News
NEWS

VIDEO Di Francesco: ora tocca a noi ridare entusiasmo alla piazza

La Conferenza Stampa integrale di Di Francesco in vista del derby di domani
Redazione de Il Legionario
inserita 2 mesi fa
246
10:00
1277
Dopo la vittoria contro il Frosinone, il derby sarà la partita della svolta?
“La stagione è lunga, ma la partita è importantissima per dare continuità. Dobbiamo avere il desiderio di vincere per ridare entusiasmo alla piazza.”

Ci sarà anche una svolta tattica? Come sta Manolas? De Rossi è alla quarta di fila...
“Non voglio dare vantaggi agli altri quindi non dico il sistema di gioco. Manolas è da valutare. Daniele è alla quarta partita consecutiva, ma le sue caratteristiche glielo permettono, De Rossi domani sarà il capitano della Roma.”

Lei pensa che sia una Roma ancora competitiva per lo scudetto?
“Non siamo competitivi per lo scudetto, lo abbiamo dimostrato, dobbiamo scalare posizioni. Dobbiamo recuperare e lo dobbiamo fare attraverso questa partita.”

Quanto è importante questa partita per il futuro di Di Francesco?
“È importante per il futuro della Roma, io rappresento la Roma, questa maglia me la tengo stretta. Cercherò di fare di tutto perché la squadra, non Eusebio Di Francesco, possa portare avanti un determinato cammino di crescita.”

Quanto conta El Shaarawy per questa partita?
“Ad El Shaarawy manca la continuità, lui ora sta bene e io mi aspetto che lo dimostri partita dopo partita.





Dopo l'ultima partita gli attaccanti hanno reso merito al lavoro di De Rossi e Nzonzi. Sono diventati imprescindibili?
"Ci sono altri centrocampisti che possono fare questo ruolo come Cristante e Pellegrini. Giocando 4-2-3-1, alternerò anche loro in questo ruolo."

Nel clima di contestazione i tifosi hanno risparmiato l’allenatore, per lei è un motivo di orgoglio? Vuole dare un messaggio?
“I tifosi penso che ce l'hanno con tutti. Dalla curva ci sono stati attestati di stima, ma quello che chiedo sono applausi per i giocatori. Ma i romanisti lo sanno, questo è il romanismo, i tifosi ci sosterranno anche domani. Però adesso sta a noi trascinare la piazza, principalmente col modo di fare, l'atteggiamento, di combattere palla su palla. In alcune partite siamo mancati, non possiamo permettercelo."

Per Cristante e Pellegrini può essere un aiuto ora stare lontani dai riflettori?
“Roma è una piazza particolare, bisogna avere qualcosina in più e la crescita permette loro di affrontare meglio le partite."

Sul gol del 4-0 il movimento di Kolarov è uno dei pochi da inserimento alla di Francesco. La coppia N’zonzi De Rossi è in grado di fare anche queste giocate o bisogna rinunciare al dinamismo per la sicurezza?
“Anche loro hanno dinamismo, forse ci sono meno inserimenti. Però questi inserimenti li abbiamo fatti anche in altre occasioni, ad esempio Cristante contro il Chievo o Pastore che si è inserito bene. Ma lo chiederò anche a loro di accompagnare ogni tanto l'azione.”

Pastore e tre attaccanti. Come si trova un equilibrio? È un rischio.
“Sto facendo tante valutazioni per questa partita, quindi domani potrebbe esserci qualche sorpresa. Ci si difende bene anche attaccando, e avere due centrocamposti di struttura aiuta ad avere ripartenze solo esterne ed essere più coperti nella parte centrale.”

Cosa ha di più la Lazio in questo momento?
“Hanno fatto acquisti di esperienza e hanno dato continuità ad una squadra che l’anno scorso ha fatto bene.”

Dzeko è stato incisivo solo alla prima giornata, cosa si aspetta da lui?
“Ha avuto delle occasioni, ma quello che mi interessa è la partecipazione alla manovra e domani sono sicuro che Dzeko darà il suo contributo nel contesto di squadra. Sa sacrificarsi in certi momenti della gara pensando meno al gol e più alla squadra.”

Con Santon in condizione, sarebbe ipotizzabile uno spostamento di Florenzi a centrocampo?
“Ale fa molto meglio l'esterno basso o alto che la mezzala. Santon si sta allenando bene, mi aspetto continui così.”


Copyright 2016 © By Il Legionario di Elena Sorrentino - Tutti i diritti sono riservati - Vietata la riproduzione non autorizzata