Calcio e onomanzia

Calcio e Onomanzia: Milan Roma

Una rubrica di Franco Costantini
Redazione de Il Legionario
inserita un mese fa
952
10:00
755
L’anagramma è illuminante
sui destîn che si profîlan:
dunque indaga l’onomante
su la gara con il Milan…


Nel derby, purtroppo, è andata proprio male. I cugini avevano un certo “vantaggio onomantico”, ma sul campo si sono dimostrati superiori non solo sul piano della “buona sorte”, ma anche sui piani della condizione fisica e dell’assetto tattico.
Tuffiamoci ora nelle divinazioni su Milan-Roma. Abbiamo individuato tredici possibili protagonisti: 9 rossoneri e 4 giallorossi.


Milan - Roma

1. Donnarumma ha un paio di anagrammi curiosi. Il primo è meramente didascalico (certifica “solo” che il portiere doveva arrivare a disputare questa partita). Il secondo lascia intravedere un oracolo favorevole ai giallorossi…
Gianluigi Donnarumma = giungi ad un Milan-Roma = un magro Milan digiuna…

2. Un altro portiere rossonero, Storari, ha un anagramma di non immediata decifrazione. Tuttavia, essendo il “sorcio” una preda per antonomasia, mi sento di dire quanto segue: meglio per la Roma se giocherà Donnarumma e non Storari…
Marco Storari = Roma tra sorci…

3. Ocampos potrebbe rivelarsi uno degli avversari più pericolosi. Il primo anagramma promette una gara di grande dinamismo; gli altri non hanno bisogno di commento…
Lucas Ariel Ocampos = la “spola” uccise Roma… = uccise Roma “pallosa” = «al “morso”, seccai Lupa»

4. Romagnoli non è solo un avversario pericoloso. È anche un rimpianto, in quanto uno dei migliori giovani usciti dal nostro vivaio.
Alessio Romagnoli = sì, il sogno è la Roma = «Roma? Lessa, l’ingoio»

5. Anche Zapata ha un anagramma per noi minaccioso:
Cristián Eduardo Zapata Valencia = va a cantare: «Addio, lupi screanzati!»

6. Bonaventura potrebbe rendere al di sotto delle aspettative (per nostra fortuna). Un anagramma, infatti, sembra sottolineare come la Roma sia per lui una sorta di “bestia nera”:
Giacomo Bonaventura = Roma non giova… C’è “tabù”

7. Attenzione a Lapadula, che potrebbe essere il match-winner.
Gianluca Lapadula = la “daga” incula-Lupa

8. Anche Pasalic va tenuto d’occhio. Il seguente anagramma inizia con una “elisione dantesca” («i’» per «io»):
Mario Pasalic = «i’ scalpai Roma»
Un altro anagramma di Pasalic è di più difficile decrittazione, ma ve lo propongo ugualmente.
Mario Pasalic = la Roma ci spia

9. Dell’allenatore Montella non ci sono onomanzie che riguardano direttamente la gara con la Roma. Ma questo anagramma è comunque interessante, perché sembra fare riferimento alla nuova proprietà cinese dei rossoneri (“zen”, infatti, è la pronuncia nipponica del carattere cinese “禅”):
Vincenzo Montella = vento “zen” col Milan

10. Emerson Palmieri sembra nato per affrontare questa trasferta…
Emerson Palmieri dos Santos = Milano ne dimostra spessore…
A pensarci bene, tuttavia, l’anagramma non è necessariamente positivo: dice che Milano dimostrerà il reale spessore di Emerson; il quale spessore potrebbe rivelarsi scarso, senza contraddire la divinazione…

11. Ricordate - risale a qualche mese fa - la battuta di Buffon sulle squadre che «si scansano»? Un anagramma di Manolas sembra evocarla. E questa onomanzia non promette nulla di buono (qui il nome completo del nostro difensore, Konstantinos Manolas, è proposto con la transliterazione della “k” in “c”):
Constantinos Manolas = ’sto Milan non scansato…

12. Bruno Peres non è certo in un periodo di forma eccellente. Saprà riscattarsi a Milano? Un suo anagramma mantiene una certa dose di ambiguità: la parola “belva” sembra promettere una gara di grande determinazione agonistica; ma… l’aggettivo “nuda” potrebbe essere metafora di “inerme”…
Bruno da Silva Peres = belva nuda per S. Siro…

13. Juan Jesus (nome completo: Juan Guilherme Nunes Jesus, qui con le “j” translitterate in “i”) potrebbe giocare a Milano una buona gara. Quantomeno, con la giusta serenità. La Roma è forse in uno dei peggiori momenti della sua stagione, ma questo anagramma sembra ricordare che anche il Milan sta offrendo prestazioni altalenanti…
Iuan Guilherme Nunes Iesus = un Milan “su e giù”, eh? Su, sereni!


Conclusioni dell’onomante: il Milan - purtroppo - è in vantaggio. E potrebbe vincere, se Montella azzeccherà la formazione “onomanticamente giusta”, quella cioè con Ocampos, Lapadula e Pasalic in campo contemporaneamente.
Senza quel trio di titolari, invece, la partita resterebbe aperta ad ogni risultato.


Franco Costantini


Copyright 2016 © By Il Legionario di Elena Sorrentino - Tutti i diritti sono riservati - Vietata la riproduzione non autorizzata