In & Out
STADIO

In&Out Austria Vienna-Roma: vittoria in emergenza!

La Roma ottiene dopo molto tempo la vittoria in trasferta in Europa, nonostante la lunga lista di infortunati. (di Alessandro Tagliaboschi)
Redazione de Il Legionario
inserita 7 mesi fa
713
7:00
231818
La Roma in emergenza totale per gli infortuni, conquista la sua seconda vittoria in Europa League per 2-4 sul campo dell’Austria Vienna. La squadra giallorossa scende in campo molle, infatti va in svantaggio subito con il gol di Kayode per poi pareggiare immediatamente con Edin Dzeko, autore di una doppietta e dilagare con i gol di Daniele De Rossi e Radja Nainggolan. Grazie a questa vittoria la compagine allenata da Luciano Spalletti, si porta a 8 punti ed in testa al girone E.

Ancora una volta non si può non mettere in evidenza la prestazione perfetta di Edin Dzeko. Altra doppietta, 12 gol in 13 presenze da titolare, il bosniaco si sta dimostrando l’uomo in più di questa stagione della Roma. Vede la porta come pochi, lavora tanto per la squadra e delizia gli occhi degli spettatori anche con grandi aperture e cambi gioco. Un giocatore letteralmente rinato, che si spera non cada più nell’oscurità.
Ottima la prova anche del compagno di reparto Stephan El Shaarawy: non molto pericoloso e attivo in zona gol, ma si muove in continuazione per tutto l’asse di sinistra, mostrando grande spirito di sacrifico e per finire serve un assist perfetto per la doppietta di Dzeko.

Altra gara da incorniciare per Leandro Paredes. Forse sarò di parte (impazzisco per questo calciatore), ma il giovane centrocampista argentino dimostra miglioramenti consistenti e costanti.
E’ unico nel riuscire ad unire un efficiente lavoro di recupero palla ad una grandissima qualità nell’impostare il gioco e servire i compagni con palle deliziose: ne sono un esempio la palla per Bruno Peres che ha portato al pareggio, e l’assist geniale per l’occasione poi malamente sfruttata da Perotti. Continua così Leo!

Una menzione alla miglior partita da quando è in giallorosso per Bruno Peres, che ieri giocando nei 4 di centrocampo in fase di possesso, ha rappresentato una vera e propria spina nel fianco per la retroguardia austriaca. Però adesso il brasiliano dovrà dimostrare continuità, finora mai ottenuta anche a causa di qualche guaio fisico di troppo.

Nella vittoria di ieri però sono rintracciabili anche alcuni nei. Prima di tutto, deludente la prestazione di Alisson: il portiere brasiliano manca l’intervento in uscita bassa sul primo gol e non riesce mai a dare una sensazione di grande sicurezza tra i pali. C’è tempo per crescere.
Altro punto è senza dubbio Juan Jesus. In molti hanno reputato buona la sua prestazione, ma in realtà il difensore brasiliano troppo spesso è in difficoltà, anche contro avversari modesti come la squadra austriaca e appare in costante affanno e molto frenetico. Infine, impossibile non notare come Strootman sia ancora lontano dalla sua condizione migliore, così come Rudiger. I ragazzi stringano i denti fino a domenica, poi ci saranno due importanti settimane con la sosta per allenarsi e riprende la forma migliore.

La Roma ottiene dopo molto tempo la vittoria in trasferta in Europa, nonostante la lunga lista di infortunati. Domenica ci aspetta il posticipo all’Olimpico contro il Bologna e bisognerà scendere in campo più tonici e concentrati, in quanto la squadra di Donadoni, sicuramente più preparata tatticamente dell’Austria Vienna, potrebbe saper mettere in difficoltà una Roma dimezzata dai guai fisici. Le qualità per vincere ci sono, l’importante è usare la testa. FORZA ROMA!

Alessandro Tagliaboschi


Copyright 2016 © By Il Legionario di Elena Sorrentino - Tutti i diritti sono riservati - Vietata la riproduzione non autorizzata