L'argomento
APPROFONDIMENTI

Palermo Roma: Quando Aquilani segnò al Palermo da 35 metri

di Emanuele Grilli (con video)
Redazione de Il Legionario
inserita 5 mesi fa
171
10:00
1177
PALERMO ROMA 2-4: La Roma decide di iniziare subito a spron battuto e passa in vantaggio dopo soli due minuti con Pjanic, che batte il portiere con un tocco sotto dopo una bella azione di squadra. Lo stesso Pjanic serve poi l'assist per Florenzi che buca tutta la difesa e segna subito il gol del 2-0. Alla mezzora Gervinho si inventa una giocata sensazionale in zona offensiva, un dribbling su tutti i difensori e un missile incredibile all'incrocio dei pali. Sembra tutto finito ma nella ripresa il Palermo ha uno scatto di orgoglio e segna il gol del 3-1 con Alberto Gilardino, che batte il portiere Szczesny con un sinistro angolato. Al 40' arriva un secondo gol rosanero stavolta con Gonzalez, che svetta di testa e riapre vecchie ferite nel cuore dei tifosi giallorossi. La Roma però non ci sta e al 90' chiude definitivamente i giochi ancora con Gervinho, che prende palla e con un destro di esterno batte un incolpevole Sorrentino. 4-2 e vittoria quindi in cassaforte.


PALERMO ROMA 1-1: Il Palermo torna in serie A dopo un anno di purgatorio e segna dopo soli 100 secondi con la Joya Paulo Dybala, che sfrutta un erroraccio in fase di impostazione di Astori per battere De Sanctis con un sinistro preciso. Nella ripresa la Roma riesce a pareggiare con l'ultimo gol in maglia giallorossa di Mattia Destro, un gol che però non basta ai giallorossi per evitare l'allungamento della Juve in campionato verso il quinto scudetto consecutivo.

PALERMO-ROMA 2-0: La Roma di Andreazzoli rimane probabilmente una delle più brutte a livello di gioco degli ultimi dieci anni, e lo dimostra questa sconfitta netta per mano di un Palermo con un piede in serie B. Ilicic porta in vantaggio i rosanero con un sinistro preciso e potente, poi alla mezzora segna nuovamente Miccoli sfruttando una dormita generale di tutta la squadra giallorossa. Vittoria quindi assolutamente meritata che però non basterà ai padroni di casa per salvarsi alla fine della stagione.

PALERMO-ROMA 0-1: La Roma conquista una vittoria che mancava da 5 anni con il settimo gol su otto partite di Borini, che sfrutta un assist geniale di Lamela per battere il portiere con un sinistro preciso e angolato. Un bel gol che premia uno dei pochi giocatori veramente positivi in tutto l'arco di quella stagione.

PALERMO-ROMA 3-1: La Roma di questa stagione è sicuramente una delle più altalenanti degli ultimi anni, e questa partita ne è un esempio lampante. Passano pochi minuti e subito Miccoli segna il suo ennesimo gol ai giallorossi con un sinistro angolato non visto dal portiere Julio Sergio. Nella ripresa la Roma cerca di imbastire qualche azione ma il tutto invece si tramuta nel gol del 2-0 di Ilicic, che sfrutta ancora una volta una difesa imbarazzante per chiudere definitivamente i giochi. Dieci minuti dopo ci pensa ancora Nocerino a segnare il terzo gol e rendere la sconfitta giallorossa veramente umiliante, rialzata solo parzialmente dal primo gol stagionale di Totti su azione.

