La settimana giallorossa

Roma-Milan, contro tutti e tutto: la settimana giallorossa

a cura di Marco Paluzzi
Redazione de Il Legionario
inserita 17 giorni fa
227
0:00
400
In un periodo tutto nero anche gli arbitri ci mettono del loro. Tanti sono gli episodi che sono capitati alla Roma e che, probabilmente, hanno lasciato per strada punti preziosi sia in campionato che in Europa League. La sfida contro il Borussia Mönchengladbach poteva dare alla squadra di Fonseca il lascia passare per il turno successivo, un ipoteca importante sul primato del girone, ma così non è stato. Ma bisogna guardare avanti e domenica, non per ultimo, arriverà tra le mura amiche il nuovo Milan di Pioli, pronto all’ennesimo riscatto di una stagione che è partita in salita. Due squadre ferite, due squadre pronte a dare battaglia per prendere tre punti che potranno valere molto. Andiamo a vedere nel dettaglio come è stata questa settimana giallorossa.


Polemiche, tensioni e altri rimedi

Una Roma decimata dagli infortuni è pronta a scendere in campo domenica alle 18 contro il Milan e le scelte, molto probabilmente, saranno obbligate. Pau Lopez a parte, l’unica certezza in difesa è Smalling. Per il gigante inglese Petrachi è già a lavoro per cercare il riscatto dal Manchester United e tenerselo stretto, vedremo come andrà a finire questa trattativa.
Insieme all’inglese ormai sembra aver trovato un certo feeling Gianluca Mancini. Con il talentino classe 96 la Roma subisce pochi gol e pochi svarioni e chissà se forse, finalmente, i giallorossi non abbiano trovato la giusta coppia di centrali. Non ce ne voglia Fazio.
Come abbiamo accennato in precedenza, il vero argomento della settimana sono state le polemiche arbitrali. Con i tweet furiosi del presidente Pallotta, la Roma è forse la squadra più penalizzata della stagione. Prima Cagliari, poi lo scippo di un rigore completamente inesistente in Europa League. Tanti episodi che, non per ultimi, si vanno a sommare ad un infermeria sempre più piena tanto che potrebbe essere necessario l’acquisto di qualche parametro zero (Rodwell o Buchel). I due stanno sostenendo diversi provini a Trigoria nella speranza che Fonseca possa scegliere uno dei due. I tifosi, dal canto loro, non sarebbero molto contenti del loro arrivo. Rodwell, soprattutto, nella sua carriera ha subito tanti infortuni che ne hanno compromesso un’intera carriera.


Zaniolo contro Capello, chi deve tacere?

Altro argomento emerso questa settimana è sicuramente legato alla breve telenovela tra Fabio Capello e Nicolò Zaniolo. L’ex tecnico della Roma, elogiando Esposito dell’Inter, ha consigliato al giovane nerazzurro di non seguire le orme del talento giallorosso reo, secondo lui, di aver perso la strada. Quale miglior momento per parlare? Difatti Zaniolo, nel match giocato contro i tedeschi del Borussia Mönchengladbach, ha siglato uno splendido gol di testa andando ad esultare sotto la nord con le orecchie tappate, segno che le polemiche, lui, non le sta a sentire. Come dargli torto.


Marco Paluzzi





Acquista il libro "Io, il cancro e la Maggica" di Elena Sorrentino su Amazon e sostieni il progetto!

Copyright 2016 © By Il Legionario di Elena Sorrentino - Tutti i diritti sono riservati - Vietata la riproduzione non autorizzata