In & Out

Spezia Roma 2-2 - In & Out

a cura di Giovanni Acone
Redazione de Il Legionario
inserita 2 mesi fa
169
4:00
766
Volge al termine questa stagione non nel migliore dei modi e con il timore di vedersi scivolare via anche l’ultimo posto nelle competizioni europee. Al “Picco” la Roma ribalta uno Spezia che fa la voce grande, grazie ad El Shaarawy e Mkhitaryan, mentre in contemporanea il Sassuolo vinceva senza problemi all’Olimpico rischiando di far concludere l’annata in tragedia. La squadra si presenta in Liguria come se tra le due fosse la Roma quella senza nulla da giocarsi, mentre i padroni di casa continuano ad essere migliori dei giallorossi senza troppi dubbi. Se la partita è rimasta aperta lo si deve a Fuzato, che alterna qualche giocata dubbia a buoni interventi. Mayoral e Darboe tradiscono le attese. Ora la pausa prima dell’attesa “rivoluzione Mourinhana”, la Roma di domenica sera ha tante domande e poche risposte.


IN

Daniel Fuzato

Chiunque avrebbe sperato ad inizio stagione che la presenza del brasiliano nel finale sarebbe stata dovuta ad un piazzamento tranquillo per l’Europa, invece l’occasione fa titolare Fuzato. Il brasiliano è la ragione principale del settimo posto. Se la Roma non sprofonda nel primo tempo e Verde non trova la tripletta, lo si deve a lui.

Henrikh Mkhitaryan
Segue i suoi nella dormita del primo tempo, poi nel secondo si ricaricano le batteria e ritorna a dare grattacapi alla difesa dei padroni di casa. Sul primo gol di El Shaarawy, il compagno gli soffia la palla andando al tiro un secondo prima dell’armeno. Nel finale toglie dalle spalle dei suoi l’enorme peso di una competizione europea mancata, segnando su assist di Dzeko. Europa Conference League per la Roma, ma sarà ancora la Roma per Mkhitaryan?



OUT

Marash Kumbulla

Fuori Ibanez e avanzato Cristante, toccherebbe all’albanese evitare pericoli alla sua porta. Kumbulla fa l’esatto opposto. Abbocca su Nzola, che regala a Verde il vantaggio, fa un assist a Pobega che però non sfrutta e ancora Nzola lo sovrasta in occasione del doppio vantaggio. Horror show rispetto al buon derby di una settimana fa.

Ebrima Darboe

Passo falso del giovane centrocampista, che si trova tra i peggiori in questa partita. Inizia l’azione che culmina col gol di Verde e invece di acquisir fiducia, scompare. Non è un giocatore completo, ha ancora tanto da imparare.


Giovanni Acone





Acquista il libro "Io, il cancro e la Maggica" di Elena Sorrentino su Amazon e sostieni il progetto!

Seguici su Instagram, presto tante novita' e premi per i nostri follower

Copyright 2016 © By Il Legionario di Elena Sorrentino - Tutti i diritti sono riservati - Vietata la riproduzione non autorizzata