Pagelle
APPROFONDIMENTI

Roma Genoa 3-2 - Le Pagelle (con video)

La tensione della partita si è riversata nella testa dei giocatori, che hanno sbagliato un infinità di palloni e spesso sono andati in confusione contro i mediocri avversari rossoblu. (di Emanuele Grilli)
Redazione de Il Legionario
inserita 6 mesi fa
1449
10:00
161212
SZCZESNY 5: Una delle peggiori partite da quando veste la maglia della Roma. Sbaglia l'uscita in occasione del primo gol e si dimentica completamente di farla in occasione del secondo. Nel mezzo si contano ben poche parate importanti e un uscita avventata fuori area che poteva costare la mazzata del 2-0.

RUDIGER 5.5: In fase difensiva è pessimo come tutti i suoi compagni di reparto, ma bisogna dargli merito di una buona spinta offensiva e di diversi palloni recuperati con grinta e caparbietà. Il voto però non può essere sufficiente.

MANOLAS 5: Sbaglia completamente il fuorigioco in occasione dell'1-0 di Pellegri, e da li in poi non riuscirà più a riacquisire la solita sicurezza. Prova qualche sortita offensiva e qualche colpo di testa pericoloso, ma non riesce a risultare determinante.





FAZIO 5: Anche lui va spesso in confusione insieme a tutto il reparto difensivo, riscattandosi parzialmente nella ripresa con diversi anticipi puliti ed efficaci. Si dimentica però di marcare Lazovic in occasione del gol del pareggio, e questo mi impedisce di dargli un voto superiore al 5 pieno.

EMERSON 6: L'ennesimo martire di un crociato che negli ultimi anni è diventato l'infortunio maledetto di casa Roma. L'unica nota dolente di una giornata ricca di tante emozioni, la speranza è che possa tornare presto a galoppare sulla fascia con grinta e caparbietà.

DE ROSSI 7: Segna con prontezza e precisione il gol del momentaneo 2-1, sfogando in un impeto di gioia tutta l'ansia accumulata in 70 minuti di partita. In questo finale di stagione si è dimostrato decisamente l'uomo in più della squadra, andando a segno per la quarta volta nelle ultime cinque partite e portando quindi la Roma alla qualificazione diretta in Champions.

STROOTMAN 6: Prova a mettere ordine a una squadra confusionaria con passaggi precisi e quasi sempre puntuali, che però spesso non si sono tramutati in occasioni pericolose. Ci prova nella ripresa con un tiro potente dalla distanza ma la palla finisce fuori davvero di poco.

NAINGGOLAN 5.5: Appare decisamente stanco e fuori forma fin dai primissimi minuti di gioco, quando controlla male ogni pallone che passa dalle sue parti. Col passare dei minuti cresce leggermente d'intensità recuperando più palloni e lanciando in area di rigore la palla che verrà tramutata nel 3-2 finale.

SALAH 5.5: Fin dall'inizio si sapeva che non era in grado di reggere 90 minuti, e si capisce fin da subito per quale motivo. Non riesce a fornire spunti interessanti nè a provare qualche sgaloppata sulla fascia, risultando spesso avulso e fuori dal gioco giallorosso.

DZEKO 8: Per quelli che gli criticano gli errori sottoporta del primo tempo voglio semplicemente riassumergli i dati della partita. Un gol segnato, due assist, un palo e un rigore procurato. E inoltre è diventato ufficialmente il capocannoniere della serie A 2016/17. C'è da aggiungere altro?

EL SHAARAWY 6: Crea leggermente qualche pericolo in più rispetto al compagno egiziano, ma non si può dire certo di aver visto la sua partita migliore da quando veste la maglia giallorossa. E' da premiare però la grinta e caparbietà che non sono mancate dall'inizio alla fine della partita.

SOSTITUZIONI:

MARIO RUI 5.5:
Entra a freddo e senza riscaldamento al posto dell'infortunato Emerson, e mostra tutte le difficoltà del caso. Poca copertura difensiva, cross quasi sempre sbagliati e tanti errori in fase di impostazione. Visto che sarà il titolare della prima parte della prossima stagione, deve iniziare a migliorare molto di più.

TOTTI 10: Gioca ben 40 minuti totali nei quali dispensa calcio e tante belle giocate. Nel finale contribuisce nel tenere palla e far passare i minuti in un momento cruciale per questa stagione e la prossima. Grazie veramente di tutto Francesco, sei e resterai la bandiera più grande della storia di Roma.

PEROTTI 7: Entra al posto di El Shaarawy e segna un gol pesante 50 milioni per le casse giallorosse, il primo su azione in questa stagione. Come si suol dire, entrato proprio al posto giusto e al momento giusto.

MISTER SPALLETTI 7: Il cambio di Perotti nel finale si è rivelato il più azzeccato dell'intera stagione, e permette alla Roma di ottenere un secondo posto che francamente meritava fin dalla prima giornata. Il suo obiettivo era sistemare la pratica Genoa prima dell'ingresso di capitan Totti, questo non è avvenuto ma il cambio è avvenuto comunque ed ha portato a un miglioramento della squadra nelle occasioni offensive. Nonostante le ultime dichiarazioni mi abbiano fatto storcere il naso rimane uno degli allenatori migliori ad aver guidato la Roma in tutta la sua storia.

VOTO DI SQUADRA 6: Una media tra una difesa al limite del ridicolo e un attacco comunque propositivo che ha segnato tre gol e provocato tante altre occasioni. La tensione della partita si è riversata nella testa dei giocatori, che hanno sbagliato un infinità di palloni e spesso sono andati in confusione contro i mediocri avversari rossoblu. Alla fine la vittoria è arrivata e la festa di Totti non è stata rovinata, ma la prestazione complessiva di squadra è stata tutto meno che convincente.

Emanuele Grilli


Copyright 2016 © By Il Legionario di Elena Sorrentino - Tutti i diritti sono riservati - Vietata la riproduzione non autorizzata