Triplice fischio
STADIO

Dzeko apre, Banega illude, Manolas chiude: finisce 2-1

La Roma torna alla vittoria in campionato con una prova convincente. Nerazzurri pericolosi in più di un’occasione, Szczesny strepitoso (di Massimo Salvo)
Redazione de Il Legionario
inserita un anno fa
668
9:00
322929

Vincere in Europa serve, eccome se serve. Sì, perché la goleada rifilata giovedì sera all’Astra Giurgiu ha fatto da medicina in vista di stasera, tanto che i giallorossi sembravano guariti in ogni reparto, perfino in difesa. Partono bene i padroni di casa, che al 5’ sono già avanti grazie a Dzeko: il bosniaco raccoglie un cross basso di Bruno Peres dalla destra e infila Handanovic col piattone destro.

Tre minuti dopo l’Inter avrebbe già occasione di pareggiare con Banega, che dai 25 metri mette i brividi a Szczesny centrando il palo alla sua destra. Palo che al 20’ coglie anche Salah su una verticalizzazione interessante di Dzeko: l’egiziano si trova a tu per tu col portiere nerazzurro, ma nel tentativo di sorprenderlo sull’istinto calcia a lato.

Mezz’ora dopo è da registrare il miracolo di Szczesny sul sinistro al volo di Candreva: l’estremo difensore polacco ci mette la manona nonostante il tiro sia improvviso e insidioso, distendendosi a destra e smanacciando poco prima che la palla superi la linea. Non sarà l’unico miracolo in quella porta, perché lo imiterà il suo collega nella ripresa.

Sull’accorrente calcio d’angolo Miranda svetta di testa indisturbato, ma la sfera termina alta. Finisce qui la prima frazione di gioco, al termine della quale Francesco Totti fa un salto in tribuna per andare ad abbracciare Javier Zanetti, bandiera della Serie A alla sua pari.

La ripresa inizia senza cambi da entrambe le parti, che tuttavia arrivano in contemporanea solo al 69’, quando da un lato El Shaarawy rileva Salah e un fischiatissimo Candreva lascia il posto a Jovetic. Tempo quattro minuti e l’Inter pareggia: uno-due micidiale tra Icardi e Banega in area, che si sistema la palla sul sinistro e da posizione ravvicinata spiazza Szczesny sulla sua sinistra.

L’1-1 però dura poco: al 76’ la Roma è di nuovo avanti. Florenzi batte una punizione dalla trequarti, la mette in mezzo e trova Manolas, che insacca di testa sfruttando anche l’involontaria deviazione di Icardi. Due minuti dopo un euforico Spalletti manda in campo Paredes al posto di Perotti, mentre a un minuto dalla fine Nainggolan rileva uno stremato Florenzi.

Nel mezzo è degno di nota il miracolo a mano aperta di Handanovic, che su colpo di testa di Dzeko compie una parata disumano togliendo letteralmente dalla porta un pallone destinato a entrare indisturbato. E’ di fatto questa l’ultima grande occasione del match, che finisce dopo 3’ di recupero: la Roma torna alla vittoria, archiviando così i fantasmi di Torino. Ora il Napoli è un po’ più vicino.

 

IL TABELLINO

Marcatori: 5' pt Dzeko (R); 27' Banega (I), 31' st Manolas (R).

Roma (4-2-3-1): Szczesny; Bruno Peres, Manolas, Fazio, Juan Jesus; De Rossi, Strootman; Salah (25'st El Shaarawy), Perotti (34'st Paredes), Florenzi (44' st Nainggolan); Dzeko. (Alisson, Lobont, Emerson, Seck, Gerson, Iturbe, Totti. All. Spalletti.

Inter (4-2-3-1): Handanovic; Ansaldi (17'st Nagatomo), Miranda, Murillo, Santon; Joao Mario (15'st Gnoukouri), Medel; Candreva (24'st Jovetic), Banega, Perisic; Icardi. (Carrizo, Felipe Melo, Kondogbia, Palacio, Ranocchia, Eder, D'Ambrosio, Miangue, Gabigol). All. De Boer.

Arbitro: Banti di Livorno.

Note: serata serena, terreno in discrete condizioni. Spettatori: 35 mila circa. Ammoniti: Santon (I), Ansaldi (I), Juan Jesus (R). Angoli: 9-3 per l'Inter. Recupero: 1' pt, 3' st.


Massimo Salvo


Copyright 2016 © By Il Legionario di Elena Sorrentino - Tutti i diritti sono riservati - Vietata la riproduzione non autorizzata