Pre Match
STADIO

Roma VS Inter - Pre match

Vincere domenica per provare a confermarsi e prendere fiducia prima della sosta: questo l’obiettivo comune di Roma e Inter. (di Francesco Giovannetti)
Redazione de Il Legionario
inserita un anno fa
666
7:00
696464

Vincere domenica per provare a confermarsi e prendere fiducia prima della sosta: questo l’obiettivo comune di Roma e Inter, due squadre partite decisamente al di sotto delle proprie aspettative e che vogliono invertire la tendenza prima che sia troppo tardi. I giallorossi, che in questo momento hanno un punto di ritardo, pagano il pessimo rendimento nelle trasferte che li tiene a debita distanza dalla coppia di testa; la squadra nerazzurra invece, dopo l’abbandono di Mancini, sta cercando di assimilare i concetti di De Boer, alla prima esperienza con un campionato tatticamente impegnativo come la Serie A.

Entrambe inoltre si presentano con qualche protagonista non al meglio: nella Roma, oltre a Vermaelen e Rudiger infortunati di lungo corso, anche De Rossi e Nainggolan non sembrano essere al top fisicamente. L’Inter invece dovrebbe ritrovare sia Murillo che Joao Mario, con il primo già in campo giovedì nella pessima figura rimediata in Europa League; per il centrocampista possibile un impiego direttamente a partita in corso, per non rischiare uno stop ancora più lungo.

A difendere i pali nerazzurri ci sarà ovviamente Handanovic, ormai baluardo della squadra milanese: davanti a lui la coppia brasiliana Miranda-Murillo avrà il compito di proteggere lo sloveno, con Santon sicuro del posto a destra. A sinistra invece Ansaldi, Miangue e D’Ambrosio si giocano il posto, col primo avanti nel ballottaggio.

In mezzo dicevamo del recupero di Joao Mario, che potrebbe partire dalla panchina lasciando a Gnoukouri il posto affianco a Medel: attenzione anche a Brozovic, che dopo le infinite polemiche di inizio stagione potrebbe essere schierato a sorpresa.

Il reparto offensivo invece non dovrebbe dare pensieri a Frank De Boer: Icardi sarà la punta, sostenuto dal tridente Candreva-Banega-Perisic. Scalpita in panchina Gabriel, fresco esordiente contro il Bologna domenica scorsa che cerca ancora spazio.





I precedenti


Una sorta di spareggio anticipato per il terzo posto: questa la presentazione migliore per il posticipo di domenica, anche se entrambe le squadre a tratti hanno dimostrato di avere le qualità per provare ad insidiare le prime della classe, mancando però di continuità. Fino a qualche anno fa poi, prima dell’avvento della nuova Juve, Roma-Inter era una partita che decideva il campionato italiano e regalava sempre grande spettacolo.

Sono ben 83 i confronti disputati all’Olimpico fra i due team: 33 le vittorie dei padroni di casa, 27 i successi esterni e 23 i pareggi. I dati evidenziano comunque un buon rendimento degli ospiti, frutto di una storia anche a livello economico decisamente importante. Lo scorso anno finì 1-1, col pareggio di Nainggolan dopo il vantaggio firmato da Perisic; la stagione precedente la squadra guidata da Garcia si impose invece con un rocambolesco 4-2 in cui si esaltò Pjanic. L’ultimo successo esterno risale addirittura al 2007/2008, con un 1-4 abbastanza eloquente.

La direzione di gara è stata affidata a Luca Banti (Livorno), che sarà assistito da Di Fiore e Crispo. Nei 25 precedenti mai tale gara ma 15 vittorie, a fronte di 5 pareggi ed altrettante sconfitte (ultima vittoria nel derby di ritorno della scorsa stagione, terminato 1-4). Con l’Inter stesso numero di incroci ed un rendimento quasi identico: sempre 15 le vittorie, con 6 pareggi e 4 sconfitte a completare il quadro.

Francesco Giovannetti


Copyright 2016 © By Il Legionario di Elena Sorrentino - Tutti i diritti sono riservati - Vietata la riproduzione non autorizzata