Pagelle
APPROFONDIMENTI

Roma VS Shakhtar Donetsk - Le pagelle (con video)

di Emanuele Grilli
Redazione de Il Legionario
inserita 3 mesi fa
698
10:00
211919
ALISSON sv: Impossibile dare un voto a un portiere che non deve fare neanche una parata in tutti i 95 minuti. Si limita ad un semplice giro palla con i compagni della difesa senza mai soffrire particolarmente il pressing degli ospiti ucraini.

FLORENZI 6.5: Inizia soffrendo il pressing costante degli ospiti ma finisce in crescendo totale, sia per quanto riguarda l'attenzione difensiva che la proposizione offensiva. Tanta grinta, corsa e spirito di sacrificio, un ottima iniezione di fiducia per lui e tutta la squadra.

MANOLAS 6.5: A livello difensivo non sbaglia praticamente niente, riuscendo quasi sempre a trovare il giusto anticipo sia di testa che di piede. A livello d'impostazione però perde una quantità esagerata di palloni, anche se questo è stato da sempre il suo grande tallone d'Achille. Nel complesso, buonissima partita.

FAZIO 7: Nei primi minuti compie un errore madornale regalando palla a Ferreyra e facendolo immolare in area di rigore, allora capisce che non si può più sbagliare e diventa una vera e propria muraglia invalicabile. Non si accontenta solo di anticipare i diretti avversari, ma anche di aiutare la fase offensiva con discese dirompenti e costanti. Grande comandante!





KOLAROV 6.5: A livello difensivo presenta come al solito molti limiti in marcatura e pressing, ma nel complesso è molto bravo a tenere bene palla e a gestirla con i propri compagni, aiutando la squadra nei momenti di maggiore pressing degli ospiti.

DE ROSSI 6.5: Una vera e propria diga a tutto campo, per gran parte della partita è il collante perfetto tra difesa e centrocampo e con anticipi costanti si sacrifica fino all'ultimo minuto di gioco. Nel finale soffre leggermente di più, ma vista l'età ormai non più giovanissima era una cosa abbastanza prevedibile.

STROOTMAN 7: Impossibile non alzargli il voto per l'assist fantastico a Dzeko che ha sbloccato la partita e portato la Roma ai quarti di finale. Una giocata tirata fuori dal cilindro che ha migliorato decisamente una prestazione un po' sottotono fatta dei soliti passaggi ai compagni e poco altro.

NAINGGOLAN 6: Ho voluto alzargli il voto di mezzo punto per l'encomiabile spirito di sacrificio profuso dal primo all'ultimo minuto. E' innegabile però che si sono viste partite decisamente migliori, sia dal punto di vista del palleggio che della pericolosità offensiva, calata soprattutto per il ritorno al 4-3-3.

C.UNDER 5.5: Ho provato a trovare qualcosa che mi facesse alzare il voto a 6 ma francamente non c'è nulla della sua partita che si possa considerare importante. Prova le sue solite discese e qualche dribbling ma viene fermato con facilità dai diretti avversari, poi esce stremato negli ultimi minuti per far posto a uno spento Gerson.

DZEKO 7.5: Il voto è legato soprattutto al gol e all'importanza mastodontica che quest'ultimo ha avuto per la stagione giallorossa. Passano 30 secondi e strozza troppo la conclusione in bocca a Piatov, mentre nella ripresa è abile sia a segnare il gol e sia a procurarsi l'espulsione del centrale ucraino. Partita da vero bomber.

PEROTTI 6.5: Nel primo tempo è senza dubbio tra i giocatori più ispirati di tutta la squadra, con discese costanti sulla fascia e dribbling molto spesso riusciti sui mediocri difensori dello Shakhtar. Nella ripresa oltre alla corsa sulla fascia aggiunge anche un buon numero di palloni recuperati, il che rende la sua prestazione ampiamente positiva. Peccato per quell'errore solo davanti a Piatov.


GERSON 5.5: Di solito il suo impatto sulla partita è sempre stato molto positivo, ma questa volta non riesce a risultare determinante. In fase difensiva si fa saltare spesso con troppa facilità, mentre in zona offensiva ha una ghiottissima palla per chiudere i giochi e la spreca con un tiro debole e poco ispirato.

EL SHAARAWY sv: Entra nel finale per far rifiatare uno stanco Dzeko e tenere palla negli ultimi minuti di gioco. Obiettivo in parte riuscito.

B.PERES 10: Il suo intervento nella sfida di andata è valso la qualificazione, in più capisce che non doveva assolutamente entrare e si rifiuta nonostante il richiamo del Mister. Semplicemente unico!


DI FRANCESCO 8: Con questo voto voglio considerare tutto l'incredibile percorso europeo che abbiamo avuto finora con la sua guida da allenatore. Mette in campo la migliore formazione possibile e fa i giusti cambi per tenere palla e far passare secondi preziosi. Conquista i quarti di finale di Champions alla prima esperienza da allenatore in questa competizione, mostrando la giusta dose di pragmatismo e attenzione necessarie per competere a certi livelli. Bravo mister!!


VOTO DI SQUADRA 8:
Anche in questo caso ho voluto premiare il percorso stratosferico fatto da tutta la squadra, nonostante il girone ostico e le tante insidie in ogni partita giocata. Finalmente siamo riusciti a rimontare un risultato di svantaggio, dopo tante brutte figure rimediate proprio in ambito europeo. Che sia una svolta per un miglioramento mentale di tutti? Magari, ma intanto godiamoci questo accesso tra le 8 migliori squadre d'europa.


Emanuele Grilli


LE ULTIME NEWS

Copyright 2016 © By Il Legionario di Elena Sorrentino - Tutti i diritti sono riservati - Vietata la riproduzione non autorizzata