Calcio e onomanzia

Calcio e Onomanzia: Inter VS Roma

Una rubrica di Franco Costantini
Redazione de Il Legionario
inserita 5 mesi fa
1386
10:00
161414
Al lattante ch'è affamato
latte dona il sen di mamma.
A chi invece indaga il Fato
nutrimento è l'anagramma...



La profezia su Roma-Torino si è rivelata giusta. Avevamo previsto persino il gol di Paredes (anche se avrebbe dovuto farlo a Padelli, non a Hart!). Ora il pronostico si fa più arduo. Inter-Roma, infatti, è partita equilibratissima, anche onomanticamente. Sono 17 i giocatori che (in un senso o nell’altro) potrebbero indirizzare la gara: 11 dell’Inter, 6 della Roma.

1. Il “mister” dei nostri avversari è, a mio avviso, un eccellente allenatore. Basti considerare la crescita costante dell’Inter - sia nel gioco, sia nei risultati - da quando Pioli ne ha assunto la guida tecnica.
Tuttavia, incombe su di lui una sorta di “maledizione onomantica”, che sembra condannarlo a raccogliere meno di quanto meriti. Speriamo che, nel prossimo match, la “sfortuna” di Pioli si traduca in “fortuna” per la Roma. Ecco l’anagramma:
Stefano Pioli = il tifoso pena…

2. Banega farà bene entrambe le fasi (contenimento e spinta: qui rese con i verbi “badi” e invadi”), ma - secondo onomanzia - il suo ottimo lavoro non sarà sufficiente. Ecco l’anagramma-endecasillabo del suo nome completo:
Éver Maximiliano David Banega = badi e invadi, ma vige “lex romana”

3. Nemmeno Palacio dovrebbe interrompere i sogni romanisti di rimanere vicino alla vetta:
Rodrigo Sebastián Palacio = a brioso sognar di Capitale!

4. Occhio a Gabriel (o a Gabigol, se preferite questo soprannome): è uno degli avversari potenzialmente più pericolosi. Almeno secondo onomanzia. La sua determinazione agonistica potrebbe “rovesciare” l’andamento del gioco sul campo:
Gabriel Barbosa Almeida = di rabbia, “sega” bella Roma

5. Sarà Icardi il più pericoloso di tutti. Nel seguente anagramma, il lemma “avaro” è metafora per “colui che non ci concederà nulla!”.
Mauro Emanuel Icardi Rivero = lui, avaro, riduce Roma inerme

6. Attenzione anche a Medel. Già nell’ottobre del 2015, Inter-Roma fu decisa da un suo gol. La Roma allora giocò benissimo, era davvero bella a vedersi (quasi “sexy”); ma non riuscì a concretizzare la superiorità espressa sul campo. L’anagramma di Medel (qui sarà usato il suo nome completo) sembra raccontare quella partita (“sedare”, ovviamente, sta per “narcotizzare”, o “domare”):
Gary Alexis Medel Soto = e ’l gol ti seda, Roma “sexy”…
Speriamo che la profezia onomantica si sia già compiutamente “consumata” nel 2015.

7. Handanovic dovrebbe fare la solita ottima partita tra i pali:
Samir Handanovic = Roma: schiva danni

8. D’Ambrosio è candidato ad un’ottima prestazione difensiva:
Danilo D’Ambrosio = «sodo, blindai Roma»

9. Il giovane Pinamonti è destinato a rimanere in panchina. Peccato. Con lui in campo, le possibilità onomantiche dei giallorossi salirebbero:
Andrea Pinamonti = romani ti dan pena

10. Anche Joao Mario potrebbe risultare devastante per la Roma. Qui useremo il suo nome completo (João Mário Naval da Costa Eduardo), con la “j” translitterata in “i”:
Ioao Mario Naval da Costa Eduardo = dà un tiro a volo e addio Roma: a casa!

11. Andreolli non dovrebbe essere della partita; partirà forse in panchina, e sarà un bene se dalla panchina NON dovesse alzarsi:
Marco Andreolli = rendi colla Roma

12. L’uomo decisivo per la Roma potrebbe essere Strootman, onomanticamente idoneo a “smontare” le velleità milanesi:
Kevin Strootman = smont’Inter (va ko!)

13. Palmieri è un’altra “carta buona” per i giallorossi. Specie perché si giocherà di domenica (nell’anagramma, “domenica” è scritta nella sua classica abbreviazione: “dom”).
Emerson Palmieri dos Santos = DOM: sorpasso Inter milanese!

14. Rudiger sembra nato per affrontare i nerazzurri in allegra scioltezza, con la promessa di un felice esito della gara:
Antonio Rudiger = Inter, gaio round!

15. Gerson non è onomanticamente adatto a giocare contro l’Inter. Speriamo che Spalletti non lo schieri come allo Juventus Stadium… Nel seguente anagramma, “sgassare” va inteso nel suo significato etimologico primario (“privare di gas”; ovvero - metaforicamente - “togliere effervescenza al gioco della Roma”).
Gerson Santos da Silva = «“sgassando”, salvo Inter…»

16. Totti - per l’Inter - è sempre pericoloso. E lo dimostra anche un anagramma: qui “tac” è voce onomatopeica che sta a indicare un “colpo secco”; come quello che Totti fece a San Siro nell’ottobre del 2005 (lo splendido pallonetto a Julio Cesar).
Francesco Totti = «co’ st’Inter fo “tac”!»

17. Il dinamismo di Paredes potrebbe nuocere ai nerazzurri in modo decisivo. Qui i milanesi sono indicati con la simpatica “storpiatura del nome” creata dal nuovo proprietario cinese Zhang Jindong (quando esclamò il celebre «FOZZA INDA!»):
Daniel Leandro Paredes = «pedalo, e l’INDA s’arrende»

Conclusione dell’onomante: il pronostico è da tripla, sia per la forza oggettiva di entrambe le squadre, sia per il responso degli anagrammi.
Speriamo che Pioli sbagli formazione (inserendo Banega e Palacio, ad esempio); e che Spalletti non faccia giocare Gerson…


Franco Costantini


Copyright 2016 © By Il Legionario di Elena Sorrentino - Tutti i diritti sono riservati - Vietata la riproduzione non autorizzata