Pagelle

Roma Fiorentina 2-1 - Le pagelle (con video)

a cura di Emanuele Grilli
Redazione de Il Legionario
inserita 13 giorni fa
171
0:00
511
PAU LOPEZ 6: Ormai prendere gol a ogni partita è diventata un'abitudine, che sinceramente sta cominciando a diventare un pò troppo fastidiosa. Per il resto non è costretto a nessun intervento particolarmente rilevante, venendo salvato il più delle volte dagli anticipi tempestivi dei difensori giallorossi.

MANCINI 6: Per tutta la partita dimostra la solita grande intraprendenza in mezzo al campo, con una buonissima gestione palla e la giusta attenzione in fase difensiva. Sul gol del pareggio però sbaglia leggermente il posizionamento, un errore che macchia in parte una prestazione più che positiva.

SMALLING 6.5: Conferma ancora una volta di essere l’autentico leader di tutta la difesa, con numerose chiusure importanti e una sicurezza costante trasmessa a tutti i compagni di squadra. Nel finale rischia di combinare il fattaccio con un rinvio difettoso al limite dell’area, per fortuna non sfruttato dagli attaccanti viola.

KOLAROV 6.5: Dopo due errori nitidi nelle sfide con Inter e Spal finalmente arriva una prestazione convincente e di livello, senza praticamente nessuna sbavatura. Di testa e di piede sono quasi tutte le sue, e salva a più riprese il risultato con chiusure tempestive a pochi istanti dalla conclusione avversaria. Così si fa!

BRUNO PERES 6.5: La dimostrazione lampante che il cervello, nel calcio, vuol dire più di quanto si possa immaginare. Si sacrifica a tutto campo rientrando anche in fase difensiva, duettando bene con i compagni di squadra ma al tempo stesso sbagliando troppi cross all’interno dell’area di rigore. In ogni caso prestazione più che positiva!



DIAWARA 6.5: Si fa vedere molto di più del solito con tante chiusure tempestive e la solita legna in mezzo al campo, utile a spezzare le manovre di gioco viola e far ripartire quelle giallorosse. Se non fosse stato per la marcatura approssimativa sul gol del pareggio, lo avrei inserito tranquillamente tra i migliori in campo di tutta la partita.

VERETOUT 7: Segna con freddezza e precisione i due rigori della vittoria giallorossa, provando il tris su punizione senza però inquadrare lo specchio della porta. Per il resto corre come sempre su ogni zona del campo, pressando il portatore di palla e dando una mano sia in fase difensiva che offensiva. Insostituibile.

SPINAZZOLA 6.5: Gioca ancora una volta una prestazione convincente sotto tanti punti di vista, con la solita spinta offensiva che con un pizzico di precisione in più sarebbe stata ancora più determinante. Dopo un periodo altalenante sia a livello fisico che tecnico, è diventato il padrone assoluto di tutta la fascia sinistra. Bravo Leo!

PELLEGRINI 6: Rispetto alle scorse partite è molto più pericoloso e incisivo, con un bel tiro parato da Terracciano e diversi palloni buoni per i compagni del reparto offensivo. Nella ripresa viene colpito duramente da Milenkovic riportando la rottura del setto nasale, un vero peccato se si pensa all’imminente impegno di Europa League che probabilmente dovrà saltare.

MKHITARYAN 6: Nonostante una prestazione complessivamente sottotono va più volte vicinissimo al gol con un pallonetto uscito fuori di un niente e un tiro preciso stampato sul palo. L’esempio lampante del giocatore al quale basta veramente poco per incidere sul risultato finale, a dir poco imprescindibile per tutto il reparto offensivo.

DZEKO 6.5: Decide come al solito di dare priorità ai compagni e alla manovra di gioco piuttosto che all’effettiva pericolosità offensiva, con tantissimi recuperi in mezzo al campo e una forza di volontà da leader assoluto. Nella ripresa prova numerosi tiri verso la porta, guadagnandosi nel finale il dubbio rigore del 2-1 giallorosso.

ZANIOLO 6 (Dal 60’ per Pellegrini): Entra con discreto anticipo sulla tabella di marcia per via della rottura del setto nasale di Pellegrini, presentandosi con un bolide parato miracolosamente da Terracciano ed entrando nell’azione che ha poi portato al rigore del 2-1.

CRISTANTE 6 (Dal 77’ per Diawara): Entra con maggior grinta e aggressività rispetto ai suoi soliti standard, recuperando un buon numero di palloni e lanciando con precisione i compagni del reparto offensivo. Mi aspettavo decisamente di peggio!

CARLES PEREZ 6 (Dall’82’ per Mkhitaryan): Entra con la voglia di spaccare il mondo con numerosi dribbling al centro del campo e il missile parato da Terracciano pochi secondi prima dell’assegnazione del rigore. Questo è lo spirito giusto!

FONSECA 6.5: Si congeda dallo stadio Olimpico con una vittoria meritata e convincente, nonostante i tanti dubbi sul rigore del 2-1 che faranno ancora discutere. La squadra però sta crescendo sotto tutti i punti di vista, sia nel recupero palla che nei passaggi tra i compagni, e anche i giocatori subentrati dimostrano di darsi da fare per il bene della causa giallorossa. Magari un pizzico di attenzione in più sui calci d’angolo non sarebbe sbagliata.

VOTO DI SQUADRA 6.5: Un voto positivo per una vittoria importantissima in ottica quinto posto, meritata se consideriamo la prestazione ma dubbia se pensiamo al rigore del definitivo 2-1. La squadra gioca bene, è attenta e propositiva, salvo i soliti errori difensivi, e se riuscisse a essere più cinica sottoporta potrebbe chiudere prima le partite e soprattutto placare le polemiche su episodi come quello di ieri.


Emanuele Grilli




Acquista il libro "Io, il cancro e la Maggica" di Elena Sorrentino su Amazon e sostieni il progetto!

Seguici su Instagram, presto tante novita' e premi per i nostri follower

Copyright 2016 © By Il Legionario di Elena Sorrentino - Tutti i diritti sono riservati - Vietata la riproduzione non autorizzata