La Sfera dei Capricci

La Sfera dei Capricci: Star Trek

Una rubrica di Franco Costantini
Redazione de Il Legionario
inserita 9 mesi fa
911
7:00
252020
Al tuo cospetto, o Diva,
il mio desio s’evinca:
che Roma sempre viva,
che Roma lotti e vinca.




«Spazio, ultima frontiera». Così cominciava la voce fuori campo, nella sigla di Star Trek…
La Roma si trova un po’ nella stessa situazione: l’attende infatti un viaggio avventuroso e difficile, colmo di rischi, e dagli esiti imprevedibili.

Questo campionato, in effetti, è pieno di colpi di scena, proprio come la celebre saga televisiva di fantascienza.
I giallorossi - in un complicatissimo anno di transizione (nuova proprietà, grandi difficoltà finanziarie) - erano stati scavalcati dalla Juve e agganciati dai “cuggini”. Inoltre, mille polemiche (in primis il caso-Dzeko) rischiavano di minare la compattezza della squadra e la solidità delle sue ambizioni. Ma ecco che, anziché precipitare, l’Enterprise-Roma passa a “velocità curvatura” e torna da sola al terzo posto; nella stessa giornata in cui Juve e Lazio pèrdono e l’Inter scavalca il Milan in vetta.


Perde la Juve e perde pur la Lazio:
si rilancia la Roma nello spazio…

*

Roma Udinese 3-0

La partita mi sembra un collage di vari episodi di Star Trek.
Villar è un incrocio tra Sulu e Spock: timoniere perfetto come il primo, mostra del secondo la fredda efficienza, l’assoluto controllo, la pura razionalità nella gestione del centrocampo.
Veretout trasforma il rigore con una freddezza degna di un altro vulcaniano: Tuvok.
Pellegrini ha il carisma del capitano Picard.
Il vecchio “Miki”, invece, è ardito e guascone come il predecessore di Picard (ossia il capitano Kirk).
Mancini è in versione Worf, il guerriero klingon (da Worf a “wolf” [lupo] il passo è breve).
Pau Lopez, per una volta, ha la precisione di una intelligenza positronica (Data).
Sulle fasce, Karsdop e Spinazzola sembrano due “bobine” di un motore a curvatura.


“Vertù”, “Vertù”, Pedrito. E si produce…
la Lupa più veloce della luce!

*

Gli anagrammi della settimana

1.
Riguardando alcuni filmati di un annetto fa, sono rimasto colpito dalle qualità tecniche di un “lupetto”: Cristian Totti. E ho prodotto questo anagramma:



Eh, il giovane Cristian Totti - in verità - possiede già mille doti fenomenali
→ Sì, e ti sovviene il motto insigne dei Romani antichi: «Tale padre, tale figlio»

2.
Un amico (il cui nome di battaglia è “Tuco”) ha pescato in rete una strana immagine, e me l’ha inviata. Questa immagine ha ispirato l’intero articolo… e il seguente anagramma.



Star Trek: in mille colpi di scena, uno pare favoloso:
→ il vulcaniano Spock (Enterprise)… tifoso della Roma!



Franco Costantini





Acquista il libro "Io, il cancro e la Maggica" di Elena Sorrentino su Amazon e sostieni il progetto!

Seguici su Instagram, presto tante novita' e premi per i nostri follower

ULTIMI ARTICOLI

ULTIMI ARTICOLI

inserita 6 giorni fa

Copyright 2016 © By Il Legionario di Elena Sorrentino - Tutti i diritti sono riservati - Vietata la riproduzione non autorizzata