La Sfera dei Capricci

La Sfera dei Capricci: Si può ridere di tutto?

Una rubrica di Franco Costantini
Redazione de Il Legionario
inserita 6 mesi fa
944
0:00
151111
O Sfera che governi
del calcio il paradosso,
ispira versi eterni
al vate giallorosso…



La malinconia tende ad esprimersi in settenari. Eppure, a ben vedere, la speranza si cela persino nei versi tristi…

Il virus-terremoto
le vittime conteggia.
Ma nello stadio vuoto
un “Daje Roma” echeggia.
(Dall’uggia allor mi scuoto,
ché dopo il buio albeggia…)

*

Sfottonari

Nulla è certo, di questi tempi. Ma è possibile che il campionato riprenda, seppure a porte chiuse. Magari alla fine di maggio, o a giugno. Magari concentrando in pochi stadi tutte le partite. Magari giocando ogni tre giorni, per consentire poi di concludere anche le coppe europee (l’Uefa, in effetti, ha già deciso: le coppe si ultimeranno quest’estate).
In questo clima di assoluta incertezza, c’è persino chi vuole ottenere due titoli italiani in un solo anno: parlo, ovviamente, della Lazio, che sogna lo scudetto 2020 ma anche - a tavolino - lo scudetto del 1915. Si merita qualche sfottonario, no?


Er cuggino-sanguisuga:
«Vojo er titolo, non mollo!»,
e la fronte sua corruga…
Je daremo, obtorto collo,
lo scudetto Vallespluga
che s’appiccica sur pollo…

*

Gli anagrammi della settimana

1.
Si dice che la Roma possa ingaggiare - a parametro zero - Mario Götze (anche se, per la verità, ci sono altre squadre interessate; tra cui il Napoli). Il ventottenne giocatore del Borussia Dortmund è un ex “giovane fenomeno”; da tempo sembra appannato, ma c’è chi (come Petrachi) potrebbe scommettere su un suo rilancio.
In proposito non ho le idee chiare. Ma forse la scommessa ha un senso, se Götze giungesse a parametro zero e se (come sembra) si decurtasse l’ingaggio. Anche l’onomanzia di Götze ha un suo fascino. Benché necessiti di spiegazione…


Mario Götze → Roma “zigote”

Lo zigote, come certo sapete, è una cellula - di norma diploide - che nasce dalla fusione di due gameti (maschile e femminile). Il nome deriva dal greco antico ζυγωτός (zygōtós), che significa “unito”, “aggiogato”. È proprio l’etimologia che dà un senso all’anagramma: Götze, insomma, dovrebbe - per destino - essere «unito alla Roma».

2.
«Non si può ridere di tutto e di tutti, ma ci si può provare» (Friedrich, Nietzsche). E io ci provo. Con questo anagramma:


Virus? È atroce. Ma, sappi, stan emergendo anche i lati buoni…
→ Esempio: la Vecchia Signora non ruba più da tre settimane



Franco Costantini



Acquista il libro "Io, il cancro e la Maggica" di Elena Sorrentino su Amazon e sostieni il progetto!

Seguici su Instagram, presto tante novita' e premi per i nostri follower

Copyright 2016 © By Il Legionario di Elena Sorrentino - Tutti i diritti sono riservati - Vietata la riproduzione non autorizzata