Triplice fischio

Roma SPAL 3-1 Con lo spirito giusto!

Secondo tempo perfetto dei giallorossi che si godono il quarto posto e un capitano ritrovato.
Redazione de Il Legionario
inserita un mese fa
301
0:00
733
Con Mancini squalificato e Smalling ancora infortunato, Fonseca schiera una difesa inedita con Cetin e Fazio al centro, Florenzi per la seconda volta consecutiva titolare e l’inamovibile Kolarov. Tra i pali torna Pau Lopez. Il centrocampo non si tocca con Veretout, Diawara e Pellegrini a supporto di Perotti, Zaniolo e Dzeko che gioca la partita numero 200 con la maglia giallorossa.

La Roma parte bene e si rende subito pericolosa con una cavalcata di Zaniolo che mette al centro un buon pallone su cui nessuno però riesce ad arrivare per il tap-in vincente. Al 6’ è Dzeko a provare con un tiro dal limite forte ma troppo centrale. La SPAL si chiude in difesa e aspetta di colpire in ripartenza è così che Petagna si rende pericoloso all’ 11’ impegnando Pau Lopez con un bel diagonale che il portierone giallorosso riesce a deviare in angolo. Sul corner Valoti ci prova di testa ma la palla finisce a lato.
La Roma reagisce subito con il solito Zaniolo che porta scompiglio nelle retroguardie avversarie e serve un perfetto pallone per Dzeko, il tiro a botta sicura dello bosniaco finisce di un soffio a lato, forse deviato da un difensore, ma per l’arbitro è rimessa dal fondo.
La Roma chiude la SPAL nella sua metà campo ma non riesce a far male agli uomini di Semplici che riescono a reggere e incredibilmente a fine primo tempo a trovare il vantaggio su rigore: Kolarov perde ingenuamente palla in area e poi atterra Cionek, sul dischetto si presenta Petagna che non sbaglia e porta in vantaggio gli ospiti. Il primo tempo di conclude con il risultato di 0-1.

Nella ripresa la Roma entra vogliosa di acciuffare subito il pareggio e ci va vicina già al 51’ con Cetin che riceve un grande assist di Perotti, ma da ottima posizione calcia alto. I giallorossi vengono premiati due minuti dopo grazie ad un tiro da fuori di Pellegrini deviato da Tomovic, la traiettoria della palla beffa Berisha e regala un meritatissimo pareggio alla Roma.
Gli uomini di Fonseca non si fermano e sfiorano il gol al 62’ con Zaniolo che davanti a Berisha tira forte ma addosso al portiere. Allora ci pensa Dzeko al minuto 65: il bosniaco entra in area e viene steso da Vicari; sul dischetto va lo specialista Perotti che insacca e porta in vantaggio la sua squadra.
La Roma non lascia spazi alla SPAL e continua a creare occasioni per chiudere la partita. Al 79’ Fonseca inserisce Mkhitaryan al posto di Perotti ed è proprio l’armeno dopo soli quattro minuti dal suo ingresso a mettere il punto sclamativo sulla partita con un tap-in vincete su assist di Florenzi. Il capitano giallorosso esulta e tutti vanno ad abbracciarlo.

Secondo tempo perfetto della Roma che si gode il quarto posto e un capitano ritrovato.




Acquista il libro "Io, il cancro e la Maggica" di Elena Sorrentino su Amazon e sostieni il progetto!

Seguici su Instagram, presto tante novita' e premi per i nostri follower

Copyright 2016 © By Il Legionario di Elena Sorrentino - Tutti i diritti sono riservati - Vietata la riproduzione non autorizzata