PALERMO-ROMA 3-3: La partita si gioca in una marea di pozzanghere ed acqua, e di questo ne beneficano spettacolo e soprattutto gol. Al 20' la Roma va in vantaggio con un destro preciso di Matteo Brighi, poi al 40' arriva un pareggio strano di Igor Budan, non per la marcatura in se ma per come essa riesce a concretizzarsi. Al 46' nuovo vantaggio giallorosso con Nicolas Burdisso, che segna il suo primo gol stagionale con un colpo di testa in mischia. Tutto lascia presagire a un finale di primo tempo con questo risultato, ma all'ultimo secondo dell'ultimo minuto di recupero Miccoli trova un buco nella porta di Julio Sergio e ci infila la palla con grandissima precisione. La Roma accusa il colpo e nella ripresa va sotto con un missile di Nocerino, derivato anche in questo caso da una bella azione personale di Fabrizio Miccoli. Al 43' però Rubinho commette un fallo sciocco in area di rigore, l'arbitro non può fare altro che fischiare e sul dischetto Totti riporta la situazione in equilibrio, per una partita nel complesso ampiamente spettacolare.

PALERMO-ROMA 3-1: Anche in questo caso Palermo Roma è tra le primissime giornate ma rispetto alla stagione precedente troviamo una Roma molto più rimaneggiata e fuori forma nei propri componenti. Stranamente però è proprio la Roma ad andare in vantaggio con il primo gol stagionale di Julio Baptista, che riceve un bell'assist di Okaka per segnare senza problemi il gol dell'1-0. La risposta del Palermo però è immediata e veemente, e si concretizza verso la fine del primo tempo con una fucilata dalla distanza di Fabrizio Miccoli, che segna il primo di un infinità di gol alla squadra giallorossa. Nel secondo tempo la Roma soffre costantemente e subisce il raddoppio rosanero ancora con Miccoli, che supera Doni in uscita con un pallonetto morbido e preciso. La Roma tenta di reagire ma cosi facendo si scopre molto e permette quindi a Cavani di segnare il terzo gol e chiudere definitivamente la partita.

PALERMO-ROMA 0-2: Palermo Roma di questa stagione è la primissima partita di campionato, e la Roma dimostra di voler iniziare subito forte. Nel primo tempo dopo soli 4 minuti segna subito Mexes su un cross potente e preciso dalla destra, poi al 27' i giallorossi chiudono già i conti con un capolavoro dalla distanza di Alberto Aquilani, che fulmina Fontana con un missile dai 35 metri. Finisce quindi 2-0 e la Roma si candida subito come una delle favorite per il titolo finale.





PALERMO-ROMA 1-2: La Roma inizia subito bene e va in vantaggio con un capolavoro su punizione di Francesco Totti, un missile terra aria che non lascia scampo al portiere Fontana. La Roma è più forte e più in forma del Palermo e lo dimostra il secondo gol giallorosso di Marco Cassetti, che sfrutta al massimo un assist di Perrotta per segnare davanti il portiere con un destro angolato. Verso la fine della partita arriva il gol di Tedesco che sembra riaprire i giochi, ma la Roma controlla bene fino alla fine e conquista cosi il secondo posto matematico.

PALERMO-ROMA 3-3: Iniziamo subito con una delle partite simbolo di tutta la storia giallorossa, nel bene ma soprattutto nel male. Al 23' Taddei porta in vantaggio la Roma con un sinistro sporco dopo un azione confusionaria in area di rigore, poi dopo soli 5 minuti arriva il raddoppio giallorosso con Mancini, che segna abilmente un rigore causato dal portiere Agliardi. La Roma domina in lungo e in largo e solo al 30' arriva il terzo gol ancora con Mancini, che approfitta di una difesa rosanero veramente inguardabile. Sembra tutto finito ma nel secondo tempo si capovolge completamente la situazione. Di Michele segna un gol meraviglioso che riapre parzialmente i giochi, e soli due minuti dopo ci pensa Barone di testa a riaprire definitivamente la partita. La Roma è stordita e in confusione, e subisce addirittura il terzo gol ancora con Barone, che colpisce con una sforbiciata in area di rigore e batte un incolpevole Doni. Finisce quindi cosi una partita spettacolare ma deludente sotto il punto di vista del risultato.

Emanuele Grilli

Copyright 2016 © By Il Legionario di Elena Sorrentino - Tutti i diritti sono riservati - Vietata la riproduzione non autorizzata