Pagelle

Roma Sassuolo - Le pagelle (con video)

di Emanuele Grilli
Redazione de Il Legionario
inserita 29 giorni fa
187
10:00
622
PAU LOPEZ 6: Non riesce neanche stavolta a mantenere la porta inviolata, anche se considerando la dinamica dei due gol ha veramente poco da recriminarsi. Per il resto se la cava con qualche uscita precisa e puntuale, meritando in questo modo la piena sufficienza.

FLORENZI 6.5: Rispetto alle partite precedenti preferisce pensare più alla copertura difensiva che alla spinta offensiva, non disdegnando però allo stesso tempo qualche discesa pericolosa e qualche cross in area di rigore. Nonostante la buona prestazione però si spera che possa giocare in questo ruolo il minor tempo possibile.

FAZIO 6: Per gran parte della partita riesce con discreta facilità ad anticipare di testa ogni avversario capiti dalle sue parti. Nella ripresa, vuoi per un calo dei padroni di casa o per la crescita offensiva degli ospiti, comincia a soffrire un pochino di più, con qualche errore difensivo e dei passaggi fin troppo approssimativi.

MANCINI 5.5: Nonostante lo ritenga un difensore dall’enorme potenziale, non credo sia affrettato dire che sia ancora nella classica fase “d’ambientamento”. Qualche fallo sciocco e una leggera disattenzione difensiva macchiano in parte la sua prestazione, anche se ha tutte le carte in regola per migliorare partita dopo partita.

KOLAROV 7: Un autentico muro invalicabile della fascia sinistra, che nonostante i quasi 34 anni cavalca il campo con la forza fisica di un 25enne. Rispetto alle precedenti partite dimostra molta più attenzione in fase difensiva, rendendosi comunque protagonista dello splendido assist per il 2-0 di Edin Dzeko. Bene così!





CRISTANTE 7: Trova il suo primo gol stagionale con un incornata di testa da centravanti vero, riuscendo inoltre a gestire bene palla a centrocampo con un insolita tranquillità e sicurezza. Con il giusto compagno di reparto sono sicuro che potrà far vedere grandissime cose, il potenziale c’è e deve ancora essere espresso al 100 %.

VERETOUT 7.5: Forse sarò esagerato, ma sono convinto che se non fosse stato per la prestazione monumentale di Pellegrini sarebbe stato lui il migliore in campo. Fisicità e tecnica in mezzo al campo, equilibrio e tranquillità trasmessa a tutta la squadra, recupero palloni e tanto altro. Semplicemente stratosferico.

KLUIVERT 7: Deve ancora migliorare molto nel lavoro con i compagni, visto che spesso si intestardisce nei suoi dribbling non alzando mai la testa e non vedendo possibili compagni liberi in area di rigore. Nonostante ciò è giusto premiare lo splendido gol del 4-0 e tantissime belle giocate sulla fascia, che testimoniano l’enorme potenziale del giocatore che però deve ancora essere espresso al massimo.

PELLEGRINI 8: Senza dubbio la sua migliore prestazione da quando veste la maglia della Roma. Poche volte si sono visti ben 3 assist in soli 40 minuti, dati che testimoniano una qualità tecnica eccellente in un ruolo che sembra fatto apposta per le sue caratteristiche. Avere così tante buone alternative su un ruolo è un ottima cosa, nella speranza che gli infortuni non rovinino ancora una volta i piani.

MKHITARYAN 7: Dopo soli 3 allenamenti con la sua nuova squadra esordisce subito dal primo minuto giocando addirittura dall’inizio alla fine. Trova il suo primo gol stagionale con una bellissima staffilata col sinistro, dispensando calcio a destra e a manca e dimostrando una qualità tecnica superiore alla media. Ma per chi lo conosceva, non si tratta certo di una novità.

DZEKO 7: Vero che si mangia almeno altre due occasioni per segnare, ma sarebbe da mentecatti pensare solo a questo aspetto e non considerare l’enorme impegno e spirito di sacrificio ad aiutare i compagni di squadra, sia in fase difensiva che offensiva. E oltre a tanto lavoro sporco, ha il tempo di trovare anche il gol del temporaneo 2-0, mantenendo una media realizzativa di tutto rispetto.

ZANIOLO 6.5: Entra nella ripresa con lo spirito di chi, nonostante il risultato in cassaforte, vuole spaccare tutto e farsi valere. Si rende perciò protagonista di tante discese sulla fascia, e di una gestione palla utile a far passare minuti preziosi.

SPINAZZOLA 6: Torna dopo quasi un mesetto di stop e riesce nonostante tutto a dare tranquillità al suo reparto, gestendo palla senza soffrire particolarmente il pressing degli ospiti.

PASTORE sv: Per il bene suo e di tutti i tifosi presenti allo stadio, preferisco non commentare il gol sbagliato a porta vuota e voglio limitarmi a dargli semplicemente un senza voto. Credo sia meglio per tutti.

FONSECA 7: Partita dopo partita la squadra sembra acquisire sempre di più i suoi dettami, con un gioco veloce e propositivo e occasioni offensive create a ripetizione. Ancora di cose da migliorare ce ne sono molte, ma sicuramente si sono fatti dei buonissimi passi in avanti rispetto alle ultime partite della scorsa stagione. Unica domanda: perché puntare ancora su Pastore e non dare minutaggio a Diawara?

VOTO DI SQUADRA 7: Voto senza dubbio positivo per una prestazione almeno fino al 65’esimo a dir poco spettacolare. Trame di gioco spettacolari, tanta grinta in mezzo al campo, attenzione sia nella fase difensiva che offensiva. Poi nel finale è stato accusato un calo, un aspetto da non tralasciare per mantenere più tranquilli i tifosi nel finale delle prossime gare. Per adesso però, va benissimo cosi!


Emanuele Grilli




Acquista il libro "Io, il cancro e la Maggica" di Elena Sorrentino su Amazon e sostieni il progetto!

Copyright 2016 © By Il Legionario di Elena Sorrentino - Tutti i diritti sono riservati - Vietata la riproduzione non autorizzata