L'argomento
STADIO

La Roma vince ma non convince: 2 a 1 sul Liverpool

Troppe sbavature in difesa, Spalletti attende rinforzi (di Massimo Salvo). Guarda il video dei gol
Redazione de Il Legionario
inserita un anno fa
5881
15:00
292525

(di Massimo Salvo) - Diciamolo subito: quando al 6° minuto Nainggolan ha servito Dzeko che, pressato dagli avversari, ha tirato alle stelle, chiunque avrà ripensato ai fantasmi dello scorso anno, in uno spiacevole deja-vù. Eppure, a prescindere dal bosniaco, stanotte di mugugni ce ne sono stati un bel po’ alla luce degli orrori difensivi, che di certo non rassicurano in vista dell’imminente preliminare di Champions.

Ma andiamo con ordine. In Italia sono da poco passate le 2.30 di notte quando a Sant Louis i giallorossi scendono in campo per sfidare il Liverpool di Jürgen Klopp. Spalletti parte col classico 4-3-3, con Alisson in porta; Florenzi ©, Manolas, Juan Jesus ed Emerson Palmieri in difesa; Nainggolan, Paredes e Strootman in mediana; Dzeko, El Shaarawy e Salah in attacco.

De Rossi in panca, dunque, col toscano che gli preferisce Paredes pur memore del suo essere in vetrina e pronto a finire altrove. L’ex Empoli lo ripaga tutto sommato con una buona prestazione, che ben evidenzia gli automatismi a sostegno del reparto offensivo. Come quando al 5’ El Shaarawy conclude pericolosamente di destro, trovando però la pronta risposta del sempreverde Alex Manninger, vecchia conoscenza del calcio italiano, che a 39 anni suonati mostra reattività deviando il tiro.

Al 6’, come detto, Dzeko avrebbe la possibilità di punire Manninger, ma decide di graziarlo sparando alto. Al 29’, tuttavia, il bosniaco si ricorda che questo è – o dovrebbe essere – l’anno del riscatto e allora va a segno addirittura di sinistro, con una bella conclusione da fuori area che stavolta coglie impreparato il numero 1 avversario. Da segnare, una decina di minuti prima, l’ottima parata del suo collega Alisson su tiro ravvicinato di Sturridge.

Poco dopo è ancora quest’ultimo a sfiorare il goal, se non fosse per Manolas che salva sulla linea un pallonetto già smorzato dal portierone giallorosso. E’ il preludio al pareggio dei Reds: quando manca infatti un solo minuto all’intervallo, Emerson Palmieri si dimentica di Lovren e Dzeko – dimenticando nuovamente che quest’anno è l’anno del riscatto – tiene in gioco Ojo il quale, indisturbato, spinge in rete di testa.

La ripresa scorre via senza grandi emozioni (degna di nota è l’estrema decisione di Klopp, che sostituisce ben 10 giocatori su 11 risparmiando solo Wijnaldum, alter ego di Strootman nel Psv e nell'Olanda). Un’emozione la regalano i giallorossi al 18’, quando Florenzi mette al centro un cross invitante per Dzeko, che di testa impegna Mignolet; la respinta è però corta, tanto da consentire a Salah (fin lì spaesato) di metterla dentro.

Spalletti allora decide che è il momento di emulare Klopp: nel giro di dieci minuti dentro Gyomber, Seck, Torosidis, Gerson, Perotti, Iturbe, Ricci e Totti; fuori Manolas, Emerson Palmieri, Florenzi, Nainggolan, Strootman, Salah, El Shaarawy e Dzeko. Sono proprio due new entry a sfiorare il terzo goal: Ricci raccoglie un pallone rimpallato su azione del Capitano e costringe Mignolet all’ennesima deviazione corta, ma Iturbe non è pronto come Salah e a pochi passi dalla porta spara alto.

Respinta di Alisson a parte su incornata di Ings, di fatto è questa l’ultima azione della gara: la Roma dunque si aggiudica l’amichevole, ma lascia dietro sé dubbi e sbavature, come quelle difensive, che intanto dovrebbero essere attenuate dall’imminente arrivo di Fazio. Spalletti attende, Sabatini riflette, il tempo scorre.

 

Il tabellino


Liverpool (4-2-3-1): Manninger (46′ Mignolet); Clyne (46′ Alexander-Arnold), Lovren (46′ Stewart), Klavan (46′ Wisdom), Milner (C) (46′ Moreno) (80′ Randall); Can (46′ Henderson), Wijnaldum (70′ Brannagan); Ojo (46′ Markovic), Mane (46′ Lallana), Firmino (46′ Coutinho); Sturridge (46′ Ings).

A disp.: Benteke, George.

All. Jürgen Klopp

 

Roma (4-3-3): Alisson; Florenzi © (62′ Torosidis), Manolas (75′ Gyomber), Juan Jesus, Emerson (78′ Seck); Nainggolan (62′ Gerson), Paredes, Strootman (75′ Perotti); Salah (62′ Iturbe), Dzeko (62′ Totti), El Shaarawy (62′ Ricci).

A disp.: Crisanto, Lobont, Romagnoli, De Santis, Marchizza, De Rossi, Di Livio, D’Urso, Vainqueur, Soleri.
All. Luciano Spalletti



Guarda i gol dell'amichevole



Copyright 2016 © By Il Legionario di Elena Sorrentino - Tutti i diritti sono riservati - Vietata la riproduzione non autorizzata