Triplice fischio

Roma Young Boys 3-1 In alto i cuori!

Dopo il regalo al Napoli, la Roma ritrova se stessa e conquista in scioltezza i tre punti contro lo Young Boys. I giallorossi mantengono la testa del girone A di Europa League: è primo posto matematico con una giornata di anticipo.
Redazione de Il Legionario
inserita 10 mesi fa
240
0:00
182020
La Roma comincia subito con la testa giusta, tante le occasioni per i giallorossi nei primi minuti del match, che ci provano prima con Calafiori che si mette in mostra con un bel tiro di poco a lato, poi con una punizione di Bruno Peres respinta dal portiere Von Ballmoos che qualche minuto più tardi viene graziato da Carles Peres il cui diagonale finisce di poco a lato e poi si supera su Pedro e Borja Mayoral.
Al 34°, però, come una doccia fredda arriva il vantaggio svizzero con Nsame, che supera un non brillantissimo Cristante e batte Pau Lopez portando in vantaggio i suoi alla prima occasione. Lo stesso attaccante camerunense interrompe l’imbattibilità dei giallorossi in Europa League, puniti proprio da Nsame nella sfida di Berna.
La Roma non si scompone e continua l’arrembaggio trovando il gol del pari proprio allo scadere del primo tempo con Borja Mayoral che si fa trovare pronto ad insaccare una ribattuta di Von Ballmoos sulla precedente conclusione di Pedro (sul quale il portiere aveva compiuto l’ennesimo miracolo). L’attaccante spagnolo è alla sua quarta segnatura con la Roma, il terzo nella competizione europea.

Nel secondo tempo Fonseca richiama Pedro e Ibanez per Spinazzola e Mkhitaryan che si rende subito pericoloso, ma la rimonta giallorossa si completa con il baby Calafiori che al 59° lascia partire un tiro potente e preciso che si insacca all’incrocio dei pali. L’esultanza con il bacio alla maglia scalda i cuori giallorossi. Solo Yeremi Pino, Florian Wirtz e Yusuf Demir sono più giovani di Calafiori tra i giocatori andati a segno in questa Europa League.
Al 60° altri due cambi per la Roma, fuori Villar per Pellegrini e dentro Dzeko al posto di Borja Mayoral, ed è proprio il bosniaco a chiudere i giochi al minuto 81 con un bel tiro di ribattuta da centro area.
Dopo l’espulsione all’82° di Camara, la partita si avvia all’epilogo senza ulteriori colpi di scena.

Ottima prestastione dei giallorossi che rispondono sul campo alle critiche arrivate dopo l’amara sconfitta in campionato.
Con la quarta vittoria su cinque partite nel girone, il tecnico Fonseca entra nella storia del Club.


ES




Acquista il libro "Io, il cancro e la Maggica" di Elena Sorrentino su Amazon e sostieni il progetto!

Seguici su Instagram, presto tante novita' e premi per i nostri follower

ULTIMI ARTICOLI

Copyright 2016 © By Il Legionario di Elena Sorrentino - Tutti i diritti sono riservati - Vietata la riproduzione non autorizzata