Triplice fischio
STADIO

Il Toro incorna la Lupa: finisce 3 a 1 per i granata

All’“Olimpico Grande Torino” i giallorossi si piegano a Belotti e alla doppietta dell’ex Iago Falque
Redazione de Il Legionario
inserita un anno fa
780
9:00
342727

A leggere il titolo, sembra quasi di essere allo zoo. Sembra, appunto, perché in realtà a far da sfondo è uno stadio con 22 esseri umani, dei quali appena la metà meritano il pollice in alto. Che fosse una gara difficile per gli undici romanisti, d’altronde, lo si è visto sin dal primo minuto: Manolas (perfino lui) si dimentica lo stile e cerca di spazzare un pallone apparentemente innocuo, ma di sinistro svirgola e regala un angolo ai padroni di casa.

Due minuti dopo Dzeko inaugura la numerosa serie di tentativi per mettere il sigillo, ma che andranno tutti a vuoto: si inizia con Hart che lo anticipa in uscita volante di pugno. Lo stesso Hart che poco più tardi trema sul bolide di Nainggolan, il quale però si spegne a lato.

All’8’ il Torino passa: Iago Falque calcia di sinistro dal limite, Szczesny respinge corto e la palla finisce sui piedi di Obi, che prontamente rimette al centro e imbecca Belotti. Il “Gallo” sfugge alla marcatura di Fazio e, in anticipo su Bruno Peres, incorna di testa e firma la rete del vantaggio.

All’11’ secondo tentativo fallito da Dzeko, che solo davanti al portiere avversario colpisce l’aria anziché il pallone, di fatto graziandolo. Appena il tempo per Iago Falque di colpire il palo di destro, che al 28’ il bosniaco ci riprova in maniera più incisiva su cross basso di Florenzi, stavolta trovando uno strepitoso Hart che d’istinto gli nega il goal.

Al 40’ dalla panchina si alza Totti e manda in visibilio perfino il pubblico granata, che gli riserva un applauso e, poco prima del suo ingresso in campo, anche una standing ovation. Nel mentre, il signor Tagliavento di Terni manda entrambe le squadre negli spogliatoi.

La ripresa si apre col Capitano che rileva uno spaesato De Rossi, ma soprattutto col quarto tentativo di Dzeko che di testa costringe ancora una volta Hart agli straordinari, fermando a mano aperta una palla destinata all’incrocio.

Tra il 6’ e il 10’ succede di tutto: si parte dal fallo in area di Bruno Peres su Belotti, che induce l’arbitro a fischiare il penalty. Dal dischetto va l’ex Iago Falque, che col mancino batte Szczesny (che tuttavia aveva intuito). Tempo due minuti e sul capovolgimento di fronte De Silvestri atterra Perotti nell’area opposta: nuovo rigore, che Totti trasforma accorciando le distanze. E’ il goal numero 250 in Serie A per il ragazzo di Porta Metronia, che martedì compirà i suoi primi 40 anni.

La Roma ci crede e attacca, dando l’illusione di poter agganciare il pareggio. Contro ogni previsione, però, è il Torino a colpire ancora: Belotti stoppa la palla e, suo malgrado, serve Iago Falque, che calcia di prima intenzione e trova Fazio sulla sua traiettoria, la quale si impenna e si insacca alla destra dell’incolpevole Szczesny.

Da qui alla fine succede poco o nulla, se non un doppio tentativo dei granata che, dapprima con Zappacosta e poi con Martinez, esaltano i riflessi del portierone polacco. Nel mezzo la solita sfortuna di Dzeko, che al suo sesto tentativo grazia la porta torinese mandando alto sempre di testa. E’ lui lo specchio di una Roma brutta, sfasata, a tratti irriconoscibile e, perché no, anche irritante. Il Toro batte la Lupa, sovvertendo gli ordini della foresta.

 

IL TABELLINO

Torino (4-3-3): Hart; De Silvestri (dal 62’ Zappacosta), Rossettini, Castan, Barreca; Benassi, Valdifiori, Obi (dal 23’ Baselli); Iago Falque (dal 77’ Martinez), Belotti, Boye (Padelli, Cucchietti, Ljajic, Lukic, Aramu, Moretti, Bovo, Gustafson). All. Mihajlovic.

Roma (4-2-3-1): Szczesny; Florenzi, Manolas Fazio, Bruno Peres; De Rossi (dal 45’ Totti), Strootman, Salah; Nainggolan (dal 71’ El Shaarawy), Perotti (dall’81’ Paredes), Dzeko (Alisson, Lobont, Emerson, Seck, Gerson). All. Spalletti.

Arbitro: Tagliavento di Terni.

Reti: 8’ Belotti (T), 52’ rig. Iago Falque (T), 55’ rig. Totti (R), 65’ Iago Falque (T).

Note: Ammoniti: De Rossi, Bruno Peres, Florenzi, Manolas (R); Hart (T). Angoli: 13-7 per la Roma. Recupero: 1'; 5'.



Massimo Salvo

Copyright 2016 © By Il Legionario di Elena Sorrentino - Tutti i diritti sono riservati - Vietata la riproduzione non autorizzata