La Sfera dei Capricci

La Sfera dei Capricci: Scrivo e sopravvivo

Una rubrica di Franco Costantini
Redazione de Il Legionario
inserita 8 mesi fa
1000
0:00
211313
O Sfera che governi
del calcio il paradosso,
ispira versi eterni
al vate giallorosso…



Chiuso in casa, eppur giulivo,
scrivo scrivo e sopravvivo…


*

Una filastrocca amorosa

16 COSE BELLISSIME IN -OMA

Guarigione d’ematoma,
«È benigno il carcinoma!»,
il risveglio dopo il coma,
l’evidenza di un assioma,
somarello senza soma,
la coscienza dell’automa,
la ricchezza d’un idioma,
dolce suono di biscroma,
100 e lode nel diploma,
randa tesa sovra il boma,
di caffè l’amato aroma,
l’alma intrepida e mai doma,
l’armonia del tuo genoma,
la beltà della tua chioma,
il tuo culo in perizoma,
ed il coro «Grazie Roma!»



[N.B.: so bene che la filastrocca contiene un errore (al secondo verso). Un “carcinoma”, infatti, è per definizione un tumore maligno. Ma chi scrive versi ha un vantaggio: può usare tutte le figure retoriche che vuole, compreso l’ossimoro. E può permettersi di condensare in ottonario un concetto “ipermetrico”: «Il (presunto) carcinoma si è rivelato in realtà un tumore benigno» diventa dunque «È benigno il carcinoma!». Questa noticina, mi rendo conto, ha per oggetto un lemma poco capace di trasmettere allegria… Ma cade a proposito per consigliarvi una splendida lettura: «Io, il cancro e la Maggica»; v. la home page di questo sito]

*

Endecasberleffi

L’isolamento, si sa, tende a deprimerci; giacché siamo esseri sociali.
Personalmente, tento spesso di risollevarmi cercando in rete spiragli di conforto e di speranza; e compulso i quotidiani online, a caccia di notizie di questo genere: «C’è il closing! E Friedkin mette a disposizione 800 milioni per la campagna acquisti!»… Niente da fare. Compulso, compulso… ma non trovo buone nuove. Anzi.
Tanto vale fare una quartina ironica. Così, tanto per strappare a me stesso un ghigno…


In casa resto, e a consolarmi provo
con la birra (Corona oppure Ceres).
Altre consolazioni non ne trovo:
«La Roma riconferma Bruno Peres»…

*

Gli anagrammi della settimana

1. (#storiadelcalcio)
Vi ricordate la finale di Coppa Italia del 2010? A parte lo “scippo” ai danni della Roma (l’ennesimo), la partita passò alla storia per il calcio di Totti a Balotelli. Mentre usciva del campo (per la conseguente espulsione), il nostro Francesco fu avvicinato da alcuni interisti (tra cui Maicon) che - per solidarietà - vollero stringergli la mano. Questo anagramma è dedicato proprio a quella “pedata”. E sarà preceduto da una mia “difesa d’ufficio” (volta, ovviamente, a ottenere la piena assoluzione del Capitano).

«Non si può paragonare il calcio di Totti a Balotelli… a tutte le altre analoghe scorrettezze. Le analogie fenomeniche sono irrilevanti (sarebbe come paragonare un sadico che ti taglia un piede… al chirurgo che lo amputa per salvarti dalla cancrena: un’azione apparentemente simile può avere connotazioni etiche opposte).
Totti ebbe un sacrosanto sfogo: l’indignazione dell’eroe di fronte all’antonomasia della viltà, della slealtà, dell’antisportività, della totale assenza di virtù. Una felice reazione “di pancia”, che paradossalmente testimoniò la virtuosa purezza di Francesco.
Un po’ come Cristo, che si mise a sbraitare e a rovesciare i tavoli dei mercanti del tempio. O qualcuno pensa che Cristo sia stato un teppista?
Un po’ come Dante, che augurò la morte per annegamento a tutti i Pisani: quell’invettiva - paradossalmente - testimonia l’amore di Dante per la giustizia, giustizia che Pisa osò calpestare mandando a morte bambini innocenti.
Insomma: viva il calcio di Totti a Balotelli (che ha in sé tutta la nobiltà di una sculacciata educativa); e viva anche il suo sputo a Poulsen. Due azioni VIRTUOSE».


          Totti colpì (Balotelli recepì): la sua pedata fu da crimine?
          → Per tutti i medici, l’apporto di calcio fa bene alla salute




2. (#riferite-a-Friedkin-please)
Siccome sognare non costa nulla, provo a formulare una frase anagrammata che contenga un augurio DOPPIO (sarebbe bello far avere ’sto anagramma a Friedkin…). In ogni caso, fratelli giallorossi, tenete duro: con grinta e ottimismo!


           Se Friedkin compra la Roma (vuole ancora?)…
           → coronavirus crolla “ko” e ferma pandemia!



Franco Costantini



Acquista il libro "Io, il cancro e la Maggica" di Elena Sorrentino su Amazon e sostieni il progetto!

Seguici su Instagram, presto tante novita' e premi per i nostri follower

Copyright 2016 © By Il Legionario di Elena Sorrentino - Tutti i diritti sono riservati - Vietata la riproduzione non autorizzata