Approfondimenti

Totti parla di tutti... ma De Rossi?!

Totti e De Rossi sono grandi amici, la maggior parte di noi la pensa così... per dovere di cronaca, però, non possiamo non segnalare la riflessione di Roberta Lanzolla. E voi cari lettori, cosa ne pensate? Fateci sapere
Redazione de Il Legionario
inserita 7 giorni fa
325
0:00
611
Il documentario Mi chiamo Francesco Totti, storia del capitano giallorosso dalle origini fino al giorno dell’addio, diretto da Alex Infascelli, ha spopolato ma ha anche fatto parecchio discutere. Non è sfuggito ai più notare la mancanza di un personaggio chiave nella storia della leggenda giallorossa: Daniele De Rossi. Sarà una casualità? Fatto sta che i colleghi di Repubblica un anno fa pubblicarono un’inchiesta scandalosa che vedeva De rossi nel gruppo dei senatori che stavano cercando in tutti i modi di mettere da parte il capitano.

“I senatori Edin Dzeko, Kostas Manolas, Alexander Kolarov e Daniele De Rossi. Dall'inchiesta emerge uno spaccato inquietante che getta una nuova luce sui rapporti tra i due capitani e, soprattutto, documenta un grumo di ricatti e trame di spogliatoio che dice molto non solo della Roma e di Roma, ma anche del doppiofondo del calcio professionistico. Del peso politico dei club, degli appetiti che suscita, degli strumenti non ortodossi per conquistarlo. Del ruolo dei campioni e delle bandiere” scrive Repubblica.

“In una controversa mail di Ed Lippie i senatori esprimono la loro perplessità e la loro preoccupazione nei confronti dell’ingombranza del dirigente Totti: “Le percezioni negative che trasmette allo spogliatoio. L’ottavo Re di Roma, il suo figlio prediletto, è mal tollerato – così scrive Lippie – da coloro a cui ha consegnato il testimone e che pubblicamente non smettono di celebrarlo. Le fonti di Lippie chiedono che l’ex “Capitano” venga allontanato da Trigoria se necessario cacciando Di Francesco a cui Totti è legatissimo”.

Il documentario non risparmia nessuno: da Carlos Bianchi a Capello da Cassano a Spalletti da Mazzone a Lippi, il capitano si racconta per più di un'ora e mezza e rivive gioie e dolori della sua straordinaria carriera, ma stranamente non spende nemmeno una parola per il suo fratello minore. Non si può non chiedersi il perché...


Roberta Lanzolla





Acquista il libro "Io, il cancro e la Maggica" di Elena Sorrentino su Amazon e sostieni il progetto!

Seguici su Instagram, presto tante novita' e premi per i nostri follower

Copyright 2016 © By Il Legionario di Elena Sorrentino - Tutti i diritti sono riservati - Vietata la riproduzione non autorizzata