Triplice fischio
STADIO

Badelj gela la Roma: al “Franchi” finisce 1 a 0 per i viola

Una squadra sprecona getta alle ortiche un match che sembrava alla sua portata: ora il Napoli è davvero lontano (di Massimo Salvo)
Redazione de Il Legionario
inserita un anno fa
1124
7:00
262323

Doveva essere una partitissima, quella che avrebbe rilanciato i giallorossi e spento i mugugni della gara col Viktoria Plzen; eppure così non è stato, anzi la partitissima si è rivelata una gara pessima, dalla quale sembra addirittura utopico pronosticare un terzo posto.

La prima grande emozione del match si ha al 18', quando Perotti dalla bandierina crossa al centro e la palla giunge a Dzeko, che di destro al volo tira centrale ed esalta Tatarusanu.

Al 26’ la Fiorentina si rende pericolosa sfruttando un disimpegno di Fazio, che perde palla a centrocampo e facilita il corridoio per Ilicic, ma quando lo sloveno serve Kalinic lo stesso Fazio è attento e recupera anticipando l’azione.

Al 29’ Dzeko finisce a terra in area e Tomovic gli frana addosso, ma il signor Rizzoli non reputa falloso l’intervento e fa cenno di proseguire. Il bosniaco si rialza e 5 minuti più tardi avrebbe l’occasione per regalare il vantaggio ai suoi; Florenzi gli offre un traversone invitante che il n. 9 dovrebbe soltanto appoggiare in rete, ma Tatarusanu gli chiude lo specchio e lo induce a calciare in curva.

A un minuto dalla fine Strootman serve mette al centro per Salah, che dopo aver corretto il passaggio imita Dzeko e spara alle stelle; De Rossi quasi lo redarguisce, essendo posizionato meglio di lui. E’ questa di fatto l’ultima emozione del primo tempo.

La seconda frazione di gara si apre con i viola in attacco: Tello crossa dalla destra e Milic non ci pensa su due volte, scaricando il mancino. Szczesny qui è maestoso, distendendosi sulla sinistra e negando un goal che sembrava ormai fatto.

Al 55’ è invece Manolas a salvare la Roma: il lancio dalla trequarti di Ilicic buca tutta la retroguardia e carambola sui piedi di Kalinic, il quale però non ha neppure il tempo di realizzare perché il difensore greco si allunga di destro e spazza in angolo.

Al 60’ Nainggolan serve l’accorrente Perotti, che libera il destro ma trova Tatarusanu pronto a deviare sulla traversa.

Sette minuti più tardi Kalinic ancora sprecone: su calcio d’angolo dalla destra si trova la palla sul capo, ma la sua coordinazione è da rivedere perché ne esce un passaggio facile facile per Szczesny.

Al 78' Francesco Totti prende il posto di Perotti e, un minuto dopo, dà il là all’azione più pericolosa della Roma; mentre ha la palla tra i piedi scorge Florenzi in corsa sulla fascia destra, lo serve prontamente e questi, a sua volta, crossa basso per Nainggolan, che calcia di destro ma coglie il palo alla sinistra di Tatarusanu.

Passano quattro minuti e la Fiorentina colpisce: Tomovic vede Badelj fuori area e gli cede palla, lasciandolo libero di calciare rasoterra. La traiettoria non è irresistibile, ma a renderla velenosa è Kalinic che, in posizione attiva di fuorigioco, apre le gambe e destabilizza Szczesny, il quale non può far altro che vederla sbattere sul palo e insaccarsi in rete.

A nulla serve l’ingresso di Iturbe per Nainggolan e (precedentemente) di El Shaarawy per Salah; dopo quasi 100’ minuti di gara il signor Rizzoli pone fine alle ostilità, lasciando i giallorossi nel caos più totale.

 

IL TABELLINO

Fiorentina (3-4-2-1) Tatarusanu; Tomovic, Gonzalo Rodriguez, Astori; Tello (dal 64' Bernardeschi), Sanchez, Badelj, Milic; Ilicic (dal 77' Babacar), Borja Valero; Kalinic (dall'84' Cristoforo). (Lezzerini, Dragowski, De Maio, Salcedo, Diks, Olivera, Chiesa, Zarate). All. Sousa.

Roma (4-2-3-1) Szczesny; Florenzi, Manolas, Fazio, Bruno Peres; De Rossi, Strootman; Salah (dal 68' El Shaarawy), Nainggolan (dall'85' Iturbe), Perotti (dal 78' Totti); Dzeko (Alisson, Lobont, Juan Jesus, Emerson, Seck, Paredes, Gerson). All. Spalletti.

Arbitro: Rizzoli di Bologna.

Rete: Badelj all'82'.

Note:  Ammoniti Sanchez (F), Florenzi (R) per gioco scorretto.


Massimo Salvo

Copyright 2016 © By Il Legionario di Elena Sorrentino - Tutti i diritti sono riservati - Vietata la riproduzione non autorizzata