Approfondimenti

(In)Visibilità ridotta

a cura di Antonio Pastore
Redazione de Il Legionario
inserita 2 mesi fa
266
0:00
121111
Shhh! Non svegliatemi. E non svegliateli.

La Roma non è mai stata la squadra su cui puntare un nichelino. Assistiamo sempre a grandi performance alternate ad altre spesso indecorose, dove non si discute del risultato, bensì delle prestazioni completamente nulle.

Anche quest’anno il pensiero dopo ogni vittoria è stato lo stesso: alla prossima si sbaglia. Siamo stati sempre caratterizzati per i punti persi contro le piccole. Ebbene quest’anno invece no. Siamo stati più forti, non solo tecnicamente, forti di testa, anche quando si poteva facilmente crollare e buttare tutto al vento. Doveva essere Torino, poi Cagliari, Verona e ancora Udinese. Non è stato.

Dunque non svegliateci. E fate finta di niente come avete fatto fino ad ora. Continuate a parlare degli altri che questa Roma non merita le vostre prime pagine; merita il nostro entusiasmo e la nostra vicinanza, sempre.

Si dirà: “Sì però con le grandi si perde male e si fanno delle brutte figure.” Vero, ma non paragoniamo le sconfitte con Lazio e Atalanta con la sconfitta contro la Juve: le prime due sono state orrende, con i bianconeri, invece, è stata una partita dominata dal primo all’ultimo minuto. Solo alla Roma può capitare di subire un gol in un secondo tempo dove le statistiche parlano di 10 tiri a 0 a favore dei giallorossi! E solo in Italia i vari opinionisti avallano e condividono le dichiarazioni del mister bianconero che dopo aver vinto ma avendo subito per tutti i 90 minuti, afferma di aver preparato così la partita. Contento lui, contenti tutti.

Non è certo la distorsione della realtà che vediamo sempre più spesso a non permetterci di vincere. Ma forse lo sono degli episodi quantomeno dubbi che vengono valutati sempre allo stesso modo. E smettiamola di essere sempre eleganti in campo e facciamo in modo, almeno, di insinuare il dubbio nella testa dei direttori di gara.

Continuiamo così. Rendiamoci invisibili ma usciamo allo scoperto quando ci sentiamo defraudati, perché siamo forti, forti anche di testa, e speriamo che quando gli altri se ne accorgeranno, sarà troppo tardi per loro, ma troppo bello per noi.


Antonio Pastore





Acquista il libro "Io, il cancro e la Maggica" di Elena Sorrentino su Amazon e sostieni il progetto!

Seguici su Instagram, presto tante novita' e premi per i nostri follower

Copyright 2016 © By Il Legionario di Elena Sorrentino - Tutti i diritti sono riservati - Vietata la riproduzione non autorizzata