime soddisfazioni. Il ritorno con il Bayern Monaco finì 2-0 per i tedeschi, a Mosca la Roma subì la rete del pareggio del Cska al novantatreesimo minuto e nello "spareggio" in casa contro il Manchester City gli inglesi si imposero 0-2.

La stagione successiva in Champions League cominciò bene: all'Olimpico la Roma riuscì a strappare un 1-1 al Barcellona grazie ad un euro-gol di Alessandro Florenzi. Poi però le corse tornarono ad andare male. Il 29 settembre 2015 i giallorossi persero in trasferta contro il modesto Bate Borisov per tre reti a due. Il 20 ottobre in Germania contro il Bayer Leverkusen la squadra di Garcia stava vincendo 4-2 ma riuscì a farsi pareggiare. Il 4 novembre dello stesso anno arrivò la seconda vittoria in Champions della Roma americana: 3-2 in casa contro il già citato Bayer Leverkusen grazie alle reti di Salah, Dzeko e Pjanic. Il 24 novembre 2015 arrivò la seconda goleada subita dai giallorossi negli ultimi anni: 6-1 in trasferta contro il Barcellona. Nella partita decisiva del 9 dicembre in casa contro i bielorussi del Bate Borisov la Roma non riuscì ad andare oltre lo 0-0, ma la squadra riuscì miracolosamente a qualificarsi per la fase a eliminazione diretta nonostante i soli 6 punti conquistati. I fischi dei tifosi a fine partita furono assolutamente motivati. Agli ottavi di finale Luciano Spalletti, subentrato nel frattempo a Rudi Garcia, non poté nulla contro il Real Madrid: doppio 2-0 per i blancos che quell'anno vinsero il trofeo. Nell'agosto 2016 la Roma giocò i preliminari contro il Porto. All'andata, il 17 agosto in Portogallo, finì 1-1 mentre al ritorno la squadra di Nuno Espírito Santo vinse 0-3 e i giallorossi chiusero la partita in 9 dopo le espulsioni di Daniele De Rossi ed Emerson Palmieri.

Domani Eusebio Di Francesco farà il suo esordio in Champions League all'Olimpico contro l'Atletico Madrid di Diego Simeone. Riuscirà a far fare alla Roma quell'inversione di rotta in Europa di cui ha un disperato bisogno?

Giacomo Cangi


Copyright 2016 © By Il Legionario di Elena Sorrentino - Tutti i diritti sono riservati - Vietata la riproduzione non autorizzata