In & Out

Milan Roma 2-2 - In & Out

a cura di Giovanni Acone
Redazione de Il Legionario
inserita 26 giorni fa
108
0:00
855
Ci sono pareggi e pareggi: quelli di Novembre avevano il sapore di punti persi, quello della serata di San Siro sa quasi di vittoria. La Roma cerca di arginare come può il Milan per poi ripartire quando possibile, ma arriva la beffa di Kalulu allo scoccare della mezz’ora. La partita diventa fisica, dura con gialli da una parte e dall’altra, con in mezzo la grazia concessa a Bennacer che già ammonito entra su Pellegrini, l’algerino ringrazia Tonali che distrae Massa e Pioli lo fa uscire. Il Milan raddoppia con Pobega, un gol che sembra essere una sentenza, ma che invece rinvigorisce i giallorossi. Guidati da Foti i giocatori sfruttano le palle inattive, loro punto forte, Ibanez insacca e riapre tutto all’87’. Matic aumenta la pressione e la Roma insiste, all’ultimo respiro fallo duro di Vranckx, Pellegrini batte dal lato destro di campo e proprio il serbo incorna, Tatarunasu salva, ma gli si presenta davanti Abraham che insacca e fa esplodere il settore ospiti. Importante risultato in quel di Milano, riuscendo dopo circa 20 anni a non perdere punti in trasferta tra il San Siro e lo Juventus Stadium e rimanendo attaccati al gruppo di testa che rimane corto visti i passi falsi delle dirette concorrenti. 


IN

Tammy Abraham

Sembra essere la solita partita fatta di tanta fisicità, tanto sacrificio e purtroppo poche occasioni davanti, ma la tigre inglese ci crede fino alla fine e così risponde pronto al 93° minuto. Insacca e torna a graffiare, un gol che potrebbe essere decisivo per sbloccarsi e rilanciarsi. Sulle sue spalle si appoggia la Roma e lui la porta a riveder la luce. Cinico.

Nemanja Matic
Il suo ingresso garantisce spinta e maggior supporto a centrocampo. Un incolore Cristante viene sostituito per l’ex Manchester che invece inventa nuovi colori per la sfilata milanese. È merito suo se arriva il pallone del 2-2 ad Abraham, merito suo se la Roma schiaccia sempre di più i rossoneri nel finale.


OUT

Rui Patricio
Qualche colpa di troppo in occasione del primo gol. Il portiere portoghese sembra mal posizionato e in ritardo sul colpo di testa di Kalulu, mostrando qualche insicurezza di troppo che costa caro alla Roma. Se fosse arrivato sulla conclusione, chissà.

Nicolò Zaniolo
La sua partita si condensa nella frustrazione con la quale si gira e tira anche se con un difensore davanti. Un giocatore fin troppo oscurato dall’immagine di ciò che era e che mostra con troppa discontinuità quest’anno. Ha bisogno anche lui di sbloccarsi in campionato e ne ha bisogno anche la Roma visti i prossimi impegni.


Giovanni Acone





Copyright 2016 © By Il Legionario di Elena Sorrentino - Tutti i diritti sono riservati - Vietata la riproduzione non autorizzata