Analisi tattica dei gol

Manchester United Roma 6-2 - L'analisi dei gol

a cura di Matteo Bianchetti
Redazione de Il Legionario
inserita un mese fa
167
5:00
411
• 1 – 0 gol di Bruno Fernandes

I Red Devils passano subito in vantaggio, dopo soli 8 minuti, grazie a Bruno Fernandes.
Pogba sfrutta la sua fisicità e la sua tecnica sopraffina per aggirare Smalling e puntare l’area, serve Cavani al limite che di prima chiude un triangolo con Bruno Fernandes. Il portoghese brucia tutti con il suo inserimento e scavalca Pau Lopez in uscita con un pallonetto.
Risulta difficile commentare un gol del genere in cui la differenza di caratura dei singoli e del gioco delle squadre risulta evidente. Pogba, ad esempio, ha dominato in lungo e in largo il centrocampo per tutta la partita. Di fatto, sembra uno di quei gol che si fanno nelle amichevoli estive, in cui la difesa non riesce a seguire nessun giocatore avversario e si arrende.


• 1 – 1 gol di Pellegrini

Il gol del pari arriva su calcio di rigore.
Karsdorp spinge sulla destra, tenta il cross in area in scivolata. Pogba in tackle scomposto alza le braccia e il pallone entra in contatto con la mano destra del francese. Rigore netto.
Pellegrini va alla battuta contro De Gea e non sbaglia. 1 a 1.
Freddissimo il capitano giallorosso, non di certo una passeggiata tirare un rigore contro De Gea.


• 1 – 2 gol di Dzeko

Contro ogni previsione la Roma riesce ad andare in vantaggio, alla fine del primo tempo, grazie a Dzeko.
Spinazzola sulla sinistra prova l’azione solitaria, riesce a gestire palla fra due avversari e arriva sul fondo, cross respinto ma è ancora il più veloce e serve Mhkitaryan al limite dell’area. L’armeno vede l’inserimento di Pellegrini alle spalle della difesa del Manchester e gli offre un assist al bacio con un bellissimo passaggio in verticale. Pellegrini in ottima posizione la mette in mezzo dove c’è Dzeko che non deve far altro che spingerla in rete. 1 a 2.
Questo gol dimostra che quando c’è la testa, gli schemi offensivi funzionano sempre, contro qualsiasi squadra. Inoltre a questa rosa occorrono più giocatori con le qualità di Mhkitaryan.


• 2 – 2 gol di Cavani


Nel secondo tempo, con i tre cambi già effettuati (fuori Veretout, Spinazzola e Pau Lopez, dentro Villar, Bruno Peres e Mirante) e l’incomprensibile tattica offensiva della Roma nonostante il vantaggio fuori casa, si trasforma in una goleada dei Red Devils.
Tant’è che il gol del pareggio arriva su contropiede. La Roma è sbilanciata, Pogba riceve a centrocampo e va subito in verticale per Cavani, scambio con Bruno Fernandes, la difesa giallorossa non riesce a ricomporsi e Cavani sigla il 2 a 2.
Inspiegabile l’atteggiamento offensivo degli uomini di Fonseca invece di provare a difendere il vantaggio, senza possibilità di fare cambi sarebbe stato più utile conservare le energie proteggendo la porta.


• 3 – 2 gol di Cavani

Al 63’ il Manchester torna avanti con la doppietta di Cavani.
I Red Devils muovono palla da sinistra a destra sfruttando la lentezza dei giallorossi nello scalare le marcature e liberano Wan-Bissaka al tiro. Mirante non trattiene e lascia la palla sui piedi di Cavani che spinge in rete da due passi.
Male la difesa e male in centrocampo, troppo morbido e troppo lento. Impacciato Mirante.


• 4 – 2 gol di Bruno Fernandes

Il 4 a 2 del Manchester United lo sigla Bruno Fernandes dal dischetto.
Come se non bastasse, l’arbitro regala un rigore ai padroni di casa e Bruno Fernandes spiazza Mirante, chiudendo di fatto la partita.


• 5 – 2 gol di Pogba

Dopo 4 minuti Pogba aumenta il divario di reti fra le squadre con un colpo di testa.
Schema su calcio d’angolo, cross in mezzo, la difesa della Roma marca sempre a zona prendendo sistematicamente gol. Pogba si libera alle spalle di Smalling e incorna in rete. Mirante non è impeccabile e non riesce ad intervenire.


• 6 – 2 gol di Greenwood

A 5 minuti dal termine una Roma ancora sbilanciata subisce il sesto gol su contropiede.
Greenwood parte in velocità con la difesa giallorossa posizionata male e sbilanciata in avanti, costretta d inseguire. L’attaccante inglese arriva in ottima posizione, tira ad incrociare, Mirante ancora una volta non riesce ad opporsi e il pallone finisce in rete.
Atteggiamento tattico inaccettabile da parte della Roma che in una partita in cui si parte da sfavoriti, non solo è costretta ad utilizzare tutti i cambi nel primo tempo perdendo tre pedine fondamentali ma che continua ad attaccare nonostate il vantaggio tanto sudato.


Matteo Bianchetti






Acquista il libro "Io, il cancro e la Maggica" di Elena Sorrentino su Amazon e sostieni il progetto!

Seguici su Instagram, presto tante novita' e premi per i nostri follower

Copyright 2016 © By Il Legionario di Elena Sorrentino - Tutti i diritti sono riservati - Vietata la riproduzione non autorizzata